lunedì 1 Marzo 2021 Una lettera minatoria, indirizzata a Mastella, a Barone (Asi) e a Di Maria: “Servi dei padroni, dovete morire” | infosannionews.it lunedì 1 Marzo 2021
Smooth Slider
Covid,al San Pio un deceduto.Sono 50 i nuovi positivi

Covid,al San Pio un deceduto.Sono 50 i nuovi positivi

Presso l'azienda ospedaliera San Pio come riportato dal bollettino aggiornato ...

Riprendono le attività del Centro Studi “Aldo Moro” di Castelvenere: sarà voce critica del paese

Il coordinamento affidato  provvisoriamente a Mimmo Ragozzino.“Dov’eravamo rimasti …” Non ...

Mortaruolo : “Ho chiesto chiarimenti a De Luca su ordinanza chiusura scuole”

Mortaruolo : Ho chiesto chiarimenti a De Luca su ordinanza chiusura scuole

"Questa mattina ho inviato una lettera al Presidente Vincenzo De ...

Verdicchio non ha diffamato la Cooperativa La Solidarietà. Lo sancisce l’archiviazione del procedimento nei suoi confronti

Verdicchio non ha diffamato la Cooperativa La Solidarietà. Lo sancisce l'archiviazione del procedimento nei suoi confronti

Il dirigente Alessandro Verdicchio dà notizia dell'avvenuta archiviazione del procedimento ...

Una lettera minatoria, indirizzata a Mastella, a Barone (Asi) e a Di Maria: “Servi dei padroni, dovete morire”

02/12/2020
By

Una lettera minatoria, indirizzata al sindaco di Benevento Clemente Mastella, al presidente dell’Asi (Area Sviluppo Industriale) di Benevento Luigi Barone e al presidente della Provincia di Benevento Antonio Di Maria, è stata recapitata tramite posta alla sede dell’Asi, questa mattina.

Secondo quanto si apprende, nella lettera, che porta come firma una stella rossa a 5 punte, e’ scritto: “Siete servi dei padroni, contro gli operai. Vigliacchi servi degli industriali. Dovete morire”.

La missiva era anche corredata da una firma: “nuove brigate rosse” con sopra disegnate cinque stelle rosse a cinque punte.

A far scattare l’allarme è stato Barone. Al momento è l’unico ad aver ricevuto la missiva sulla quale però non sono indicati i nomi di Mastella e Barone, ma solo le cariche da loro ricoperte.L’accaduto, è stato, immediatamente, denunciato alle autorità competenti.Sono ora in corso le indagini dalla Digos della Questura di Benevento.