lunedì 23 Novembre 2020 CCNL Alimentare. Rota (Fai Cisl) : ” Federalimentare riprenda il coordinamento2 | infosannionews.it lunedì 23 Novembre 2020
Smooth Slider

Dal 25 Novembre scuole dell'infanzia e prime classi elementari saranno in presenza

Le attività in presenza per la scuola dell’infanzia e per ...

Sant’Agata de’ Goti. Valentino: “L’Ordinanza sindacale non contempla quanto previsto dalla Regione”

Sant'Agata de' Goti. Valentino: L'Ordinanza sindacale non contempla quanto previsto dalla Regione

In riferimento  alla ordinanza Sindacale n. 209/2020 del 19.11.2020 ad ...

Bonea. Il Piano di Protezione civile arriva in Consiglio comunale

Bonea. Il Piano di Protezione civile arriva in Consiglio comunale

Bonea ha un suo Piano di Protezione civile. Lo rende ...

Pago Veiano. Scuola dell’Infanzia: tutti d’accordo per la riapertura

Pago Veiano. Scuola dell’Infanzia: tutti d’accordo per la riapertura

Le lezioni dal lunedì al venerdì: dalle 9,15 alle 14,15. ...

Pietrelcina. Potenziamento del turismo religioso: pronti 1.389.914,23 per tre interventi

Pietrelcina. Potenziamento del turismo religioso: pronti 1.389.914,23 per tre interventi

Una fiumana di euro dalla regione campania ai frati cappuccini ...

Rione ferrovia,fiamme in un appartamento ferito un 24enne

Un giovane è rimasto ferito  in seguito ad un'incendio divampato ...

CCNL Alimentare. Rota (Fai Cisl) : ” Federalimentare riprenda il coordinamento2

21/10/2020
By

“Che anche le associazioni di imprese non firmatarie del contratto alimentare del 31 luglio abbiano mostrato disponibilità a finalizzare un accordo con le controparti, è una buona notizia, infatti insieme a Flai e Uila abbiamo risposto positivamente alla richiesta di un nuovo incontro. Ma sia chiaro che non è frammentando la rappresentanza che si fanno passi in avanti e si costruisce una visione d’insieme: da Federalimentare ci aspettiamo un impegno maggiore per recuperare un ruolo di coordinamento tra tutte le realtà produttive del settore”. È l’appello che il Segretario Generale della Fai Cisl, Onofrio Rota, rivolge al Presidente di Federalimentare Ivano Vacondio, dopo una richiesta di incontro da parte delle associazioni datoriali ancora non firmatarie del contratto: Anicav, Assalzoo, Assitol, Assobibe, Assolatte, Federvini e Italmopa. “Il contratto nazionale e la sua unicità – aggiunge il sindacalista – hanno un valore troppo importante perché Federalimentare rinunci al tavolo di trattativa. Pur comprendendo la complessità del sistema produttivo alimentare Made in Italy, crediamo sia doveroso che Federalimentare rimanga interlocutore per fare sintesi e portare a termine la sigla e la conseguente piena applicazione dell’accordo in tutte le imprese. Rassegnarsi a perdere l’esperienza positiva maturata in questi anni nelle relazioni industriali del settore sarebbe un ulteriore errore che non possiamo permetterci”. “La sfida della rappresentanza, anche alla luce di come abbiamo gestito positivamente finora la crisi pandemica – conclude Rota – va affrontata in questo momento con ancora maggiore senso di responsabilità. L’alimentare italiano sta dimostrando di reggere l’urto anche in un momento difficile come quello attuale, ma lo scenario che abbiamo davanti è critico e in parte inedito, per cui crediamo sia fondamentale avere un interlocutore che sappia gestire la rappresentanza di tutte le realtà produttive nel rispetto delle diverse esigenze. Siamo ancora nelle condizioni di farlo, possiamo interpretare insieme le difficoltà del settore, come dimostra anche il contratto costruito in questi dieci mesi di trattativa. Completare la copertura di tutti i lavoratori del settore, percorrendo insieme a Federalimentare l’ultimo miglio, sarebbe una bella risposta a chi in questo momento vorrebbe strumentalizzare le difficoltà incontrate per colpire i corpi intermedi e favorire una frammentazione che nel lungo periodo potrà solo danneggiare il Paese”.

Tags: