domenica 7 Marzo 2021 AltraBenevento : “Mastella querela mezz’Italia” | infosannionews.it domenica 7 Marzo 2021
Smooth Slider
Inzaghi si tiene stretto il gol di Gaich. Spezia 1 Benevento 1

Inzaghi si tiene stretto il gol di Gaich. Spezia 1 Benevento 1

Un buon pareggio tra due squadre che hanno cercato sul ...

Asl Benevento. 55 positivi dai 359 tamponi processati

Asl Benevento. 55 positivi dai 359 tamponi processati

E' quanto fa sapere l'Asl con il bollettino giornaliero. Dei ...

San Nicola Manfredi. Arturo Vernillo risponde ad Angelo Capobianco

Il rappresentante di Sviluppo e Solidarietà, chiarisce diversi punti tirati ...

San Pio. Oggi 3 dimessi e nessun deceduto. Aumentano i positivi ricoverati e dai tamponi altri 15 positivi

San Pio. Oggi 3 dimessi e nessun deceduto. Aumentano i positivi ricoverati e dai tamponi altri 15 positivi

L'Azienda Ospedaliera San Pio comunica che oggi 3 pazienti positivi ...

Noi Campani: sciacallaggio mediatico da parte di Civico22

Noi Campani: sciacallaggio mediatico da parte di Civico22

"Quello portato avanti da Civico22 è un vero e proprio ...

Gesesa, Lunedì 8 Marzo: interruzione idrica a Benevento e Castelpoto ed uffici chiusi per zona rossa

GESESA - Benevento e Castelpoto: lunedì 8 marzo interruzione idrica ...

AltraBenevento : “Mastella querela mezz’Italia”

16/01/2021
By

Scrivono da AltraBenevento : “Mastella querela mezz’Italia per i riferimenti alle trattative per “salvare il governo” mentre si discute del finanziamento per il palazzo sul terminal bus a Benevento di una società casertana. Il progetto per la costruzione di un palazzo di una società casertana sull’area del terminal bus con parcheggio interrato in piazza Risorgimento è un nervo scoperto per l’on. Clemente Mastella che ha annunciato l’ennesima querela per chi contesta l’opera. Pretende anche che la stampa nazionale rimuova le notizie relative alla sua richiesta di conferma del finanziamento ministeriale di sette milioni di euro per tale opera, mentre sta trattando a nome dei “costruttori” per “salvare il governo”. In particolare Mastella fa sapere di “non conoscere alcuna impresa di costruzioni casertana” e che “il finanziamento in questione risale all’anno 2017 – “Bando periferie-delibera CIPE” -e il relativo progetto fu deliberato dalla giunta comunale addirittura nell’agosto del 2016”. Però l’ex ministro della Giustizia non precisa che il progetto preliminare approvato dalla sua amministrazione dopo un mese dall’insediamento, è proprio quello presentato della società Lumode di Gricignano di Aversa che prevedeva, soprattutto, la costruzione di un edificio di cinque piani sull’area dell’ex campo La Salle, utilizzato adesso come terminal Bus. Si trattava di una proposta di Project Financing, cioè di un intervento fatto da un privato a sue spese e poi gestito per 30 anni dalla stessa società per recuperare l’investimento. Nel caso specifico, però, la Lumode si impegnava solo a contribuire con due milioni e mezzo di euro alla spesa prevista di nove milioni e mezzo. La Giunta Comunale dopo qualche accesa discussione che coinvolse soprattutto l’allora assessore all’Urbanistica, Gerardo Giorgione (costretto alle dimissioni per aver insultato con un post su facebook la moglie di Matteo Renzi ma rinominato assessore al Comune a marzo scorso), approvò la proposta della Lumode e la inserì nel programma per la “riqualificazione delle periferie” composto da 17 progetti. Il programma, nonostante fosse stato giudicato appena sufficiente dalla commissione ministeriale di valutazione, è stato ammesso a finanziamento e sette milioni di euro, sui diciotto promessi, sono stati destinati al progetto della Lumode. La società è attiva in provincia di Benevento da diversi anni ma quando nell’estate del 2018 ho ricordato che la stessa ditta casertana ha realizzato anche il Green Park di Ceppaloni, l’on Mastella si infuriò ed annunciò che mi avrebbe denunciato perché lui con conosceva quegli imprenditori. Io, in verità, non lo avevo affermato: mi ero limitato a segnalare che, naturalmente, Mastella, ex sindaco di Ceppaloni era presente a quella inaugurazione. Poi, quando a febbraio 2020 ho segnalato, come presidente di Altrabenevento, che il direttore dei lavori del Green Park di Ceppaloni era l’arch. Antonio Iadicicco, lo stesso che ha redatto nel 2016 il progetto della Lumode per il palazzo sul terminal bus di Benevento e che poi nel 2018 è stato nominato dirigente del settore Urbanistica e nel 2019 Responsabile proprio del Programma Periferie del Comune di Benevento, sono stato sospeso dal servizio come dipendente dell’Ente. Il progetto di Iadicicco per il palazzo sull’ex campo La Salle è stato duramente contestato da Altrabenevento, dal Comitato Giù le mani dal Terminal Bus e da numerosi residenti e commercianti del Centro Storico e perciò l’amministrazione ha dovuto chiedere alla Lumode di rivedere la proposta per ridurre la grandezza dell’edificio. La società ha accettato a condizione che le sia consentito di realizzare e gestire per 30 anni un parcheggio interrato in piazza Risorgimento con l’obbligo della Polizia Municipale di non consentire la sosta, neppure temporanea, fuori dagli stalli, nel raggio di un chilometro. Il progetto rimodulato è stato inviato per l’approvazione al Nucleo di monitoraggio e verifica sull’esecuzione del Programma Straordinario Periferie – Presidenza del consiglio dei Ministri- ma la richiesta fa riferimento, erroneamente, “a quanto deliberato dal Consiglio Comunale nella seduta del 31 luglio 2020”. In realtà non c’è nessuna delibera del Consiglio Comunale in tal senso ! C’era stata una mozione presentata dal consigliere Cosimo Lepore (ala PD vicina a Mastella), ma non ci fu alcuna votazione. Il sindaco si incaricò di intervenire direttamente presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri per chiedere di valutare la modifica del progetto e la conferma del finanziamento. Mastella, infatti, a settembre scorso, ha scritto al nucleo di valutazione della Presidenza del Consiglio dei Ministri una lunga lettera con la quale, dopo aver lamentato una campagna di disinformazione, strumentalizzazione, diffamazione e boicottaggio ai suoi danni e segnalato i toni definiti “razzisti” contro le ditte casertane da parte del Comitato civico che criticava il progetto, ha illustrato la variante e chiesto la conferma del finanziamento. Di conseguenza l’ufficio tecnico ha inviato al nucleo ministeriale il progetto rielaborato dalla Lumode che però non può essere visionato perché non è stato ancora approvato dalla Giunta Comunale. Ma intanto l’amministrazione Mastella tratta con il ministero la sua preventiva approvazione e la conferma dei sette milioni di euro per l’assalto all’area del terminal Bus e di Piazza Risorgimento da parte delle ditte casertane che ci riprovano per la terza volta dal 2004. E’ una bella storia, davvero significativa e ricca di colpi di scena, che va raccontata a puntate, dopo questa introduzione. Gabriele Corona, Altrabenevento.”

Tags: