domenica 5 Luglio 2020 “We can’t breathe”, la protesta per la morte di George Floyd anche a Benevento | infosannionews.it domenica 5 Luglio 2020
Smooth Slider
Covid – 19 Al San Pio processati 33 tamponi

Covid - 19 Al San Pio processati 33 tamponi

Covid-19: aggiornamento tamponi processati il 4 Luglio 2020.Si comunica che ...

Pietrelcina.“Una Voce per Padre Pio” trasloca a Roma

Pietrelcina.“Una Voce per Padre Pio” trasloca a Roma

Il prossimo 11 luglio 2020 alle ore 21 dagli studi ...

Noi Campani, Mastella: completate le nomine dei segretari e presidenti provinciali

Noi Campani, Mastella: completate le nomine dei segretari e presidenti provinciali

Il leader di Noi Campani, Clemente Mastella, ha completato le ...

Biodigestore, Carpinone Scelta assolutamente inopportuna

"Ancora una volta ci si discosta da quello che dovrebbe ...

Diga Campolattaro, Maglione: “Entusiamo da propaganda elettorale, siamo attenti all’obiettivo”

"Ieri ho avuto modo di visitare l’invaso di Campolattaro al ...

Centro Democratico: Stefano Mercurio nuovo delegato provinciale allo sport

“Formulo i migliori auguri di buon lavoro a Stefano Mercurio, ...

“We can’t breathe”, la protesta per la morte di George Floyd anche a Benevento

06/06/2020
By

Questo pomeriggio, organizzata da L@pAsilo 31 e da il Coordinamento Sannio Antirazzista si è svolta una manifestazione di protesta, davanti la Prefettura al Corso Garibaldi, per solidarizzare con la comunità afroamericana vittima di atteggiamenti estremamente brutali da parte della polizia americana, culminati nell’ultimo episodio di Minneapolis dove George Floyd è stato ammazzato a causa di una eccessiva brutalità nel corso di un arresto.

L’uomo è morto per soffoccamento avendo dovuto subire, faccia a terra per oltre otto minuti, la pressione esagerata del ginocchio del poliziotto sul collo, pratica questa che ha poi in effetti portato alla morte dell’uomo. Di qui il grido che caratterizza le manifestazioni : ““We can’t breathe”, “non riusciamo a respirare”.

Alessandro Tucci, del Coordinamento antirazzista, ha dichiarato : ““George Floyd è stato assassinato da un agente di polizia. Le immagini di quella morte sono molto forti e hanno scosso il mondo. Tutti si sono stretti attorno alla comunità e ai fratelli di Floyd. E’ stata una pugnalata al cuore. Non è solo la lotta al razzismo che deve mobilitarci, non può esserlo. Non è stato un eccesso di forza nei confronti delle forze dell’ordine, qui si protesta anche per un sistema economico che per anni ha ammazzato persone con classi subalterne. Questo sistema economico deve essere messo in discussione: uccide e produce povertà e deve essere sostituito”.