lunedì 23 Novembre 2020 Gennaro De Luca, presidente del comitato di quartiere “Pietà”:”Scrivo da disoccupato che ha già vissuto sulla propria pelle le conseguenze economiche e sociali del primo lockdown” | infosannionews.it lunedì 23 Novembre 2020
Smooth Slider

Dal 25 Novembre scuole dell'infanzia e prime classi elementari saranno in presenza

Le attività in presenza per la scuola dell’infanzia e per ...

Sant’Agata de’ Goti. Valentino: “L’Ordinanza sindacale non contempla quanto previsto dalla Regione”

Sant'Agata de' Goti. Valentino: L'Ordinanza sindacale non contempla quanto previsto dalla Regione

In riferimento  alla ordinanza Sindacale n. 209/2020 del 19.11.2020 ad ...

Bonea. Il Piano di Protezione civile arriva in Consiglio comunale

Bonea. Il Piano di Protezione civile arriva in Consiglio comunale

Bonea ha un suo Piano di Protezione civile. Lo rende ...

Pago Veiano. Scuola dell’Infanzia: tutti d’accordo per la riapertura

Pago Veiano. Scuola dell’Infanzia: tutti d’accordo per la riapertura

Le lezioni dal lunedì al venerdì: dalle 9,15 alle 14,15. ...

Pietrelcina. Potenziamento del turismo religioso: pronti 1.389.914,23 per tre interventi

Pietrelcina. Potenziamento del turismo religioso: pronti 1.389.914,23 per tre interventi

Una fiumana di euro dalla regione campania ai frati cappuccini ...

Rione ferrovia,fiamme in un appartamento ferito un 24enne

Un giovane è rimasto ferito  in seguito ad un'incendio divampato ...

Gennaro De Luca, presidente del comitato di quartiere “Pietà”:”Scrivo da disoccupato che ha già vissuto sulla propria pelle le conseguenze economiche e sociali del primo lockdown”

24/10/2020
By

“Scrivo da disoccupato che ha già vissuto sulla propria pelle le conseguenze economiche e sociali del primo lockdown. Oggi, purtroppo, le immagini provenienti da Napoli fanno emergere una situazione non più sostenibile, dal punto di vista economico e sociale. Anche noi a Benevento ieri sera, abbiamo voluto manifestare il nostro dissenso in maniera pacifica, accogliendo positivamente il calore di tante persone, anche non esercenti, che hanno capito le nostre difficoltà. Seppur distanti, il nostro risentimento è ugualmente sentito profondamente anche nel nostro capoluogo. La crisi perenne che sta colpendo un po’ tutto il mondo produttivo, anche nel nostro rione, sta amplificando quella rabbia sociale scaturita in seguito alle nuove restrizioni del governatore De Luca. Il commercio rionale e cittadino sta vivendo una fase di esasperazione totale a cui non si risponde con nessun aiuto economico concreto. I commercianti si ritrovano con tasse da pagare, fitti da onorare e fornitori da saldare. L’unica opzione è quella di scegliere se onorare i debiti oppure sopravvivere: non vogliamo questo. Il mio personale appello al presidente De Luca è quello di convocare in tempi brevi un confronto, come avvenuto qualche mese fa, con il mondo produttivo, evitando di danneggiare solo alcuni settori e magari favorirne altri. Sentiamo spesso ripetere: “ Chiudiamo oggi per evitare chiusure a Natale”! ma almeno fateci arrivare a Natale“. Vedere i tanti sacrifici fatti distrutti, mi accomuna a tanti amici e colleghi che, come me, versano lacrime ogni giorno, con la consapevolezza di non scorgere più un futuro dignitoso”.

Tags: