venerdì 28 Gennaio 2022 Settantunenne arrestato per sentenza definitiva relativa al reato di violenza sessuale a persona minore di 14 anni | infosannionews.it venerdì 28 Gennaio 2022
Smooth Slider

Agostinelli a De Longis: Una pessima caduta di stile oppure palese ignoranza.

“Una pessima caduta di stile, quella del consigliere De Longis, ...

Crisi Prezzi alla Stalla. Sabato Flash Mob in Piazza Castello di Coldiretti Benevento

Crisi Prezzi alla Stalla. Sabato Flash Mob in Piazza Castello di Coldiretti Benevento

Sabato 29 gennaio dalle ore 10:30 in piazza Castello a ...

Puglianello. Fondi per finanziare il progetto di riqualificazione dell’ex Scuola Media

Puglianello. Fondi per finanziare il progetto di riqualificazione dell'ex Scuola Media

“Il Comune di Puglianello, attraverso un finanziamento proveniente dallo Stato ...

A San Leucio del Sannio contributo di 5.000 euro per chi vi trasferisce la propria residenza

A San Leucio del Sannio contributo di 5.000 euro per chi vi trasferisce la propria residenza

Il comune di San Leucio del Sannio è risultato beneficiario ...

Covid. Al San Pio 10 dimessi e 3 nuovi ricoveri

Covid. Al San Pio 10 dimessi e 3 nuovi ricoveri

Al San Pio di Benevento nelle ultime 24 ore ci ...

Firmato protocollo tra Unisannio e Dipartimento F.P. per ri-formare la P.A.

Al via percorsi di laurea specifici per i dipendenti pubblici ...

Stampa articolo Stampa articolo

Settantunenne arrestato per sentenza definitiva relativa al reato di violenza sessuale a persona minore di 14 anni

14/05/2021
By

Nel pomeriggio odierno, la Polizia di Stato ha notificato un ordine di esecuzione per la carcerazione, emesso dalla Procura della Repubblica di Benevento, ad un settantunenne della provincia di Benevento. A seguito dell’inammissibilità del ricorso per Cassazione è stato condannato, con sentenza definitiva, alla reclusione di sette anni e tre mesi poiché riconosciuto colpevole del reato di violenza sessuale aggravata, commessa ai danni di una persona minore degli anni 14, della quale il colpevole era anche tutore. La vicenda, sfociata nella summenzionata condanna, trae origine da una indagine svolta agli inizi del 2013 dagli Agenti della Squadra Mobile che, dopo aver appreso la grave notizia di reato, iniziavano un’articolata attività investigativa, anche con l’ausilio di attività tecniche, che consentiva di arrestare l’autore in flagranza di reato. E’ stato, altresì condannato alle pene accessorie dell’interdizione perpetua dall’esercizio di tutela e curatela, dai pubblici uffici e da scuole o istituti sia pubblici che privati. Dopo gli adempimenti di rito, veniva associato alla locale Casa Circondariale.

Tags: