domenica 5 Dicembre 2021 Paolisi. Un 72enne denunciato per uccellagione e maltrattamento di animali | infosannionews.it domenica 5 Dicembre 2021
Smooth Slider

Terra - Abitare il Corpo in scena alla Casa Circondariale di Benevento

La FIDAPA, sezione di Benevento, sostiene l’arte in un mondo ...

San Pio. Al momento situazione covid stazionaria. Sempre 20 i ricoverati

San Pio. Al momento situazione covid stazionaria. Sempre 20 i ricoverati

Situazione stazionaria al San Pio di Benevento relativamente ai ricoveri ...

Pago Veiano. Assegnate le deleghe agli assessori e incarichi a tutti i consiglieri.

Il primo cittadino ha mantenuto gli impegni promessi nel corso ...

Collarile (Coni) : Segnalateci quei dirigenti che ‘snobbano’ le ore dedicate alle attività motorie

“Segnalateci quei dirigenti che ‘snobbano’ le ore dedicate alle attività ...

Prefettura. Riunione per definire gli ultimi dettagli del Piano di Controlli per prevenzione Covid 19

Nel pomeriggio odierno, a poche ore dall’avvio del “Piano di ...

Picariello : “Con la pioggia tornano i disagi in contrada Pantano”

Picariello : Con la pioggia tornano i disagi in contrada Pantano

“Il tempo passa ma i problemi restano”.Scrive Antonio Picariello : ...

Stampa articolo Stampa articolo

Paolisi. Un 72enne denunciato per uccellagione e maltrattamento di animali

23/10/2021
By

Nel corso di un servizio mirato al controllo dell’attività venatoria ed alla prevenzione del bracconaggio, i militari della Stazione Carabinieri Forestale di Airola, in località “Vannara” del Comune di Paolisi, hanno deferito in stato di libertà un soggetto per il reato di uccellagione e maltrattamento di animali. I citati Carabinieri hanno rinvenuto, all’interno di un terreno abbandonato, un impianto mobile di uccellagione destinato alla cattura di cardellini, specie particolarmente ricercata per il variopinto piumaggio ed il melodioso canto. L’uomo L.B. di anni 72 residente a San Sebastiano al Vesuvio, che dovrà rispondere anche del reato di resistenza a pubblico ufficiale, aveva posizionato in prossimità della rete quattro richiami vivi della stessa specie, bloccandoli tra la vegetazione mediante un’imbracatura di filo di nylon, passante per collo, ali e zampe dei volatili, quindi tenuti in una condizione di grave maltrattamento. Intervenuti sul posto, i veterinari del Distretto Sanitario di Montesarchio garantivano le necessarie cure agli animali, poi affidati in custodia al Centro Recupero Selvatici dell’ASL di Napoli per essere riabilitati in vista del loro successivo reintegro in natura. L’azione svolta rientra in un contesto più ampio di controllo e monitoraggio dell’attività venatoria e di repressione dei reati conseguenti al bracconaggio, posta in essere dai Carabinieri Forestale per garantire la tutela e il benessere degli animali.

Tags: