venerdì 22 Gennaio 2021 Telese Terme: Cittadinanza onoraria a giovane tunisina e progetto Sprar. Assessora Di Mezza: “Telese da sempre città inclusiva” | infosannionews.it venerdì 22 Gennaio 2021
Smooth Slider

Asl Benevento. 36 nuovi positivi con 1 decesso e 40 guariti

L'Asl di Benevento fa sapere di aver effettuato oggi 371 ...

Questione IMU,Fausto Pepe: “Mastella non cambierà mai strumentalizza ogni cosa che tocca!”

Questione IMU,Fausto Pepe: Mastella non cambierà mai strumentalizza ogni cosa che tocca!

L'ex primo cittadino di Benevento Fausto Pepe risponde per le ...

Danneggiate due auto in sosta a Paduli durante la notte.Scoperto e denunciato l'autore

L'episodio era stato denunciato ai carabinieri della Stazione di Paduli ...

Inzaghi : Contro il Torino non dobbiamo snaturarci, questa squadra finora ha fatto bene !

Pippo Inzaghi in conferenza stampa analizza l'incontro di domani al ...

Ancora un deceduto per Covid al San Pio.

Ancora un deceduto per Covid al San Pio.

Dal bollettino aggiornato dell'ospedale "San Pio" di Benevento, si registra ...

Riordino del Museo del Sannio. Il prof.Rotili presenta il progetto

Sabato 23 gennaio 2021, con inizio alle ore 11.00, presso ...

Telese Terme: Cittadinanza onoraria a giovane tunisina e progetto Sprar. Assessora Di Mezza: “Telese da sempre città inclusiva”

17/10/2020
By

Telese è stata da sempre una comunità inclusiva e accogliente, ospitando sul proprio territorio molti cittadini provenienti da altre nazioni, oggi perfettamente integrati.

In linea con questa vocazione è stata istituita una delega specifica per curare i servizi per l’immigrazione: “Servizi agli immigrati”. Delega conferita all’assessora Filomena Di Mezza, che si occuperà di gestire prima di tutto lo SPRAR, ma anche tutte le situazioni legate all’ingresso e alla permanenza di cittadini stranieri.

In questi giorni il sindaco, tra i suoi primi atti ha riconosciuto la cittadinanza onoraria a una giovane tunisina, alla presenza di alcuni amministratori ed è stato un momento di festa.

Accoglienza e ospitalità hanno invece caratterizzato la visita dell’assessora al ramo a due, delle tre famiglie inserite nel progetto SPRAR, in compagnia della cooperativa che gestisce il servizio.

“Uno scambio di battute sulla loro esperienza di perseguitati in nazioni dove i diritti civili sono violati, ma soprattutto sul loro futuro al termine del progetto e sui sogni e le aspirazioni dei più piccoli – ha commentato l’assessora Di Mezza -. È proprio di questi giorni la notizia della concessione da parte del Ministero degli interni del finanziamento del progetto SPRAR per un altro triennio. Un impegno che continua e che si arricchirà di nuove esperienze di integrazione e di scambi”.

Tags: