lunedì 23 Maggio 2022 Centro storico, Perifano: “Questione non più rinviabile” | infosannionews.it lunedì 23 Maggio 2022
Smooth Slider
Consiglio Territoriale per l’Immigrazione. Interventi in favore della popolazione Ucraina

Consiglio Territoriale per l’Immigrazione. Interventi in favore della popolazione Ucraina

Il Prefetto di Benevento, dr. Carlo Torlontano, nella giornata del ...

Covid, San Pio. Un dimesso e quattro nuovi ricoveri

Covid, San Pio. Un dimesso e quattro nuovi ricoveri

Sono diventati 25 i pazienti Covid al San Pio di ...

Ritorna la Festa della Ciliegia di Campoli del Monte Taburno

Dal 10 al 12 giugno, il borgo di Campoli del ...

Anniversario nascita San Pio, gran concerto dell'orchestra sinfonica del Conservatorio

In occasione del 135° Anniversario della nascita di Padre Pio, ...

Forum delle aree interne : Un ponte per le aree interne

Circa trecento amministratori, tecnici, operatori sociali e imprenditori, provenienti da ...

Stampa articolo Stampa articolo

Centro storico, Perifano: “Questione non più rinviabile”

23/09/2021
By

Di seguito nota stampa di Luigi Diego Perifano, candidato sindaco di ‘Alternativa per Benevento’. “Esiste un problema Centro Storico? Sì, esiste. Sarebbe un errore negarlo. Ma allo stesso modo sbaglia chi critica i residenti che reclamano la vivibilità dei luoghi o chi colpevolizza imprenditori che lavorano e danno lavoro o ancora chi scarica le responsabilità sui giovani e il loro desiderio di socialità. La generalizzazione rischia di far pagare il conto alle vittime e non ai violenti, non agli incivili. E così anche l’immobilismo, ovvero il lasciar correre sperando che nulla più accada. Non mi appassiona la ‘caccia’ ai colpevoli ma mi interessa la ricerca della soluzione. Soluzione che non arriverà mai, se non si inquadra e si riconosce il problema. I fatti accaduti martedì notte hanno evidenziato la questione della pubblica sicurezza, che investe Comune, Questura e Prefettura ma sul tappeto ci sono anche i temi dell’incuria, della trascuratezza e della scarsa illuminazione di alcune strade e vicoli e delle regole che mancano o non vengono rispettate. Su questo punto, ribadisco un concetto a me caro: i conflitti non vanno esasperati ma vanno affrontati, anche se costa fatica e anche al costo di scontentare in parte qualcuno. Non ci sono alternative: un’amministrazione comunale deve fare la sua parte, per quelle che sono le proprie possibilità e competenze. La prima cosa che farò, se toccherà a me l’onore di guidare la Città, sarà riunire allo stesso tavolo le rappresentanze dei residenti e degli imprenditori per giungere a un regolamento condiviso. E lo farò partendo proprio da un accordo che era stato già raggiunto tra le parti ma che poi l’amministrazione ha deciso di stravolgere”.

Tags: