lunedì 26 Ottobre 2020 Covid – 19 A ristorante obbligo della carta di identità. | infosannionews.it lunedì 26 Ottobre 2020
Smooth Slider
Scuola dell’infanzia di Pago Veiano e Pietrelcina : chiusura dal 26 ottobre fino al 2 novembre 2020. Docente positiva

Scuola dell’infanzia di Pago Veiano e Pietrelcina : chiusura dal 26 ottobre fino al 2 novembre 2020. Docente positiva

Positiva una docente dell’Istituto Comprensivo “San Pio da Pietrelcina".  De ...

Covid 19. I positivi diventano 505

Lo si evince dal bollettino odierno dall'Asl di Benevento. Di ...

Ordine dei Medici. Giovanni Pietro Ianniello rieletto Presidente

Ordine dei Medici. Giovanni Pietro Ianniello rieletto Presidente

OMCeO di Benevento: “ Il nuovo Consiglio pronto ad affrontare ...

San Pio. 31 nuovi casi oggi emersi dai tamponi processati

L’A.O.R.N. “San Pio” ha processato in data odierna nr. 172 ...

Covid – 19 A ristorante obbligo della carta di identità.

01/08/2020
By

De Lieto Li.Si.Po. “Gli italiani non sono limoni da spremere”“Dagli italiani si pretende di tutto e di più in virtù di contenere i contagi da coronavirus – così ha commentato il Segretario Generale del Libero Sindacato di Polizia Antonio de Lieto – Il Governatore della Campania fa del suo meglio per contenere eventuali contagi. Fra le nuove restrizioni imposte ai cittadini a mezzo di nuove ordinanze – ha rimarcato il leader del LI.SI.PO. – vi è quella che obbliga chi si reca in un ristorante ad avere a seguito la carta di identità, circostanza che lascia questa O.S. al quanto stupefatta. Bene – ha rimarcato de Lieto – ben vengano nuove strategie per combattere il COVID -19 ma, al riguardo il LI.SI.PO. rappresenta, per l’ennesima volta, la necessità di attuare il blocco navale con chiusura di tutti i nostri porti e chiusura dei confini terrestri con l’EST. A parere del LI.SI.PO. – ha continuato de Lieto – l’Italia deve mostrare i “muscoli” e fermare con qualsiasi mezzo questa “invasione” che espone ancor più i cittadini a rischio di eventuali nuovi contagi. L’attuale Governo deve attuare e porre in campo ogni sforzo per difendere ancor più l’Italia e gli Italiani. Negli ultimi giorni non si contano più gli sbarchi di immigrati a Lampedusa, fino al punto che l’isola rischia di “collassare”. Il problema immigrazione, a giudizio del LI.SI.PO. – ha evidenziato de Lieto – non si risolve distribuendo gli immigrati nelle varie regioni d’Italia, in questo modo avremo soltanto “nuove Lampedusa”. A Treviso – ha rilevato de Lieto – nella Caserma Serena i migranti hanno manifestato contro la quarantena provocando danni anche all’infermeria. Al riguardo giova rappresentare che 133 dei 293 migranti alloggiati sono risultati positivi. Il LI.SI.PO. – ha concluso de Lieto -rammenta ai signori del “palazzo romano” ed a tutti i “buonisti” che le ordinanze regionali, i DPCM e tutte le leggi italiane non devono essere rispettate solo dagli italiani ma da tutti, immigrati compresi. Gli italiani non sono “limoni” da spremere!!!”

Tags: