lunedì 10 Agosto 2020 La Pandemia non ferma le aggressioni ai medici | infosannionews.it lunedì 10 Agosto 2020
Smooth Slider
Covid. Al San Pio continua l’attività di screening sierologico

Covid. Al San Pio continua l'attività di screening sierologico

Covid-19: tamponi processati oggi 10 Agosto 2020Presso  l’A.O.R.N. “San Pio” ...

Telese Città. Presentazione candidato sindaco Nicola Di Santo

“Un progetto inclusivo, aperto, che guarda al futuro della nostra ...

Nasce il Comitato Promotore degli Amici della Terra

Un gruppo di volontari hanno dato vita al Comitato Promotore ...

Mastella : ” Assicurare il diritto all’Istruzione a tutti”

Mastella : Assicurare il diritto all'Istruzione a tutti

Sul proprio profilo facebook il sindaco Clemente Mastella scrive : ...

Io X Benevento ricorre al Civico Difensore Regionale per la situazione di stallo amministrativo alla CCIAA

Io X Benevento ricorre al Civico Difensore Regionale per la situazione di stallo amministrativo alla CCIAA

Io X Benevento: Camera di Commercio, avanti per ultimare accorpamento ...

La Pandemia non ferma le aggressioni ai medici

02/08/2020
By

“Da eroi a bersagli su cui scaricare le proprie frustazioni”.

Esprimo la solidarietà e vicinanza mia e di tutto il Consiglio dell’OMCeO di Benevento al Collega aggredito dal figlio di una paziente. E’ questa l’affermazione del Presidente dell’Ordine dei Medici Chirurghi ed Odontoiatri di Benevento, Giovanni Pietro Ianniello, riferendosi all’episodio avvenuto nei giorni scorsi presso l’UOC di Malattie Infettive dell’Ospedale San Pio di Benevento, dove il Dr. Luigi Forgione è stato colpito dal figlio di una paziente, che, sembra, lamentasse il malfunzionamento dell’im pianto di climatizzazione. “Mercoledì 5 agosto p.v. al Senato dovrebbe essere approvato il Disegno di Legge per la sicurezza degli operatori sanitari e socio-sanitari nell’ambito delle loro funzioni. La Legge è un passo avanti importante – ha dichiarato il dr. Ianniello ma, da sola, non sarà sufficiente a mettere fine a questa piaga che, colpendo gli operatori a livello fisico e psicologico, mina la sicurezza stessa delle cure. Occorre un ripensamento delle organizzazioni di lavoro, con condizioni e sedi sicure, e dell’intero sistema di cure, in modo da dare risposte alle richieste di salute dei cittadini. Occorre una rivoluzione culturale, che faccia comprendere ai pazienti come i medici siano dalla loro parte, contro le malattie e a sostegno del Servizio Sanitario Nazionale. Proporrò al Consiglio di istituire un fondo per costituirci parte civile nei processi al fianco dei Colleghi, medici e odontoiatri, iscritti al nostro Ordine, vittime di aggressioni. Sarebbe molto significativo – conclude Ianniello – se anche le Amministrazioni delle strutture sanitarie pubbliche e private della nostra provincia ci affiancassero in questo percorso.

Tags: