lunedì 10 Agosto 2020 Cerreto Sannita (BN), tre soggetti sorpresi dai carabinieri mentre stavano estraendo pietra calcarea senza autorizzazione da un fondo | infosannionews.it lunedì 10 Agosto 2020
Smooth Slider
Covid. Al San Pio continua l’attività di screening sierologico

Covid. Al San Pio continua l'attività di screening sierologico

Covid-19: tamponi processati oggi 10 Agosto 2020Presso  l’A.O.R.N. “San Pio” ...

Telese Città. Presentazione candidato sindaco Nicola Di Santo

“Un progetto inclusivo, aperto, che guarda al futuro della nostra ...

Nasce il Comitato Promotore degli Amici della Terra

Un gruppo di volontari hanno dato vita al Comitato Promotore ...

Mastella : ” Assicurare il diritto all’Istruzione a tutti”

Mastella : Assicurare il diritto all'Istruzione a tutti

Sul proprio profilo facebook il sindaco Clemente Mastella scrive : ...

Io X Benevento ricorre al Civico Difensore Regionale per la situazione di stallo amministrativo alla CCIAA

Io X Benevento ricorre al Civico Difensore Regionale per la situazione di stallo amministrativo alla CCIAA

Io X Benevento: Camera di Commercio, avanti per ultimare accorpamento ...

Cerreto Sannita (BN), tre soggetti sorpresi dai carabinieri mentre stavano estraendo pietra calcarea senza autorizzazione da un fondo

04/07/2020
By

Denunciati per distruzione o deturpamento di bellezze naturali.

Nella giornata di ieri i carabinieri dell’Aliquota Radiomobile di Cerreto Sannita, a conclusione di appostamenti e attività di indagine hanno denunciato alla Procura della Repubblica di Benevento per reati contro l’ambiente tre cittadini del luogo per attività di estrazione di pietra calcarea non autorizzata. Nel corso del controllo è emerso che il proprietario di un fondo agricolo, ubicato in impervia zona montuosa, consentiva ad una ditta di rimozione terra del luogo l’estrazione di grandi quantitativi di pietra calcarea. Le indagini permettevano di verificare che fino ad oggi erano stati già estratti numerosi quintali di pietre, per un valore complessivo di circa euro 50.000 euro, trasportate con vari mezzi autoarticolati. Tutta l’area interessata ed i mezzi d’opera utilizzati sono stati sottoposti a sequestro, mentre la  posizione degli indagati, il proprietario del fondo ed i due responsabili della società, è tuttora al vaglio dell’autorità giudiziaria. L’intera operazione si inserisce in  un contesto di attività mirate al controllo del territorio al fine di contrastare il frequente fenomeno di deturpamento dei beni naturalistici ed ambientali mediante l’estrazione di pietre, legnami, sabbia ed altro, tutti materiali utilizzati illegalmente nella filiera del settore edilizio.

Tags: