martedì 2 Marzo 2021 Ordinanza di divieto di avvicinamento nei luoghi frequentati per un 21enne di Sturno | infosannionews.it martedì 2 Marzo 2021
Smooth Slider
Il “San Pio” registra 30 nuovi casi di positività al Covid

Il San Pio registra 30 nuovi casi di positività al Covid

L'Azienda Ospedaliera “San Pio” ha processato in data odierna 388 ...

Altrabenevento cerca la collaborazione dei cittadini per otto gruppi di lavoro

Altrabenevento cerca la collaborazione dei cittadini per otto gruppi di lavoro

Contro il malaffare per migliorare la qualità della città, Altrabenevento ...

Federscherma di Benevento Sara Furno si complimenta con le campionesse Rossana Pasquino e Francesca Boscarelli

Il Delegato provinciale Federscherma di Benevento Sara Furno si complimenta ...

Dalla Asl registrati 14 nuovi positivi al Covid

Dalla Asl registrati 14 nuovi positivi al Covid

Dalla Asl di Benevento si registrano 14 nuove positività al ...

Al San Pio 52 i positivi al Covid

Al San Pio 52 i positivi al Covid

Dal bollettino informativo dell' Azienda Ospedaliera "San Pio" si registrano ...

Ordinanza di divieto di avvicinamento nei luoghi frequentati per un 21enne di Sturno

22/01/2021
By

Nel pomeriggio odierno, all’esito di un’indagine coordinata dalla Procura della Repubblica di Benevento, i Carabinieri della Compagnia di Mirabella Eclano hanno dato esecuzione ad una ordinanza di divieto di avvicinamento ai luoghi abitualmente frequentati dalla vittima, emessa dal Giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Benevento, su richiesta della Procura della Repubblica, nei confronti di una 21enne di Sturno, raggiunta da gravi indizi per i reati di atti persecutori e diffamazione nei confronti di un giovane di Mirabella Eclano.

Pedinamenti, minacce, video diffamatori diffusi sui social network e molestie telefoniche, questa è la sequela di azioni attraverso cui un ragazza aveva incominciato a perseguitare l’ex fidanzato. Attraverso una riservata attività investigativa, i Carabinieri della Stazione di Mirabella Eclano hanno accertato la veridicità dei fatti raccontati, ricostruendo date, luoghi e modalità esecutive con cui si erano materializzate le singole condotte persecutorie. I gravi indizi di colpevolezza raccolti hanno così portato all’emissione dell’odierno provvedimento.

Il delicato caso di violenza di genere, come tanti altri del medesimo tipo che stiamo registrando sul nostro territorio, è stato risolto grazie alla sensibilità, alla professionalità ed alla sinergia tra i reparti del Comando Provinciale dei Carabinieri di Avellino e tra essi e la Procura della Repubblica di Benevento.

Tags: