lunedì 23 Novembre 2020 Nasce il Bollettino delle Acque della Campania prodotto dall’Anbi | infosannionews.it lunedì 23 Novembre 2020
Smooth Slider

Dal 25 Novembre scuole dell'infanzia e prime classi elementari saranno in presenza

Le attività in presenza per la scuola dell’infanzia e per ...

Sant’Agata de’ Goti. Valentino: “L’Ordinanza sindacale non contempla quanto previsto dalla Regione”

Sant'Agata de' Goti. Valentino: L'Ordinanza sindacale non contempla quanto previsto dalla Regione

In riferimento  alla ordinanza Sindacale n. 209/2020 del 19.11.2020 ad ...

Bonea. Il Piano di Protezione civile arriva in Consiglio comunale

Bonea. Il Piano di Protezione civile arriva in Consiglio comunale

Bonea ha un suo Piano di Protezione civile. Lo rende ...

Pago Veiano. Scuola dell’Infanzia: tutti d’accordo per la riapertura

Pago Veiano. Scuola dell’Infanzia: tutti d’accordo per la riapertura

Le lezioni dal lunedì al venerdì: dalle 9,15 alle 14,15. ...

Pietrelcina. Potenziamento del turismo religioso: pronti 1.389.914,23 per tre interventi

Pietrelcina. Potenziamento del turismo religioso: pronti 1.389.914,23 per tre interventi

Una fiumana di euro dalla regione campania ai frati cappuccini ...

Rione ferrovia,fiamme in un appartamento ferito un 24enne

Un giovane è rimasto ferito  in seguito ad un'incendio divampato ...

Nasce il Bollettino delle Acque della Campania prodotto dall’Anbi

20/10/2020
By

I dati sui livelli delle acque rilevati da 28 dei tanti idrometri posti lungo 12 fiumi della Campania, ma anche i volumi d’acqua contenuti in ben 10 bacini variamente interessati all’irrigazione, ma anche alla produzione di energia elettrica e ad altri scopi, nella forma di uno strumento di lavoro per conosce e capire meglio dove sta l’acqua in Campania e come viene gestista: è questo il Bollettino delle Acque della Campania dell’Anbi oggi al lancio del suo primo numero.

“Sono particolarmente lieto di presentare il Bollettino delle Acque della Campania, un servizio che l’Unione tra i Consorzi di bonifica e irrigazione della Campania offre ai giornalisti della regione perché possano avere sempre un punto chiaro e circostanziato sull’attività degli enti e sul ruolo che essi effettivamente esplicano sui territori – afferma Vito Busillo, presidente di Anbi Campania, in occasione della predisposizione del primo numero del periodico interno all’associazione e che viene diffuso tra i media.

Inizialmente nato come strumento di comunicazione interno all’Anbi Campania – per un confronto su dati tecnici – il bollettino ha assunto un rilievo di servizio verso il mondo dell’informazione, oggi sempre più puntuale e presente nel documentare eventi calamitosi – siccità o inondazioni – e che ha sempre più bisogno di poter avere sotto mano fonti primarie affidabili per elaborare un corretto servizio di informazione verso i cittadini.

“E’ uno strumento che sarà utile conservare, per poter creare in ogni giornalista che lo desideri quel necessario bagaglio di cultura dell’acqua – conclude Busillo – che diventerà necessario per affrontare le future emergenze e, si spera, poter anche cogliere i miglioramenti della gestione attiva delle acque da parte non solo dei Consorzi di bonifica, ma di tutti i soggetti che interagiscono nel governo della risorsa primaria per eccellenza: l’acqua”.

Bollettino delle Acque della Campania n. 1 del 20 Ottobre 2020

“Livelli dei Corsi d’acqua e Volumi degli Invasi”

L’Unione regionale Consorzi gestione e tutela del Territorio e Acque Irrigue affida ai media il presente bollettino interno, contenente i livelli idrometrici raggiunti dai principali corsi d’acqua (Fonte: Regione Campania, Centro Funzionale Protezione Civile) nei punti specificati ed i volumi idrici presenti nei principali invasi gestiti dai Consorzi di bonifica della regione e – per il solo lago di Conza della Campania -dall’Ente per l’irrigazione della Puglia Lucania e Irpinia.

Fiumi: livelli idrometrici in centimetri sopra (+) o sotto (-) lo zero idrometrico alle ore 12:00 del 19 Ottobre 2020

Fiumi Idrometri Livelli

Alento Omignano + 77

“ Casalvelino + 58

Sele Salvitelle + 10

“ Contursi (confluenza Tanagro) + 156

“ Serre Persano (a monte della diga) + 87

“ Albanella (a valle della diga di Serre P.) + 32

“ Capaccio (Foce) + 88

Calore Lucano Albanella – 70

Tanagro Sala Consilina + 85

“ Sicignano degli Alburni + 58

Sarno Nocera Superiore + 0

“ Nocera Inferiore + 32

“ San Marzano sul Sarno + 46

“ Castellamare di Stabia + 51

Bacino del Liri – Garigliano e Volturno

Fiumi Idrometri Livelli

Volturno Monteroduni (a monte Traversa di Colle Torcino) + 18

Volturno Pietravairano (a valle della Traversa di Ailano) + 61

“ Amorosi (ponte a monte del Calore irpino) + 21

“ Limatola (a valle della foce del Calore irpino) + 29

“ Capua (Ponte Annibale a valle della Traversa) – 170

“ Castel Volturno (Foce) + 202

Ufita Melito Irpino – 28

Sabato Atripalda – 5

Calore Irpino Benevento (Ponte Valentino) + 60

“ Solopaca – 160

Regi Lagni Villa di Briano + 22

Garigliano Cassino (a monte traversa Suio) + 61

“ Sessa Aurunca (a valle traversa Suio) + 93

Peccia Rocca d’Evandro + 29

Nota:

Nella giornata del 19 ottobre 2020 nel complesso i principali fiumi della Campania, Sele e Volturno, registrano valori dei livelli idrometrici maggiori di quelli dei quattro anni precedenti (2016-2019), con l’eccezione della stazione posta su Ponte Annibale (Capua) sul fiume Volturno. Da notare, inoltre, che nel mare Tirreno centro meridionale il picco di alta marea – a seconda delle spiagge considerate – si è avuto nell’arco di una decina/quindicina di minuti prima delle ore 12:00, orario al quale per convenzione si sono rilevati i livelli idrometrici dei fiumi. Pertanto è possibile che, a seconda della distanza degli idrometri dalla foce, il livello registrato possa essere stato influenzato da questo fenomeno. Generalmente, la tendenza segnalata dagli idrometri posti più a monte è quella di una graduale discesa dei livelli, conseguente alla fine delle piogge che avevano interessato l’intera Campania nella scorsa settimana. Fa eccezione il bacino dell’Alento, i cui valori sembrano ancora intercettare una tendenza di crescita dei livelli.

Invasi: consistenza in metri cubi dell’acqua presente alle ore 12:00 del 19 Ottobre 2020

Ente Invaso Fiume Volume invasato Note

(in milioni di metri cubi)

Consorzio Volturno Suio Garigliano Non pervenuto

Consorzio Volturno Capua Volturno 0,0 (Paratoie aperte per ripascimento)

Consorzio Sannio Alifano Ailano Volturno 0,0 (Paratoie aperte fino al 30 aprile 2021)

Consorzi Destra Sele e Paestum Serre Persano Sele 1,0 (Valore costante)

Consorzio Velia Piano della Rocca + altri 4 Alento 6,5 (Approssimazione da 6.515.000 metri cubi)

Eipli Conza Ofanto 13,8 (Approssimato da 13.803.845 metri cubi)

Avvertenza Dove il valore indicato è zero, significa che al momento della misurazione le paratoie della diga risultavano aperte e l’acqua invasata era assente o in fase di deflusso.

Compendio per comprendere meglio il significato dei valori dei bacini

La Traversa di Ponte Annibale a Capua – Consorzio Volturno – presenta attualmente le paratoie aperte per consentire il trasporto dei sedimenti a valle ed il conseguente ripascimento del fondo alveo. A breve, le paratoie saranno richiuse a solo scopo idroelettrico (gestione Enel), poiché la stagione irrigua si è già conclusa. Dell’operazione di chiusura sarà dato avviso con uno dei numeri successivi di questo bollettino.

La Traversa di Ailano sul Volturno (Consorzio Sannio Alifano) – è attualmente aperta per fine stagione irrigua: non avendo altri usi l’acqua invasata, le paratoie si richiuderanno il 1° maggio, per consentire l’avvio della stagione 2021.

La Traversa di Serre Persano sul fiume Sele (Consorzi in Destra Sele e Paestum) – è sempre chiusa per consentire la stagione irrigua tutto l’anno. Le paratoie – opera di alta ingegneria – sono predisposte per aprirsi automaticamente solo in caso di piena rilevante, liberando solo l’acqua eccedente il massimo volume contenibile nell’invaso, consentendo così il mantenimento del volume invasato sempre ad un milione di metri cubi.