lunedì 6 Dicembre 2021 San Salvatore Telesino. Il sindaco Romano contro De Luise e Vitale | infosannionews.it lunedì 6 Dicembre 2021
Smooth Slider

Terra - Abitare il Corpo in scena alla Casa Circondariale di Benevento

La FIDAPA, sezione di Benevento, sostiene l’arte in un mondo ...

San Pio. Al momento situazione covid stazionaria. Sempre 20 i ricoverati

San Pio. Al momento situazione covid stazionaria. Sempre 20 i ricoverati

Situazione stazionaria al San Pio di Benevento relativamente ai ricoveri ...

Pago Veiano. Assegnate le deleghe agli assessori e incarichi a tutti i consiglieri.

Il primo cittadino ha mantenuto gli impegni promessi nel corso ...

Collarile (Coni) : Segnalateci quei dirigenti che ‘snobbano’ le ore dedicate alle attività motorie

“Segnalateci quei dirigenti che ‘snobbano’ le ore dedicate alle attività ...

Prefettura. Riunione per definire gli ultimi dettagli del Piano di Controlli per prevenzione Covid 19

Nel pomeriggio odierno, a poche ore dall’avvio del “Piano di ...

Picariello : “Con la pioggia tornano i disagi in contrada Pantano”

Picariello : Con la pioggia tornano i disagi in contrada Pantano

“Il tempo passa ma i problemi restano”.Scrive Antonio Picariello : ...

Stampa articolo Stampa articolo

San Salvatore Telesino. Il sindaco Romano contro De Luise e Vitale

05/12/2020
By

“Non sono più disposto ad essere offeso ed oltraggiato da quattro consiglieri comunali che il popolo ha praticamente bocciato e che non hanno prodotto mai nulla di concreto durante il loro impegno amministrativo e politico”. Così il primo cittadino Fabio Massimo Leucio Romano replica alle accuse che Eugenio Di Luise e Filomena Vitale di Autonomamente e Ciro e Alfonso Abitabile, ViviSanSalvatore, hanno mosso negli ultimi giorni sui sociale per attaccare l’amministrazione di maggioranza. Il sindaco quindi si rivolge a Di Luise e Vitale: “Questi due personaggi quando stavano in maggioranza non hanno mai presenziato ad una riunione, non si sono mai interessati, tantomeno si sono adoperati per risolvere alcun problema. Tutte le volte che abbiamo provato a coinvolgerli hanno risposto con indifferenza, delegando a me i loro compiti quasi come stessi al loro servizio”. Quindi Romano ritorna sulla proposta che da diverso tempo le due opposizione stanno facendo per chiedere l’istituzione di una Commissione Consiliare che affronti la problematica del Covid-19 e programmi iniziative per contrastarlo. “Sinceramente mi viene da ridere, ma per rispetto del momento e considerando la gravità dell’argomento, mi trattengo. Questi consiglieri comunale, che nemmeno partecipano ai consigli e che per loro ammissione hanno riferito di non voler più prendere parte alle sedute, ora chiedono qualcosa che dovrebbe considerare la loro presenza. Insomma, sono solo buoni ad alimentare polemiche. Non comprendono che la macchina amministrativa viene portata avanti dedicando, con forza, ogni impegno possibile. Per loro l’attività di governo si concentra a scrivere quattro frasi sui social e comporre qualche comunicato stampa con quale si discute di massimi sistemi ed in molti casi del sesso degli angeli”. Lapidario Romano continua: “Sono buoni solo a fare gli scrivani saccenti, credendo di essere i depositari della verità e della scienza”. Il sindaco inchioda i due ex consiglieri di maggioranza: “Nell’amministrazione bisogna lavorare al servizio del popolo e non pretendere poltrone, come faceva Vitale, solo per avere permessi lavorativi, in passato lautamente pagati dal comune con i soldi dei cittadini. Nel caso di Di Luise, invece, voleva un incarico per ottenere permessi lavorativi”. Sulla mancanza di interlocuzione Romano spiega: “Ho sempre risposto a tutte le loro richieste, interrogazioni ed interpellanze. Purtroppo se le mie risposte non soddisfano le loro aspettative è un problema loro”. Conclude: “Vorrebbero occupare la poltrona del sindaco? Si candidassero per tale carica, invece di fare i rivoluzionari da tastiera. Questa opera di sciacallaggio politico in un momento così tragico è del tutto fuori luogo. L’unica collaborazione che propongono è quella dei test Covid ai cittadini, casomai acquistandoli da loro amici, come hanno proposto in passato e li ho smascherati”.

Tags: