lunedì 8 Marzo 2021 Lucio Lonardo : ” Scarsa informazione all’utenza sui vaccini” | infosannionews.it lunedì 8 Marzo 2021
Smooth Slider
Asl Benevento. Altri 42 positivi covid 19

Asl Benevento. Altri 42 positivi covid 19

Dai dati forniti dall'Asl di Benevento, oggi sono stati processati ...

Pago Veiano. Rinnovo consiglio comunale: Cinzia Antonino capolista contro Mauro De Ieso?

La giovane farmacista indicata da più parti per contrastare la ...

Giustino Fortunto. Lunedì 8 Marzo convegno “LE DONNE CHE CAMBIANO IL MONDO”

Lunedì 8 marzo alle ore 17.00, l'Università Giustino Fortunato, la ...

La scomparsa di Laura Leone: UniSannio si stringe al dolore della famiglia

L’Università del Sannio apprende incredula la notizia della scomparsa di ...

Lucio Lonardo : ” Scarsa informazione all’utenza sui vaccini”

16/01/2021
By

Scrive Lucio Lonardo : “VACCINO AUDACES JUVAT! Con questo aforisma, da vaccinato e da medico, voglio dire che questa arma bellissima e fortissima nel controllo delle malattie infettive va utilizzata anche per la quasi assenza non solo di effetti collaterali ma anche di una semplice particolarmente fastidiosa sintomatologia e vi assicuro che non è necessario essere audaci, cioè sprezzanti del pericolo, ma sempliciamente essere attenti alla conservazione del proprio stato di buona salute. Certo la reale efficacia, se grande o piccola, lo sapremo sulla nostra pelle… solo vivendo o meglio nei prossimi mesi ma attualmente è la nostra unica arma di difesa e quindi va assolutamente praticata con sufficiente fiducia perchè la sperimentazione è stata molto seria. Se devo fare una critica, devo convenire che c’è stata scarsa informazione all’utenza, nel senso che i cittadini avrebbero dovuto ricevere più informazioni su questa pratica : voglio dire che se fossi stato il Sindaco di Benevento, invece delle solite telefonate a volte celebrative altre volte da frate trappista o da “seccia” quelle del ” fratello ricordati che devi morire” tra l’altro eseguite con voce roca, greve, nasale, avrei optato per il coinvolgimento della GESESA, gestore unico di una particolare utenza, nell’ inviare un semplice depliant con le istruzioni di uso di questa particolare pratica fornendo notizie concise e efficaci sulla materia. Ricordo solo a me stesso che questa pratica la usammo più volte con successo quando, da Presidente ASIA, lanciammo la campagna della raccolta differenziata nel 2007 e del porta a porta nel 2010. Chi se la sente, proseguendo nella lettura di queste righe, troverà comunque risposte ai più comuni interrogativi in materia, diciamo che faccio da insegnante di sostegno ad un Sindaco un pò distatto dalla ricerca di una dimensione nazionale andandogli stretta, evidentemente, quella locale. 1) CHE COS’E’ E A CHE COSA SERVE: è un preparato destinato a prevenire la malattia da Coronarovirus 2019, COVID-19 grazie all’uso di una molecola apportatrice di istruzioni per produrre una proteina presente nella bestia. 2) COME VIENE SOMMINISTRATO? : quello attualmente in distribuzione viene somministrato in due iniezioni,nel muscolo della parte superiore del braccio, a distanza di tre settimane l’una dall’altra 3) COME AGISCE? : inducendo una risposta nel nostro organismo che blocca una proteina del virus detta SPIKE che è la chiave del virus per aggredire le nostre cellule : in soldoni il nostro sistema immunitario in questo modo si attiva per respingerlo in caso di contagio. Questa pratica sia chiaro non introduce il virus nel nostro corpo ma fornisce informazione genetica per produrci da soli una proteina spike non aggressiva atta a stimolare le nostre difese. 4)LA SPERIMENTAZIONE E’ STATA ABBREVIATA PER AVERE PRESTO IL PRODOTTO ? : no, i tempi brevi, iniziati nella primavera del 2020, sono giustificati dall’alto numero di soggetti arruolati per la sperimentazione e dall’utilizzo di tecniche di cui già eravamo in possesso per fronteggiare altri virus a RNA , ma sia chiaro che nessuna fase della sperimentazione è stata saltata o omessa parzialmente; 5) COME SONO STATI CONDOTTI GLI STUDI CLINICI? : le ricerche sono state svolte in 6 paesi, Stati Uniti, Germania, Brasile, Argentina, sudafrica e Turchia utilizzando un numero di volontari di età superiore ai 16 anni : ad un 50% è stato iniettato il preparato valido, il vaccino vero e proprio, all’altro 50% un preparato simile ma non attivo e si è fatto il raffronto dei dati. Si è dimostrato così che di coloro che si erano sottoposti al vaccino vero e proprio, il 95% non rientrava nei casi sintomatici. Sono state coinvolti oltre 44.000 soggetti. 6) LA PROTEZIONE è EFFICACE SUBITO DOPO L’INIEZIONE? : no solo 7 giorni dopo l’inoculazione della seconda dose. 7) QUANTO DURA LA PROTEZIONE INDOTTA DAL VACCINO? : dai nove ai 12 mesi. 8)IL VACCINO PUO’ PROVOCARE LA MALATTIA COVIDS19-O ALTRE ALTERAZIONI GENETICHE:? : no perchè non sono coinvolti virus vivi o interi. 9) LE PERSONE VACCINATE POSSONO TRASMETTERE COMUNQUE L’INFEZIONE AL ALTRE PERSONE? : non è escluso che il vaccinato possa contrarre in modo asintimatico l’infezione nonostante la profilassi e quindi trasmetterlo per cui egli dovrà continuare ad adottare le misure di protezione in vigore e questo vale anche per coloro che hanno contratto il virus per via naturale in precedenza. 10) CHI ESEGUE LA PRIMA DOSE CON UN TIPO DI PREPARATO VACCINICO PUO’ FARE IL RICHIAMO CON UN PREPARATO DIVERSO? : in mancanza di attuali studi clinici appropriati è meglio di no. 11) QUALI REAZIONI AVVERSE SONO STATE OSSERVATE? : sono di lieve o moderata entità quali dolore e gonfiore nel sito di iniezione, stanchezza, mal di testa, dolore ai muscoli e alle articolazioni,brividi, febbricola,difficoltà ad addormentarsi., tutti di breve durata. 12) A CHI COMUNICARE L’EVENTUALE REAZIONE DI CUI SOPRA? al proprio medico o all’ASL. 13) COME VIENE RILEVATA L’EVENTUALE PRESENZA DI CONTROINDICAZIONI A QUESTA PRATICA?: compilando con calma e attenzione il modulo fornito all’atto della vaccinazione dal personale addetto. 13) EVENTUALI VARIANTI DEL VIRUS POSSONO RENDERE INUTILE LA VACCINAZIONE? : quelle registrate attualmente, compresa l’Inglese, no. 14) CHI HA AVUTO UN’INFEZIONE DA COVID-19 CONFERMATA DEVE O PUO’ VACCINARSI? la vaccinazione non contrasta con una precedente infezione magari può essere procrastinata di qualche settimana dopo la guarigione rispetto alla data prevista. 15) LE PERSONE CHE SOFFRONO DI ALLERGIA POSSONO VACCINARSI? è sempre bene consultare il proprio medico per una storia pregressa di gravi episodi, comunque sono pochissimi i casi sin qui registrati di gravi intolleranze. Ricordatevi anche una banale aspirina può darli. 16) LE DONNE IN GRAVIDANZA O CHE STANNO ALLATTANDO POSSONO VACCINARSI? : il vaccino non esclude le donne in gravidanza o che allattano alla luce degli studi attuali comunque è d’uopo un consulto con il ginecologo e con il prorio medico. 17) I BAMBINI POSSONO ESSERE VACCINATI? no quello attualmente in distribuzione in questi giorni solo dopo i 16 anni in mancanza di sperimentazione 18) LE PERSONE CON DEFICIENZE IMMUNITARIE O CON MALATTIE AUTOIMMUNI POSSONO VACCINARSI? le persone immunocompromesse proprio per l’alto rischio di contrarre infezioni possono essere vaccinate sempre dopo consulto con il curante. 19)LE PERSONE CON MALATTIE CRONICHE, DIABETE, TUMORI,MALATTIE CARDIOVASCOLARI POSSONO VACCINARSI? . senz’altro 20) LE PERSONE IN TRATTAMENTO CON ANTICOAGULANTI POSSONO VACCINARSI? il rischio in questo caso sono gli ematomi nella sede i inoculazione ma è comune a qualsiasi farmaco iniettato con l’ uso di aghi. 21) CHI SI E’ SOTTOPOSTO A VACCINAZIONE ANTIINFLUENZALE DOPO QUANTO TEMPO PUO’ SOTTOPORSI A QUELLA PER IL COVID? : è prudente aspettare almeno 2 settimane 22) LA VACCINAZIONE SARA’ UN LIBERA TUTTI? no perchè ci sarà chi non ha risposto al vaccino e chi esaurirà prima degli altri il suo patrimonio di anticorpi. A mio parere ritengo che sarà necessario nel tempo sottoporsi a test sierologici per valutare proprio la sussistenza e il perdurare di tale patrimonio : potrebbero essere necessari ulteriori richiami in caso di deficienza. 23) CHE TIPO DI SIRINGA VIENE UTILIZZATA? una speciale siringa mono uso dotata di sistema di bloccaggio dell’ago 24) SARANNO VACCINATI SOLTANTO I CITTADINI ITALIANI E CHE DOCUMENTI SONO RICHIESTI? tutte le persone presenti sul territorio italiano residenti con o senza permesso di soggiorno possono essere vaccinati e a tutti coloro che si presentano in ambulatorio dovranno esibere documento di riconoscimento e tessera sanitaria. Non ci sarà libera scelta sul tipo di vaccino da farsi inoculare tra quelli in distribuzione. Nella speranza di esservi stato utile in qualche modo, vi raccomando, soprattutto in casi particolari, comunque di consultare il vostro medico curante che vi conosce senz’altro meglio di colui che sarà chiamato a inocularvi il preparato.”.

Tags: