domenica 5 Luglio 2020 Documento condiviso in merito al prolungamento degli orari di chiusura esercizi di ristorazione | infosannionews.it domenica 5 Luglio 2020
Smooth Slider
Covid – 19 Al San Pio processati 33 tamponi

Covid - 19 Al San Pio processati 33 tamponi

Covid-19: aggiornamento tamponi processati il 4 Luglio 2020.Si comunica che ...

Pietrelcina.“Una Voce per Padre Pio” trasloca a Roma

Pietrelcina.“Una Voce per Padre Pio” trasloca a Roma

Il prossimo 11 luglio 2020 alle ore 21 dagli studi ...

Noi Campani, Mastella: completate le nomine dei segretari e presidenti provinciali

Noi Campani, Mastella: completate le nomine dei segretari e presidenti provinciali

Il leader di Noi Campani, Clemente Mastella, ha completato le ...

Biodigestore, Carpinone Scelta assolutamente inopportuna

"Ancora una volta ci si discosta da quello che dovrebbe ...

Diga Campolattaro, Maglione: “Entusiamo da propaganda elettorale, siamo attenti all’obiettivo”

"Ieri ho avuto modo di visitare l’invaso di Campolattaro al ...

Centro Democratico: Stefano Mercurio nuovo delegato provinciale allo sport

“Formulo i migliori auguri di buon lavoro a Stefano Mercurio, ...

Documento condiviso in merito al prolungamento degli orari di chiusura esercizi di ristorazione

28/05/2020
By

Si allega il testo del documento condiviso in merito al prolungamento degli orari di chiusura degli esercizi di ristorazione  inviato stamani dai sindaci di Airola, Benevento, Montesarchio, San Giorgio del Sannio e Telese Terme al presidente della Regione Campania e al prefetto di Benevento.

OGGETTO: Documento condiviso in merito al prolungamento degli orari di chiusura esercizi di ristorazione.

I sottoscritti Sindaci dei Comuni della Provincia di Benevento

Comune di Airola;

Comune di Benevento;

Comune di Montesarchio;

Comune di San Giorgio del Sannio;

Comune di Telese Terme;

Premesso che

il riavvio delle attività economiche, disposto con i provvedimenti Statali e Regionali, emessi ed attualmente vigenti su tutto il Territorio Regionale, hanno il dichiarato obiettivo di combinare adeguatamente il diritto alla salute costituzionalmente garantito e la ripresa economica.

Il principio di adeguatezza più volte invocato anche a supporto delle gravi limitazioni delle attività economiche, oltre che delle libertà personali, resta ancora il fulcro dei provvedimenti che dinamicamente si adattano all’andamento dei dati epidemiologici del territorio, come espressamente declamato negli stessi.

Ciò premesso,

in un’ottica di condivisione a tutti i livelli istituzionali delle strategie utili a conseguire gli obiettivi posti (diritto alla salute, diritto alla libertà d’impresa e diritto alle relazioni sociali del mondo giovanile), i sottoscritti Sindaci dei Comuni indicati della Provincia di Benevento che, si caratterizzano per la centralità dei relativi territori e la complessità del tessuto economico e sociale, con il presente documento condividono e propongono una attenta riflessione in ordine alla revisione degli orari di chiusura degli esercizi pubblici disposti con ordinanza del Presidente della Giunta Regionale n. 49 del 20.05.2020, entro le ore 23:00 per i bar, baretti, vinerie, gelaterie, pasticcerie, avendo verificato, in questi primi giorni di sperimentazione, che lungi dall’agevolare la fruizione dilazionata dei servizi e delle attività, la limitazione dell’orario, induce invece all’effetto opposto, provocando assembramenti di persone costrette a concentrare in poche ore la fruizione dei servizi.

Il progressivo approssimarsi della stagione estiva e la necessità fisiologica di uscire nella tarda serata, acuirà di certo il fenomeno, con evidenti risvolti negativi sul piano della prevenzione e dell’ordine pubblico

PROPONGONO PERTANTO

di allungare l’orario di chiusura dei suddetti esercizi almeno alle ore 24:00.

Resta inteso che, situazioni particolari potranno essere valutate a livello locale dai Sindaci utilizzando gli strumenti previsti dall’art. 1 comma 9 del D.L. 16 maggio 2020 n. 33, ovvero la chiusura temporanea di specifiche aree pubbliche o aperte al pubblico in cui si renda impossibile assicurare adeguatamente il rispetto della distanza interpersonale di almeno un metro

CHIEDONO

di considerare la proposta testé formulata e di adottare un provvedimento in tal senso con urgenza, anche prima del 03 giugno.

Tags: