lunedì 1 Marzo 2021 Benevento zona rossa: nota congiunta Mastella, Lonardo, Abbate e Di Maria | infosannionews.it lunedì 1 Marzo 2021
Smooth Slider
Covid,al San Pio un deceduto.Sono 50 i nuovi positivi

Covid,al San Pio un deceduto.Sono 50 i nuovi positivi

Presso l'azienda ospedaliera San Pio come riportato dal bollettino aggiornato ...

Riprendono le attività del Centro Studi “Aldo Moro” di Castelvenere: sarà voce critica del paese

Il coordinamento affidato  provvisoriamente a Mimmo Ragozzino.“Dov’eravamo rimasti …” Non ...

Mortaruolo : “Ho chiesto chiarimenti a De Luca su ordinanza chiusura scuole”

Mortaruolo : Ho chiesto chiarimenti a De Luca su ordinanza chiusura scuole

"Questa mattina ho inviato una lettera al Presidente Vincenzo De ...

Verdicchio non ha diffamato la Cooperativa La Solidarietà. Lo sancisce l’archiviazione del procedimento nei suoi confronti

Verdicchio non ha diffamato la Cooperativa La Solidarietà. Lo sancisce l'archiviazione del procedimento nei suoi confronti

Il dirigente Alessandro Verdicchio dà notizia dell'avvenuta archiviazione del procedimento ...

Benevento zona rossa: nota congiunta Mastella, Lonardo, Abbate e Di Maria

14/11/2020
By

Coronavirus, Campania e Toscana,verso la zona ROSSA 3 regioni diventano zona arancione.

“Applicare la zona rossa anche a Benevento e al Sannio è assolutamente ingiusto e iniquo”. A dirlo sono la senatrice Sandra Lonardo, il sindaco di Benevento Clemente Mastella, il consigliere regionale Luigi Abbate e il presidente della Provincia Antonio Di Maria che aggiungono: “Dal professor Ricciardi al professor Miozzo del Cts, passando per autorevoli quotidiani, tutti hanno evidenziato questa disuguaglianza. Decretare zona rossa una provincia che è la nona in assoluto in Italia per minor casi Covid (1665 – dati Protezione Civile) è oltraggioso perché danneggia una popolazione che evidentemente a differenza di altri ha avuto maggiore attenzione al fine di evitare il contagio”. Per Lonardo, Mastella, Abbate e Di Maria “è assurdo accomunare Benevento a Napoli che ha superato i 64mila casi totali. Se il Governo ha scelto la strada delle chiusure territoriali deve andare fino in fondo e consentire differenziazioni anche all’interno delle stesse regioni. Le aree interne della Campania non possono essere penalizzate per Napoli e la zona metropolitana. Quando si è trattato realizzare tagli nella sanità il Sannio aveva pochi abitanti e non si è considerata la dimensione territoriale, ora invece non si considera il dato della proporzione casi-abitanti e si finisce per essere penalizzati con Napoli. In ogni caso non siamo affetti da sciocco provincialismo, non abbiamo perso il senso della solidarietà avendo peraltro le nostre strutture sanitarie piene di malati Covid di altre provincie, in particolare di Napoli, ma lo facciamo perché la logica della sopraffazione verso comportamenti virtuosi non è accettabile”, aggiungono ancora senatrice, sindaco, consigliere regionale e presidente della provincia sannita. “Speriamo che il Governo corregga presto questo macroscopico errore, intanto rivendichiamo per le attività penalizzate da questa chiusura ristori immediati”. Per Mastella e gli altri rappresentanti istituzionali “i sanniti e tutte le categorie colpite devono sapere di chi è il ‘merito’ di aver avuto la zona rossa: i Cinquestelle. I grillini campani invece di sollecitare il Governo ad accettare le risorse del Mes per la sanità del Mezzogiorno hanno rivendicato questo ‘in-successo’. Ora speriamo che si ravvedano e almeno i parlamentari sanniti dei Cinquestelle facciano una battaglia comune con noi per evitare che il Sannio continui ad essere penalizzato da provvedimenti che non tengono in considerazione le singole realtà territoriali. Intanto per la nostra cultura istituzionale, fatta di rispetto delle regole, invitiamo – concludono – la nostra gente a rispettare il decreto governativo nonostante la sua irrazionale motivazione”.

Tags: , ,