giovedì 26 Novembre 2020 “Campoli è Futuro” : ” L’ammissione della lista del sindaco Grasso è una artificiosa manipolazione” | infosannionews.it giovedì 26 Novembre 2020
Smooth Slider

Dialoghi a Distanza con DemOnLine su diversi temi legati alla politica locale e nazionale

DemOnLine, circolo politico e culturale campano, organizza "DaD - Dialoghi ...

Benevento. Giornata contro la violenza sulle donne, una panchina rossa in ricordo di Miriam e Raffaella

https://youtu.be/FClSMhIo-6UE' stata installata al Rione Libertà, dove ha vissuto Miriam ...

Covid 19,dal bollettino aggiornato dell'Asl registrati 82 nuovi casi di positività

La Asl, azienda sanitaria di Benevento nella giornata odierna, ha ...

Muore Armando Maradona. Il messaggio del sindaco Mastella

L'ex campione di calcio argentino Diego Armando Maradona,sessant'anni,(30 Ottobre) è ...

“Campoli è Futuro” : ” L’ammissione della lista del sindaco Grasso è una artificiosa manipolazione”

25/08/2020
By

Ammissione Lista n 2 “Costruire alla Luce del Sole”.

In riferimento alla problematica dell’ammissione della Lista n° 2 alla tornata elettorale per l’elezione del Sindaco e del Consiglio comunale di Campoli del Monte Taburno del 20 e 21 Settembre 2020, si fa presente che la problematica riguarda l’autentica delle firme dei presentatori di lista e dei moduli per l’accettazione dei consiglieri. La Sottocommissione mandamentale di Solopaca ha evidenziato che i moduli per la sottoscrizione delle firme della lista erano sbagliati in quanto il sindaco di Tocco Caudio, Gennaro Caporaso, che li aveva autenticati, lo aveva fatto, come si evince dagli stessi e come è risaputo a Campoli, presso il nostro Comune in Piazza Alfonso La Marmora. La Legge, invece, stabilisce che il primo cittadino tocchese avrebbe dovuto effettuare tale operazione presso il proprio comune di competenza. In tarda serata ci veniva comunicato che la lista del sindaco Grasso veniva accettata perché secondo la tesi sostenuta dal presidente della Sottocommissione, Dr. Cosimo Facchiano, farebbe fede il timbro del sindaco di Tocco per evincere il luogo di sottoscrizione e non il fatto che, a margine del documento fosse scritto: Campoli del Monte Taburno. Questo, quindi, permetterebbe a chi autentica di farlo dovunque e non nel suo territorio di competenza. Ci siamo rivolti all’avvocato Roberto Prozzo del Foro di Benevento per tutelare gli interessi della democrazia, della trasparenza, del rispetto delle regole. Il nostro legale ha prontamente diffidato la Sottocommissione dal procedere con una ammissione ufficiale della lista del sindaco Grasso. Abbiamo, quindi, chiesto un riesame. Qualora questo non dovesse accadere, siamo pronti a portare il caso in ogni sede competente. Questa la nota che l’avvocato Prozzo ha inviato alla Sottocommissione: “I pubblici ufficiali ai quali la legge elettorale attribuisce il potere di autenticare le sottoscrizioni delle liste di candidati sono legittimati ad esercitare il potere certificativo esclusivamente nel territorio di competenza dell’Ufficio di cui sono titolari o al quale appartengono. Lunedì sera Salvatore Caporaso è stato informato verbalmente (dal Presidente della Sottocommissione) che la Sottocommissione ha ritenuto ammissibile la lista con la motivazione che il timbro tondo utilizzato dal Sindaco dei Comune di Tocco Caudio attesterebbe che le firme sono state raccolte in Tocco Caudio e non in Campoli. In proposito osservo che: Si tratta di una artificiosa manipolazione della realtà in quanto le firme sono state raccolte presso il Comune dì Campoli Monte Taburno e sui modelli sono indicati luogo e data di sottoscrizione; si tratta di una argomentazione speciosa perchè nei moduli è radicato chiaramente che le sottoscrizioni sono state apposte in Campoli, e il timbro tondo attesta la qualità del pubblico ufficiale, non il luogo in cui sono state raccolte le firme. Sottolineo che la circostanza che le firme siano state raccolte presso il comune di Campoli, oltre a risultane documentalmente dai moduli, potrà essere confermata da tutti i sottoscrittori, dai altri dipendenti comunali presenti al momento della raccolta, nonchè dalla segretaria comunale presente in sede. Al contrario, potrà essere accertato (anche attraverso le videocamere installate di fronte al Comune di Tocco Caudio) che nessuna raccolta di firme è avvenuta presso il Comune di Tocco Caudio. È evidente che la sottocommissione ha proceduto ad una inammissibile forzatura, travisando il contenuto dei documenti. Invito quindi la Sottocommissione a riesaminare la questione in autotutela, ad attenersi al contenuto dei documenti, ed a procedure alla esclusione. Segnalo fin da ora la vicenda alla Procura della Repubblica, potendo ipotizzarsi i delitti di falso ideologico ed abuso di ufficio, ed alla Procura presso la Corte dei Conti, atteso che l’eventuale successivo annullamento delle elezioni, con la loro rinnovazione, comporterebbe un danno erariale”.

Tags: