lunedì 23 Novembre 2020 Maglione: “Di Maria è il Presidente della Provincia, non il sovrano”. | infosannionews.it lunedì 23 Novembre 2020
Smooth Slider

Dal 25 Novembre scuole dell'infanzia e prime classi elementari saranno in presenza

Le attività in presenza per la scuola dell’infanzia e per ...

Sant’Agata de’ Goti. Valentino: “L’Ordinanza sindacale non contempla quanto previsto dalla Regione”

Sant'Agata de' Goti. Valentino: L'Ordinanza sindacale non contempla quanto previsto dalla Regione

In riferimento  alla ordinanza Sindacale n. 209/2020 del 19.11.2020 ad ...

Bonea. Il Piano di Protezione civile arriva in Consiglio comunale

Bonea. Il Piano di Protezione civile arriva in Consiglio comunale

Bonea ha un suo Piano di Protezione civile. Lo rende ...

Pago Veiano. Scuola dell’Infanzia: tutti d’accordo per la riapertura

Pago Veiano. Scuola dell’Infanzia: tutti d’accordo per la riapertura

Le lezioni dal lunedì al venerdì: dalle 9,15 alle 14,15. ...

Pietrelcina. Potenziamento del turismo religioso: pronti 1.389.914,23 per tre interventi

Pietrelcina. Potenziamento del turismo religioso: pronti 1.389.914,23 per tre interventi

Una fiumana di euro dalla regione campania ai frati cappuccini ...

Rione ferrovia,fiamme in un appartamento ferito un 24enne

Un giovane è rimasto ferito  in seguito ad un'incendio divampato ...

Maglione: “Di Maria è il Presidente della Provincia, non il sovrano”.

30/10/2020
By

“Il licenziamento del segretario generale della Rocca, Franco Nardone, da parte del presidente della Provincia, al netto del mandato fiduciario, è un atto grave considerando le dichiarazioni rese dallo stesso Di Maria.

Secondo il presidente infatti il rapporto con Nardone si è incrinato a causa della condotta del segretario che ha la colpa di aver impugnato degli atti amministrativi.

Come se il suo ruolo, quello appunto di segretario e responsabile per l’anticorruzione per conto dell’ente non fosse quello di sorvegliare anche su eventuali storture degli atti prodotti dall’amministrazione. Di Maria in sostanza con il licenziamento di Nardone contesta al dipendente di aver svolto il suo lavoro e decide con un atto che desta curiosità, anche per la tempistica, di sollevarlo da ogni incarico.

Ricordiamo che grazie a Nardone l’Autorità Nazionale Anticorruzione, sta facendo luce sull’incarico del direttore Generale Nicola Boccalone, che in virtù degli altri incarichi ricoperti, potrebbe risultare incompatibile, così come il Movimento 5 Stelle aveva ipotizzato.

Non escludo che il procedimento possa concludersi favorevolmente per l’attuale dirigente, ma prendiamo atto che, al momento, un’autorità nazionale ne stia verificando la compatibilità dell’incarico e che la stessa abbia individuato diversi profili critici. Controversie che l’attuale Presidente, si spera ancora per poco, avrebbe potuto evitare se avesse riflettuto sui rilievi di Franco Nardone che, inascoltato, ha ritenuto necessario informare l’ANAC. Caso analogo si è avuto nella nomina del consigliere Parente e anche in quel caso abbiamo avuto ragione. Di Maria ci ha purtroppo abituato a una gestione della Provincia del tutto arbitraria, ma l’attenzione su certe scelte deve restare alta, il presidente non è il sovrano della Rocca”.

Tags: