martedì 24 Novembre 2020 Pietrelcina.Presepe Vivente: stop alla XXXIII edizione causa Covid- 19 | infosannionews.it martedì 24 Novembre 2020
Smooth Slider

Dal 25 Novembre scuole dell'infanzia e prime classi elementari saranno in presenza

Le attività in presenza per la scuola dell’infanzia e per ...

Sant’Agata de’ Goti. Valentino: “L’Ordinanza sindacale non contempla quanto previsto dalla Regione”

Sant'Agata de' Goti. Valentino: L'Ordinanza sindacale non contempla quanto previsto dalla Regione

In riferimento  alla ordinanza Sindacale n. 209/2020 del 19.11.2020 ad ...

Bonea. Il Piano di Protezione civile arriva in Consiglio comunale

Bonea. Il Piano di Protezione civile arriva in Consiglio comunale

Bonea ha un suo Piano di Protezione civile. Lo rende ...

Pago Veiano. Scuola dell’Infanzia: tutti d’accordo per la riapertura

Pago Veiano. Scuola dell’Infanzia: tutti d’accordo per la riapertura

Le lezioni dal lunedì al venerdì: dalle 9,15 alle 14,15. ...

Pietrelcina. Potenziamento del turismo religioso: pronti 1.389.914,23 per tre interventi

Pietrelcina. Potenziamento del turismo religioso: pronti 1.389.914,23 per tre interventi

Una fiumana di euro dalla regione campania ai frati cappuccini ...

Rione ferrovia,fiamme in un appartamento ferito un 24enne

Un giovane è rimasto ferito  in seguito ad un'incendio divampato ...

Pietrelcina.Presepe Vivente: stop alla XXXIII edizione causa Covid- 19

23/10/2020
By

L’apposita associazione annulla la sacra rappresentazione del 2020. Tantissimi i cittadini concordi anche se a malincuore per tale saggia decisione.

di Lino Santillo

Da diverso tempo nel paese natale di Padre Pio, circolava già la voce di un “blocco” della sacra rappresentazione del Presepe Vivente. Una situazione incresciosa e davvero particolare legata alla problematica precaria e al dilagare nell’ultimo periodo dei contagi nell’intera regione campania e non solamente. Quest’anno la XXXIII edizione non si terrà. Le motivazioni dello “stop” deciso dall’associazione “Presepe Vivente Pietrelcina”. L’importante evento iniziato nel 1987 per la seconda volta in tutti questi anni non verrà rappresentato nel borgo antico della zona Castello dove si trovano le case di Padre Pio e in particolare in vico Storto Valle la casa natale del frate stigmatizzato. Il “blocco” per la prima volta legato a situazioni particolari, mentre nel 2020 causa l’attuale momento critico di un’altra pandemìa.

Il Covid-19, quindi, ferma il Presepe Vivente di Pietrelcina. Purtroppo le norme di contenimento del virus sono incompatibili con l’organizzazione dell’evento. “Per come è strutturato il nostro presepe – dichiarano i componenti dell’associazione “Presepe Vivente Pietrelcina- non potremmo garantire la regola base delle norme anticovid: il distanziamento; inoltre l’ evolversi della situazione, che comporta continui aggiornamenti dei Dpcm (decreto presidente consiglio dei ministri), ci pone in una posizione di insicurezza fino ai giorni della rappresentazione, correndo il rischio di dover annullare l’evento all’ultimo momento. Siamo rammaricati, ma la sicurezza e la salvaguardia della salute sia dei figuranti che dei visitatori vengono prima di tutto.” L’associazione continuerà a lavorare per gli eventi futuri, sperando di tornare al più presto alla normalità. Fin qui, le parole del gruppo dell’associazione. Senza dubbio una situazione davvero incresciosa e davvero surreale quella che si sta registrando proprio a Pietrelcina con tantissimi contagi che non si erano mai verificati nemmeno nella primavera del 2020 in piena pandemìa. La popolazione locale e anche gli estimatori di tale rappresentazione sicuramente sono favorevoli e plaudono alla forzata rinuncia deliberata dal gruppo dell’associazione. Anche se, tale decisione è legata a tutelare non solo i figuranti, ma anche i visitatori e gli stessi abitanti della ridente cittadina sannita durante il periodo dell’allestimento e rappresentazione. “Dispiace a tutti tale decisione posta in essere – dichiarano alcuni cittadini – comunque andava presa anche in ossequio alle norme governative e della regione campania. La speranza ora è proiettata già al prossimo anno 2021 per continuare “nella favola unica e irripetibile del Presepe Vivente di Pietrelcina, unico e suggestivo, senza eguali e con una specificità del centro storico che si presta a tale genere di rappresentazione”.

Tags: ,