domenica 28 Febbraio 2021 I giorni del leone: completate le riprese a San Marco dei Cavoti | infosannionews.it domenica 28 Febbraio 2021
Smooth Slider
Lavori Ammodernamento linea Benevento Napoli, domani incontro per velocizzare la durata dei lavori

Lavori Ammodernamento linea Benevento Napoli, domani incontro per velocizzare la durata dei lavori

Il sindaco di Benevento Clemente Mastella e l’assessore ai trasporti ...

San Pio. Oggi la “Giornata Mondiale delle Malattie Rare”

San Pio. Oggi la Giornata Mondiale delle Malattie Rare

A.O.R.N. “San Pio”: Rare Disease Day La pandemia da covid-19, ...

Benevento. Domani interruzione idrica in Via T. Bucciano

Domani mattina interruzione idrica per lavori di manutenzione straordinaria in ...

San Pio. Nessun decesso e nessun dimesso ma aumentano di ben 7 unità i ricoverati

San Pio. Nessun decesso e nessun dimesso ma aumentano di ben 7 unità i ricoverati

Dall'ospedale San Pio fanno sapere che non c'è stato nessun ...

Caporaso, sindaco di Telese su Covid alla Malgieri : “L’attenzione da parte nostra è altissima”

Caporaso, sindaco di Telese su Covid alla Malgieri : L’attenzione da parte nostra è altissima

Casi di positività alla Maugeri, la dichiarazione del sindaco di ...

I giorni del leone: completate le riprese a San Marco dei Cavoti

16/08/2012
By

Sono state completate in questi giorni le riprese de “I giorni del Leone”, con la regia di Umberto Rinaldi, cortometraggio interamente girato a San Marco dei Cavoti, nell’ambito dei laboratori curati dal CineFortFestival.

“Quando mi é stato sottoposto questo progetto –dice Umberto Rinaldi- sono rimasto immediatamente colpito dalla vicenda, anche umana, di Sandrino Licari. Per alcuni versi commovente, per altri analitico e comunque sempre lucido e ficcante “50 giorni al bar la Frontiera” é uno spaccato di quello che poteva essere ma non é stato, il racconto di una vicenda che aiuta a comprendere meglio l’animo umano. Sceneggiare e girare il corto é stato come rendere omaggio a Sandrino Licari.”
La storia risale al 1992, anno difficile per la vita politica italiana. “Scavando tra le poche informazioni disponibili –prosegue Rinaldi- e solo dopo lunghe ed estenuanti ricerche, siamo risaliti all’ormai defunto Sadrino Licari. Poche le notizie sul suo conto. In un suo instant book, risalente a quell’epoca, è narrata una vicenda avvincente, un’esperienza unica, un salto oltre l’immaginario. Ciò che mi ha colpito è stato un passo del libro: “ …in quei giorni gli anziani si trasformarono in poderose fiere a guardia della propria storia ed i giovani divennero penne libere ed ansiose di riscrivere il loro futuro.”
Ideatore del corto è Alberto Scarino, della Faraone Produzioni: “L’inizio dell’instant book –dice Scarino- è significativo e rende alla perfezione perché ci siamo lanciati nell’iniziativa: “E tutto prese vita. Con un entusiasmo carico di aspettative, con aspettative che travalicavano i personalismi, con personalismi al servizio del bene ncollettivo, con il bene collettivo che era la ricchezza di tutti e non del singolo. Un anacronistica fusione tra una visione apostolica ed un’interpretazione trotzkista.” Questo é ciò che videro gli occhi di Sandrino Licari. Ció é quanto da lui fu percepito e sentito. Questo é quanto lui tradusse in parole. Un’esperienza che é stata rimossa, cancellata dal tempo, dalla storia, dai libri e dalle menti.” L’idea del mockumentary è quella che è riuscita a coniugare meglio le esigenze narrative e la durata del corto che, per la sua stessa natura, non può andare oltre un certo minutaggio: “Con Umberto Rinaldi –dice Angelo Trotta, anch’egli della Faraone Produzioni- abbiamo svolto un accurato lavoro per rendere agile e veloce la produzione. La storia non è facile da narrare. Per Sandrino quei 50 giorni rappresentarono il senso di una intera vita. Tutto ciò che era avvenuto prima e tutto quanto avvenne dopo furono un corollario. Egli ritenne “quella” la sua esperienza psichedelica”
San Marco dei Cavoti nei giorni delle riprese di “I giorni del Leone” è stato un vero e proprio set a cielo aperto, per i concomitanti laboratori di CinemadaMare: “Quando siamo stati contattati dai responsabili del CineFortFestival –dice Eva de Corso, la coordinatrice produttiva- per valutare la possibilità di dare vita ad un CFF Lab a San Marco non avremmo mai pensato di avere un risposta così entusiastica da parte di tutti coloro che abbiamo interpellato per recitare, per mettere a disposizione le location, per finanziare la produzione. Si è venuta a creare una forma di empatia tale che ci fa ben sperare per la conclusione di questo lavoro, ma soprattutto per la prosecuzione dell’iniziativa.”
La direzione della fotografia è di Giovanni Bocchino, storico partner professionale del regista sannita. Le musiche originali sono di Pellegrino Cirocco, che ha in più occasioni collaborato con Umberto Rinaldi. Il corto è stato realizzato dal CFF_Lab di San Marco dei Cavoti, prodotto da Vocidentro Film e Faraone Produzioni.

Print This Post Print This Post