giovedì 1 Ottobre 2020 Rungi “Ferrovia Valle Caudina ferma da cinque mesi: servono risposte urgenti” | infosannionews.it giovedì 1 Ottobre 2020
Smooth Slider
Giovanni Carpinone (FI): “Assessorato a Morcone, brutto segnale per il Sannio”

Giovanni Carpinone (FI): Assessorato a Morcone, brutto segnale per il Sannio

“Se il buongiorno della consiliatura si vede dal suo principio, ...

Tamponi, il Comune di Moiano si “appella” all’Asl

Tamponi, il Comune di Moiano si appella all'Asl

“Siamo consapevoli del momento di difficoltà ma, in questo modo, ...

Lo Chef puglianellese Emanuele Mongillo premiato a Mosca dall'accademia italiana della cucina

Puglianello ancora una volta è rappresentata nelle location più prestigiose ...

Pietrelcina. Al via il I° Premio “Pasquale Mandato”

Sabato 3 ottobre ore 10,30 presso il Palavetro.  La cerimonia ...

Mortaruolo : ” Il prof. Mazzone motivo di orgoglio per il Sannio”

Mortaruolo : Il prof. Mazzone motivo di orgoglio per il Sannio

“Facendosi strada tra 12mila docenti provenienti da tutto il mondo, ...

Rungi “Ferrovia Valle Caudina ferma da cinque mesi: servono risposte urgenti”

12/08/2020
By

“La gente ha, quanto meno, il diritto di essere informata: come e quando sarà ripristinato il servizio su ferro della Benevento-Napoli via Valle Caudina?”.

Ad intervenire sulla questione è Rosetta Rungi, candidata al Consiglio regionale tra le fila di “Alleanza di Centro”.
L’esponente saticulana, che sosterrà le posizioni del candidato Presidente Stefano Caldoro, ha voluto farsi espressione del profondo disagio che l’utenza della ferrovia in questione sta patendo a causa del prolungato stop.
“Sono, ormai, cinque mesi che il servizio lungo la tratta è sospeso.
Centinaia di persone, tra studenti e lavoratori vari, si stanno servendo di bus sostitutivi o di soluzioni alternative.
Un disagio importante che, fino ad ora, non è stato colto nella sua pienezza a causa dei minori spostamenti connessi alla fase epidemica.
Ma allorquando, così come ci auguriamo, nel mese di Settembre i movimenti torneranno ad essere pieni, il disagio sarà complicato, forte.
Anche perchè l’alternativa alla ferrovia è rappresentata dalla Statale Appia, ormai intasata ed incapace di “smaltire” in modo snello, nelle ore cruciali, il massiccio movimento di mezzi che la interessa.
L’unica via di uscita per i pendolari è quella di un ripristino repentino del servizio su ferro.
In tal senso si auspica una attività di informazione puntuale da parte dell’Ente gestore.
Ciò al netto delle ataviche problematiche che da anni hanno caratterizzato la quotidianità della tratta e mi riferisco –
 insiste Rungi – ai frequenti trasbordi di passeggeri, ai ritardi, ai viaggi soppressi, ai tempi di percorrenza biblici.
La mia solidarietà e quella della Dirigenza di “Allenza di Centro” a quanti stanno patendo le difficoltà da pendolari.
Sperando – 
conclude l’aspirante consigliere regionale – che in tempi strettissimi l’Eav possa fornire le delucidazioni del caso”.

Tags: