venerdì 29 Maggio 2020 Campania.Caso(M5S) scrive a De Luca: “Eliminare Divieto Consegna Pizze a Domicilio!” | infosannionews.it venerdì 29 Maggio 2020
Smooth Slider

Al via il Virtual Open Day dell’Istituto Superiore per Mediatori Linguistici – SSML Internazionale

Sabato 30 maggio alle ore 11.30 la  SSML Internazionale di Benevento  aprirà ...

Acqua Bene Comune, mancato intervento dell’ente Idrico campano a sostegno delle fasce deboli

Acqua Bene Comune, mancato intervento dell'ente Idrico campano a sostegno delle fasce deboli

Il comitato sannita Acqua Bene Comune comunica quanto segue:"l’Ente idrico ...

Delia Delli Carri : “Una Amara vittoria: io non decado!”

Delia Delli Carri : Una Amara vittoria: io non decado!

"Ma per loro, continua la consigliera uscita vincitrice nel braccio ...

Giovanni Giuseppe Cocchiaro smentisce la sua nomina in Italia Viva Sannio

Nomina in Italia Viva Sannio, la smentita di Cocchiaro:“Con meraviglia ...

Bonea, due maxi cantieri al via.Il commento dell'assessore Giampietro D'Apice

“Cominciamo a raccogliere, in modo importante, i frutti di un ...

Covid – 19 Pago Veiano piange la morte della signora Giorgina De Palma

Covid – 19 Pago Veiano piange la morte della signora Giorgina De Palma

Tristezza e rassegnazione tra la collettività locale. La solidarietà del ...

Campania.Caso(M5S) scrive a De Luca: “Eliminare Divieto Consegna Pizze a Domicilio!”

07/04/2020
By

“Il divieto della consegna a domicilio, voluto dal Governatore De Luca, danneggia i piccoli artigiani del “food” campano ed in particolare le pizzerie della regione, spesso a conduzione familiare, che, potrebbero lavorare in sicurezza, continuando a rimanere chiuse al pubblico e purché si servano di fattorini, muniti di mascherine protettive e guanti”.

Lo dichiara Andrea Caso, Portavoce alla Camera del MoVimento 5 Stelle, membro delle Commissioni Finanze ed Antimafia, che ha scritto oggi una lettera al Presidente della Regione Campania De Luca, invitandolo a ritirare l’ordinanza di divieto in Campania.

“Prevedere i dovuti controlli e sanzioni salate per i trasgressori – aggiunge Caso – ma consentire alle pizzerie di proseguire la propria attività così come a laboratori o piccole imprese dedite alla lavorazione di prodotti pasquali. Non ha senso proibire una storica attività, che, se svolta, con tutti i parametri di tutela per la propria e l’altrui salute, allieterebbe lo stare in questo momento a casa, da parte dei cittadini. Bisogna riconoscere che on line si può ordinare di tutto, occorre solo fissare l’obbligo per i titolari delle pizzerie di predisporre consegne con personale adeguatamente protetto e nel rispetto delle distanze di sicurezza, così come già avviene, ogni giorno, dall’inizio dell’emergenza, per le consegne a domicilio effettuate dai corrieri per conto di Amazon o di tante altre grandi realtà industriali”.

“Per il timore di contagi finiamo per favorire un commercio altamente competitivo con quello locale che risulta assai più genuino e di lunga tradizione” conclude Caso.

Tags: , ,