giovedì 1 Ottobre 2020 Apollosa, osserva un sito online, riconosce la sua bici rubata tre anni prima | infosannionews.it giovedì 1 Ottobre 2020
Smooth Slider
Rapina in una sala slot e scommesse in via Nuova Calore.Bottino: mille euro

Rapina in una sala slot e scommesse in via Nuova Calore.Bottino: mille euro

Si tratta della seconda rapina in sole 24 ore.Nel mirino ...

Report Tamponi al San Pio:accertata una nuova positività nel Sannio

Benevento – L’azienda ospedaliera “San Pio” ha comunicato di aver processato ...

Giovanni Carpinone (FI): “Assessorato a Morcone, brutto segnale per il Sannio”

Giovanni Carpinone (FI): Assessorato a Morcone, brutto segnale per il Sannio

“Se il buongiorno della consiliatura si vede dal suo principio, ...

Tamponi, il Comune di Moiano si “appella” all’Asl

Tamponi, il Comune di Moiano si appella all'Asl

“Siamo consapevoli del momento di difficoltà ma, in questo modo, ...

Lo Chef puglianellese Emanuele Mongillo premiato a Mosca dall'accademia italiana della cucina

Puglianello ancora una volta è rappresentata nelle location più prestigiose ...

Pietrelcina. Al via il I° Premio “Pasquale Mandato”

Sabato 3 ottobre ore 10,30 presso il Palavetro.  La cerimonia ...

Apollosa, osserva un sito online, riconosce la sua bici rubata tre anni prima

26/05/2020
By

Osserva un sito on-line, riconosce la sua bici rubata tre anni prima e avvisa i carabinieri: denunciato un 22enne della provincia di Napoli per ricettazione.

I Carabinieri della Compagnia di Montesarchio (BN), ambito attività investigativa, hanno deferito in stato di libertà un 22enne della provincia di Napoli resosi responsabile del reato di ricettazione.

In particolare, a seguito di una segnalazione pervenuta ai militari della Stazione CC di San Leucio del Sannio (BN) da parte di un cittadino di Apollosa (BN), il quale riferiva di aver riconosciuto sulle pagine on-line un noto sito di compravendita la propria costosa bicicletta che gli era stata sottratta nel marzo dell’anno 2017, immediatamente scattava attività di verifica al fine di identificare il venditore. Il denunciante riferiva altresì di essere certo che la bicicletta posta in vendita sia la stessa a lui asportata poiché lui stesso aveva commissionato alla casa costruttrice delle modifiche e che quindi la nota azienda venditrice non produceva in serie tali bici, ma solo in modelli personalizzati.

Successivamente i militari dell’Arma di San Leucio del Sannio (BN) collaborati da personale della Stazione CC di Striano (NA) riuscivano ad identificare compiutamente il  reo e a ritrovare la bicicletta in questione che veniva sottoposta a sequestro preventivo in attesa di ulteriori accertamenti al fine di riconsegnarla al legittimo proprietario.

Tags: