domenica 7 Marzo 2021 Hackathon,al via questa mattina la Maratona Digitale Longobarda | infosannionews.it domenica 7 Marzo 2021
Smooth Slider
Inzaghi si tiene stretto il gol di Gaich. Spezia 1 Benevento 1

Inzaghi si tiene stretto il gol di Gaich. Spezia 1 Benevento 1

Un buon pareggio tra due squadre che hanno cercato sul ...

Asl Benevento. 55 positivi dai 359 tamponi processati

Asl Benevento. 55 positivi dai 359 tamponi processati

E' quanto fa sapere l'Asl con il bollettino giornaliero. Dei ...

San Nicola Manfredi. Arturo Vernillo risponde ad Angelo Capobianco

Il rappresentante di Sviluppo e Solidarietà, chiarisce diversi punti tirati ...

San Pio. Oggi 3 dimessi e nessun deceduto. Aumentano i positivi ricoverati e dai tamponi altri 15 positivi

San Pio. Oggi 3 dimessi e nessun deceduto. Aumentano i positivi ricoverati e dai tamponi altri 15 positivi

L'Azienda Ospedaliera San Pio comunica che oggi 3 pazienti positivi ...

Noi Campani: sciacallaggio mediatico da parte di Civico22

Noi Campani: sciacallaggio mediatico da parte di Civico22

"Quello portato avanti da Civico22 è un vero e proprio ...

Gesesa, Lunedì 8 Marzo: interruzione idrica a Benevento e Castelpoto ed uffici chiusi per zona rossa

GESESA - Benevento e Castelpoto: lunedì 8 marzo interruzione idrica ...

Hackathon,al via questa mattina la Maratona Digitale Longobarda

01/12/2020
By

È iniziata questa mattina la prima maratona digitale, organizzata da un sito UNESCO, d’Italia.

Per la prima volta nella storia un momento che di consueto è sempre stato fisico diventa virtuale e per la prima volta dalla “storia” si passa direttamente al futuro con questo strumento 4.0 .

Un puzzle di volti e di voci appartenenti ai sette siti dell’Associazione e un unico obiettivo: ascoltare. Prestare attenzione e stimolare il dialogo tra i diversi settori invitati, grazie alla moderazione e alla gestione di Fondazione Links, che avrà poi il compito di restituire alla fine di questi quattro giorni un canovaccio sul quale formulare il nuovo piano di gestione.

Ad aprire i lavori è stata la neo presidente, Rossella Del Prete, Assessore alla cultura di Benevento, che, oltre ad un iniziale ringraziamento e plauso alla precedente “direzione”, ha fin da subito voluto sottolineare come sia importante la scelta di rendere questo “rinnovo del piano di gestione” partecipato e pubblico.

“Sono stati 10 anni intensi e ricchi di progetti, abbiamo toccato tutti i vari ambiti considerati punti cardinali dall’UNESCO: dai piani strategici alle reti tra gli uffici delle varie amministrazioni comunali, passando per i progetti scolastici e le numerose iniziative sull’accessibilità e il coinvolgimento del pubblico, racconta Del Prete. In questi anni l’Associazione è cresciuta, si è consolidata ed è diventata una vera e propria “macchina da guerra”, pronta e perfettamente in grado di sviluppare il prossimo quinquennio all’insegna di un continuum sulla valorizzazione del patrimonio culturale e delle sue diverse articolazioni”.

Il secondo intervento è stato di Angela Maria Ferroni, Ufficio UNESCO del Segretariato Generale MIBACT, definita la “madrina” di questo progetto a più voci, grazie all’importante apporto alla gestione tra i sette siti e le varie realtà in campo. La dottoressa ha sottolineato la complessità del sito che, come poi vedremo, rappresenta anche un grande punto di forza del sito stesso, la sua soddisfazione nel risultato raggiunto e i buoni propositi che si prospettano.

www.longobardinitalia.it

Il terzo intervento è stato di Laura Castelletti, Assessore alla cultura della città di Brescia e presidente uscente dell’Associazione. Anche Castelletti ha ribadito la soddisfazione per il lavoro svolto e i grandi risultati raggiunti.

“Abbiamo mantenuto la barra del timone ben salda direzionata verso Ricerca, Divulgazione, Didattica e Accessibilità, racconta Castelletti, in questo periodo così complicato e difficile è necessaria una rinascita culturale che punti a valorizzare le relazioni e i link che possono nascere dalla collaborazione tra impresa e cultura, due mondi strettamente collegati che hanno solo bisogno di trovare il giusto strumento per diventare davvero incisivi”.

“Questa pandemia ci ha obbligati a ricalibrare i piani che erano già stati definiti per questo 2020. Davanti all’impossibilità di rivedersi e trovarsi di persona è nata la necessità di trovare lo strumento più adatto per poter portare avanti i progetti seppur a distanza, racconta Marco Valle, PM di Fondazione Links, ed ecco che nasce l’idea di organizzare un Hackathon e di renderlo interattivo, grazie alla moderazione e allo stimolo continuo con sondaggi, chat e altri metodi per che incentivino la partecipazione. Circa 11 tavoli e più o meno una quarantina di soggetti coinvolti per ogni tavolo. Temi di discussione originati dal bilancio dei 10 anni precedenti e testimonianze e progettualità provenienti da settori trasversali alla cultura e strettamente annessi. Una commistione di voci e culture che verranno sintetizzate per la stesura di un unico grande progetto”.

Quattro giorni, 11 tavoli di lavoro, 6 eventi in streaming e 3 serate tematiche. Una maratona di contenuti che potrebbe facilmente rappresentare un format da declinare su più fronti.

Tags: