domenica 5 Dicembre 2021 Del Basso De Caro : “Abbiamo stravinto perdendo. Al comune opposizione programmatica” | infosannionews.it domenica 5 Dicembre 2021
Smooth Slider

Terra - Abitare il Corpo in scena alla Casa Circondariale di Benevento

La FIDAPA, sezione di Benevento, sostiene l’arte in un mondo ...

San Pio. Al momento situazione covid stazionaria. Sempre 20 i ricoverati

San Pio. Al momento situazione covid stazionaria. Sempre 20 i ricoverati

Situazione stazionaria al San Pio di Benevento relativamente ai ricoveri ...

Pago Veiano. Assegnate le deleghe agli assessori e incarichi a tutti i consiglieri.

Il primo cittadino ha mantenuto gli impegni promessi nel corso ...

Collarile (Coni) : Segnalateci quei dirigenti che ‘snobbano’ le ore dedicate alle attività motorie

“Segnalateci quei dirigenti che ‘snobbano’ le ore dedicate alle attività ...

Prefettura. Riunione per definire gli ultimi dettagli del Piano di Controlli per prevenzione Covid 19

Nel pomeriggio odierno, a poche ore dall’avvio del “Piano di ...

Picariello : “Con la pioggia tornano i disagi in contrada Pantano”

Picariello : Con la pioggia tornano i disagi in contrada Pantano

“Il tempo passa ma i problemi restano”.Scrive Antonio Picariello : ...

Stampa articolo Stampa articolo

Del Basso De Caro : “Abbiamo stravinto perdendo. Al comune opposizione programmatica”

22/10/2021
By

Del Basso De Caro indice una conferenza stampa per chiarire la sua posizione in questa tornata elettorale e per spiegare il perchè del silenzio definito dagli avversari “carsico”. Malgrado l’aggettivo non lo  trova d’accordo in quanto al significato abbinato a silenzio, Del Basso De Caro ne ha spiegato il perchè. La scorsa volta che Perifano si candidò, e di anni ne sono passati parecchi, vennero realizzate delle vignette che lo riproducevano  in un cono d’ombra che aveva le orecchie a sventola. Scherzando sul suo aspetto fisico Del Basso De Caro ha collegato l’ombra alla sua persona e quindi è questa la chiave di lettura del suo silenzio. Ciò nonostante ha rivendicato il lavoro fatto nelle retrovie ed in sordina, ma fatto. Ed il Pd, che ha vissuto una battaglia difficilissima, è riuscito a rimettere in piedi una partita che al primo turno sembrava persa perdendo poi per pochi voti. E comunque un primo passo avanti verso il cambiamento, ha detto, atteso che Benevento le rivoluzioni non le ama. Ma, ha aggiunto, non è vero che era solo contro tutti, noi eravamo soli contro tutti i poteri forti comunali, provinciali e regionali.

Poi sposta la partita oltre i confini regionale asserendo che non sono i rapporti tra il Pd di Benevento e la Regione il tema dei prossimi giorni ma bensì il rapporto tra i vertici regionali e nazionali. Se sono venuti a Benevento ben 5 figure nazionali vorrà dire qualcosa. E se tra queste figure c’era anche il segretario nazionale Letta, che avrebbe potuto accampare scuse per gli impegni dell’elezioni della capitale, di Torino o di Trieste e scegli invece di venire anche a Benevento, è perchè è una scelta politica precisa di un partito che è un soggetto autonomo, autorevole e non caudatario di nessuno.

Ad ogni modo Del Basso De Caro dice di voler parlare del futuro perchè parlare delle elezioni passate è un esercizio inutile e, come la sposa dal settimo giorno in poi, e ci siamo quasi, non ne parlerà più nessuno.

Quindi sarà opposizione a Palazzo Mosti, ma non come piace dire dura o di dialogo, come i falchi o le colombe, ma programmatica con studio delle problematiche proposte ed indirizzi. Tanti saranno i nodi che verranno al pettine. I problemi sono lì, se li chiudi fuori la porta non si risolvono da soli, ritornano sempre.

E quindi un elencazioni di problematiche da risolvere, ad incominciare dai temi del dissesto e dei fondi dello stesso non versati ed utilizzati dall’amministrazione, al PNRR , alla convenzione di Via Saragat, i trasporti, il verde, i fiumi, l’igiene pubblica e così via. Anche l’Alta Velocità ed il raddoppio delle Telesina va organizzato per poterlo sfruttare con insediamenti imprenditoriali che non si trovano nel PNRR ma sono appunto di iniziativa di imprenditori.

Per il futuro, ha detto Del Basso De Caro, non va dispersa l’alleanza con Moretti ma mantenuta e rafforzata con una comune impostazione in Consiglio ma questo vale anche per i cinque stelle entrati troppo tardi nella competizione. Se avessero fatto la lista sarebbe andata in modo diverso? Questo non lo so, ha aggiunto, ma sarebbe stato sicuramente meglio.

Io darò sempre una mano, muovendomi nell’ultima fila senza disturbare nessuno anche perchè sono convinto che il potere senza idee si logora presto e collassa rapidamente.

Sulle diatribe interne ha commentato dicendo:   visti i risultati elettorali raggiunti sono da augurare a tutti i partiti. Siamo arrivati primi in città, è inutile che dicono il contrario, primi pure alle regionali. Abbiamo stravinto perdendo ? Certo ma abbiamo corso in salita e contro vento e negare questo è negare l’esistenza del sole.

Poi un ringraziamento sincero per Luigi Diego Perifano presente in sala. “Il migliore candidato possibile. E’ stato semplicemente straordinario. Ha un limite? Per qualcuno forse sì, quello di essere una persona perbene e seria. Ma grazie a lui abbiamo aperto una breccia. E a volte una breccia è sufficiente a far crollare un muro”.

Tags: