domenica 7 Marzo 2021 “Alleanza di Centro”. Feleppa : “Scuole, dad o presenza? Si dia libertà di scegliere” | infosannionews.it domenica 7 Marzo 2021
Smooth Slider
Inzaghi si tiene stretto il gol di Gaich. Spezia 1 Benevento 1

Inzaghi si tiene stretto il gol di Gaich. Spezia 1 Benevento 1

Un buon pareggio tra due squadre che hanno cercato sul ...

Asl Benevento. 55 positivi dai 359 tamponi processati

Asl Benevento. 55 positivi dai 359 tamponi processati

E' quanto fa sapere l'Asl con il bollettino giornaliero. Dei ...

San Nicola Manfredi. Arturo Vernillo risponde ad Angelo Capobianco

Il rappresentante di Sviluppo e Solidarietà, chiarisce diversi punti tirati ...

San Pio. Oggi 3 dimessi e nessun deceduto. Aumentano i positivi ricoverati e dai tamponi altri 15 positivi

San Pio. Oggi 3 dimessi e nessun deceduto. Aumentano i positivi ricoverati e dai tamponi altri 15 positivi

L'Azienda Ospedaliera San Pio comunica che oggi 3 pazienti positivi ...

Noi Campani: sciacallaggio mediatico da parte di Civico22

Noi Campani: sciacallaggio mediatico da parte di Civico22

"Quello portato avanti da Civico22 è un vero e proprio ...

Gesesa, Lunedì 8 Marzo: interruzione idrica a Benevento e Castelpoto ed uffici chiusi per zona rossa

GESESA - Benevento e Castelpoto: lunedì 8 marzo interruzione idrica ...

“Alleanza di Centro”. Feleppa : “Scuole, dad o presenza? Si dia libertà di scegliere”

05/12/2020
By

Oggi, scrive Angelo Feleppa,  abbiamo assistito alla manifestazione di alcuni genitori che hanno chiesto il ritorno immediato alla didattica in presenza. Sui social e a mezzo stampa, invece, si assistono alle prese di posizione di altri genitori che si dicono preoccupati da un ritorno in presenza. Ebbene, si è creata una conflittualità tra il partito dei pro dad e quello delle lezioni in aula. Una conflittualità evitabilissima. Perchè creare queste tensioni? Facciamo appello alle Istituzioni di Benevento, mi riferisco a quelle comunali ed a quelle scolastiche, al fine di valutare una soluzione che possa essere atta a soddisfare le esigenze di tutti. E questa soluzione non potrà che vivere nella possibilità di riconoscere il diritto di scelta alle famiglie. Chi vuole mandare i figli in aula, cioè, lo faccia; Chi, invece, si sente più tranquillo con una modalità da remoto, veda riconosciuto questo diritto. Dobbiamo ragionare in termini emergenziali e, quindi, derogare a quelle che sarebbero le forme “classiche”: soprattutto non si costringano le persone con minacce del tipo “o scuola o Servizi sociali”. Sono ricatti inaccettabili. Il momento è complicato, ci affidiamo al buon senso: tuteliamo il diritto all’Istruzione, quello alla salute e, soprattutto, la tranquillità delle famiglie e dei piccini. Ripetiamo: siamo in un contesto che è il più complicato dal dopoguerra. Siamo al cospetto di una emergenza sanitaria globale che, per averne una in termini uguali, bisogna risalire a cento anni addietro. Per dire: il momento è eccezionale e, quindi, vanno valutate anche soluzioni che esulino dall’ordinario. Ma, soprattutto, bisogna evitare “guerre tra poveri”. Chiediamo, conclude Feleppa,  al sindaco Mastella, all’assessorato alla Pubblica Istruzione della città di Benevento di interfacciarsi con le Scuole per comprendere come poter dare seguito a tale forma mista. In determinati Istituti del territorio campano, i singoli Dirigenti già stanno riconoscendo siffatta possibilità: perchè non anche noi?

Tags: