lunedì 1 Marzo 2021 Carabinieri. Truffa sul Reddito di Cittadinanza, denunciate 11 persone | infosannionews.it lunedì 1 Marzo 2021
Smooth Slider
Covid,al San Pio un deceduto.Sono 50 i nuovi positivi

Covid,al San Pio un deceduto.Sono 50 i nuovi positivi

Presso l'azienda ospedaliera San Pio come riportato dal bollettino aggiornato ...

Riprendono le attività del Centro Studi “Aldo Moro” di Castelvenere: sarà voce critica del paese

Il coordinamento affidato  provvisoriamente a Mimmo Ragozzino.“Dov’eravamo rimasti …” Non ...

Mortaruolo : “Ho chiesto chiarimenti a De Luca su ordinanza chiusura scuole”

Mortaruolo : Ho chiesto chiarimenti a De Luca su ordinanza chiusura scuole

"Questa mattina ho inviato una lettera al Presidente Vincenzo De ...

Verdicchio non ha diffamato la Cooperativa La Solidarietà. Lo sancisce l’archiviazione del procedimento nei suoi confronti

Verdicchio non ha diffamato la Cooperativa La Solidarietà. Lo sancisce l'archiviazione del procedimento nei suoi confronti

Il dirigente Alessandro Verdicchio dà notizia dell'avvenuta archiviazione del procedimento ...

Carabinieri. Truffa sul Reddito di Cittadinanza, denunciate 11 persone

18/12/2020
By

I Carabinieri della Compagnia di San Bartolomeo in Galdo hanno deferito in stato di libertà alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Benevento undici persone per indebita percezione del “Reddito di Cittadinanza”. Le indagini, condotte dal Nucleo Operativo e Radiomobile e dalla Stazione di Castelfranco in Miscano con il supporto del Nucleo Carabinieri Ispettorato del Lavoro di Benevento tramite esami incrociati di dati documentali e di informazioni reperite nell’ambito di mirati servizi di controllo del territorio e presso i Comuni, hanno consentito di accertare che nove persone, al fine di ottenere indebitamente il beneficio economico, avevano prodotto all’INPS delle istanze contenenti dichiarazioni mendaci relative alle loro residenze, omettendo così di comunicare che i propri familiari conviventi percepivano altro reddito e che tre di esse avevano anche reso false attestazioni circa la composizione dei rispettivi nuclei familiari, omettendo, nel complesso, di fornire le informazioni esatte, necessarie per una corretta valutazione circa la concessione del beneficio. Altri due beneficiari sono stati denunciati per aver omesso di comunicare all’INPS variazioni reddituali e patrimoniali, rilevanti ai fini della revoca o della riduzione del beneficio economico, che derivavano dallo svolgimento di attività lavorative in proprio in periodi successivi all’elargizione dello stesso. L’INPS è stato interessato per i provvedimenti di competenza.