lunedì 6 Luglio 2020 Il Liceo Classico “Pietro Giannone” di Benevento vince il premio “ScriviAmo” | infosannionews.it lunedì 6 Luglio 2020
Smooth Slider
Pesco Sannita.Al via un eco – compattatore sul territorio comunale

Pesco Sannita.Al via un eco – compattatore sul territorio comunale

I cittadini potranno utilizzare gli eco- punti per uno sconto ...

Covid – 19 Al San Pio processati 33 tamponi

Covid - 19 Al San Pio processati 33 tamponi

Covid-19: aggiornamento tamponi processati il 4 Luglio 2020.Si comunica che ...

Pietrelcina.“Una Voce per Padre Pio” trasloca a Roma

Pietrelcina.“Una Voce per Padre Pio” trasloca a Roma

Il prossimo 11 luglio 2020 alle ore 21 dagli studi ...

Noi Campani, Mastella: completate le nomine dei segretari e presidenti provinciali

Noi Campani, Mastella: completate le nomine dei segretari e presidenti provinciali

Il leader di Noi Campani, Clemente Mastella, ha completato le ...

Biodigestore, Carpinone Scelta assolutamente inopportuna

"Ancora una volta ci si discosta da quello che dovrebbe ...

Diga Campolattaro, Maglione: “Entusiamo da propaganda elettorale, siamo attenti all’obiettivo”

"Ieri ho avuto modo di visitare l’invaso di Campolattaro al ...

Il Liceo Classico “Pietro Giannone” di Benevento vince il premio “ScriviAmo”

27/05/2020
By

Una stella del firmamento, questo il premio vinto dal Liceo classico “P. Giannone” di Benevento, classificatosi al primo posto a livello nazionale nella categoria Junior del premio ScriviAmo, che ha visto coinvolte più di 1300 classi.

I ragazzi della V ginnasio del corso D, guidati dalla prof.ssa Giulia Campagnuolo e sostenuti dal Dirigente Scolastico, prof. Luigi Mottola, hanno partecipato con serietà ed entusiasmo alla Staffetta di Scrittura Creativa, scrivendo, a partire dall’incipit assegnato, il primo capitolo di un libro e passando poi “la staffetta” ad altre scuole d’Italia.

“Il cuore nero del coltan”, questo il titolo del libro che sarà a breve pubblicato, affronta il drammatico problema dello sfruttamento minorile. La storia di Marco e Akil, un bambino italiano e uno congolese, i cui destini si incrociano in Africa, vittime dei “trafficanti di uomini”, tiene col fiato sospeso i lettori, che si trovano proiettati in una storia avvincente, non priva di spirito di avventura, ma che, soprattutto, induce a riflettere.

La Giuria Tecnica, ultimo step dell’iter ad astra, ha assegnato il premio con la seguente motivazione: «Racconto coeso nella scrittura e coinvolgente dal punto di vista emotivo, di grande attualità, con una buona base informativa ed un apprezzabile riferimento ai diritti dei bambini».

Il Presidente della BIMED (Biennale delle Arti e delle Scienze del Mediterraneo), Andrea Iovino, aggiunge: «Io che ho avuto la fortuna di poter leggere il Vs. capitolo e il racconto cui è stato assegnato il Premio nel suo insieme Le debbo rappresentare che sono veramente orgoglioso di come sta evolvendo nella Scuola italiana la qualità della scrittura e, dunque, quali importanti risultati stiamo ottenendo in relazione alla competenza basilare per la Cittadinanza Europea che è proprio quella sulla lingua madre».

La premiazione avverrà auspicabilmente nella seconda metà di settembre.

Il premio inconsueto ed estremamente poetico è… una stella con il nome della scuola! Tale attribuzione sarà riportata su un planetario (l’Universo della Scrittura).

Davvero, gli antichi avevano ragione: per aspera ad… astra!

Tags: