venerdì 3 Dicembre 2021 Terminata la seconda stagione del format-social, targato Ac diocesana, “Antivirus” | infosannionews.it venerdì 3 Dicembre 2021
Smooth Slider

Trotta Bus, Varricchio e Perifano chiedono audizione in Commissione di assessore e vertici dell’azienda

I consiglieri comunali Marialetizia Varricchio (Partito Democratico) e Luigi Diego ...

Piano PNRR, il sindaco Mastella incontra Arcuri amministratore delegato di Invitalia.

Piano PNRR, il sindaco Mastella incontra Arcuri amministratore delegato di Invitalia.

"Ho avuto, ieri, un incontro con l’amministratore delegato di Invitalia, ...

Operazione bosco sicuro. Sorpresi con un drone a tagliare alberi nel parco Regionale del Taburno Cinque persone nei guai.

Nell’ambito di una vasta operazione denominata “Bosco Sicuro”, tesa alla ...

A Sant'Agata dei Goti Natale al Borgo: i commercianti portano in scena spettacoli, musica e artigianato

I commercianti si rimboccano le maniche e propongono un inteso ...

Stampa articolo Stampa articolo

Terminata la seconda stagione del format-social, targato Ac diocesana, “Antivirus”

08/06/2021
By

Azione Cattolica diocesana, termina con la rielaborazione dialettale della Divina Commedia dell’Istituto “Luigi Sodo” la seconda stagione delle interviste di Antivirus.


E’ terminata, presentando un progetto originale, interessante e significato, la seconda stagione del format-social, targato Ac diocesana, “ANTIVIRUS – Abitare questo tempo in piedi”. Il progetto innovativo presentato è quello dell’Istituto “Luigi Sodo” di Cerreto Sannita, diretto dal dirigente scolastico don Alfonso Salomone, su “La Divina Commedia nei dialetti locali”, nel settimo centenario della morte di Dante Alighieri.

Con quest’idea, coordinata dalla docente di Lettere Maria Filippelli, che, insieme ad alcuni studenti, l’ha raccontata ieri sera proprio sulla pagina fb dell’Ac diocesana, le terzine dell’opera più famosa del Sommo Poeta sono state rielaborate e riadattate nei dialetti delle zone di provenienza degli studenti. Gli studenti Maria Romano, Riccardo Nacar, Alessia Baldini e Antonio Filadelfio Cappello, hanno declamato, nella rielaborazione dialettale dei loro paesi di origine, il secondo e quinto canto dell’Inferno e il terzo canto del Purgatorio.

Un impegno non da poco, lodevole ed esemplare sia per la prospettiva pensata, sia per il lavoro impiegato da docente e studenti per realizzarla. Diverse le domande poste sulla pagina fb dell’Ac dai telespettatori, nei commenti: dal come è avvenuta la scelta dei passi danteschi alla curiosità su quali termini è stato più difficile rielaborare in dialetto, dal se è stato coinvolto qualcuno nella ricerca delle parole dialettali all’eventualità di una prosecuzione del lavoro sulle opere di Dante, al di fuori del “normale” percorso didattico nei prossimi anni.

Molto seguita da un vasto pubblico di tutte le fasce d’età questa forma di omaggio sentito e dovuto al Sommo Poeta, attraverso la presentazione di questo progetto. L’incontro è stato condotto e moderato da Rebecca Falco del Movimento Studenti di Azione Cattolica.

Tags: ,