venerdì 21 Gennaio 2022 Sequestro pini: Giorgione in risposta a De Iapinis: “ho invitato l’amministrazione ad impugnare il sequestro poiché lo ritengo infondato in fatto e in diritto” | infosannionews.it venerdì 21 Gennaio 2022
Smooth Slider
Masiello (Codiretti e Cecas) : “Con Ciro Fanzo scompare un protagonista della cooperazione agricola”

Masiello (Codiretti e Cecas) : Con Ciro Fanzo scompare un protagonista della cooperazione agricola

La federazione provinciale di Coldiretti Benevento e il CECAS – ...

PNRR. De Stasio a De Pierro : “Manca Democrazia e Partecipazione”

PNRR. De Stasio a De Pierro : Manca Democrazia e Partecipazione

"La “Collaborazione Istituzionale" non può essere un alibi per mascherare ...

Si stanno svolgendo gli open day virtuali dell’IC Bosco Lucarelli di Benevento

Si stanno svolgendo in questi giorni gli open day virtuali ...

Stampa articolo Stampa articolo

Sequestro pini: Giorgione in risposta a De Iapinis: “ho invitato l’amministrazione ad impugnare il sequestro poiché lo ritengo infondato in fatto e in diritto”

26/07/2021
By

Di seguito la risposta dell’assessore al comune di Benevento Gerardo Giorgione a De Iapinis(Movimento Benevento Città Verde):

“Apprendo che il sig. De Iapinis  si duole in quanto avrei affermato che “il sequestro è irregolare” e che avrei “dichiarato guerra alla magistratura…”.

Ebbene, ribadisco che ho invitato l’amministrazione ad impugnare il sequestro “poiché lo ritengo infondato in fatto ed in diritto”.

Il sequestro, Sig. De Iapinis, è stato emesso per una paventata irregolarità amministrativa e non ho detto “che è irregolare”. Le sarà stato riportato qualcosa di distorto.

Caro presidente, (chiedo scusa non mi sovviene il nome del “movimento” che lei rappresenta), il sottoscritto ha sempre portato, e continua a farlo, rispetto per la magistratura ed i giudicanti “tanto è che si e recato personalmente a depositare una relazione in Procura… ma lei, forse, impegnato ad ascoltarle le centinaia di persone aderenti al suo movimento, non se ne è avveduto di tale azione, corroborativa dell’azione del Magistrato inquirente, o forse, scientemente, ha fatto finta di scordarlo.

Certamente, il nostro ordinamento, ed il codice di procedura penale, ci consente nella previsione dell’art. 324 cpp (evito il ricorso per saltum in Cassazione) di poter impugnare qualsivoglia atto cautelare ove, a parere di chi impugna, non sia fondato. Questo è diritto e non significa “essere sovversivi o dissotterarre l’ascia di guerra, dichiarando l’attacco alla magistratura… Il tempo delle “ombre rosse” (lei ricorderà questa opera cinematografica) è finito. Nei paesi democratici, come il nostro, si discutono le ragioni contrapposte e poi, alla fine di un giudizio, il giudice terzo farà prevalere l’una o l’altra ragione. Mi viene da chiederLe se lei, persona nota, sia politicamente che a livello imprenditoriale, ha mai avuto modo di impugnare qualche atto in tribunale? E se lo ha fatto, per caso è un sovversivo?

Concludo, caro, sig. De Iapinis, dicendole che il Sig. Sindaco, ex Ministro della Giustizia, è persona rispettosissima del ruolo dei magistrati, ma oggi rappresenta un Ente ed ha l’obbligo di impugnare un atto, proprio per evitarne un giudicato cautelare, presso il competente Tribunale delle Libertà. Il nostro ordinamento lo prevede, mi dispiaccio per lei che forse non ne era a conoscenza.

Tags: