martedì 26 Maggio 2020 Aziende agro-alimentari Sannite: Emergenza COVID-19 e Decreto legge “Cura ITALIA” | infosannionews.it martedì 26 Maggio 2020
Smooth Slider

Provincia. Di Maria in sopralluogo ai Musei della Rete Museale

Antonio Di Maria, Presidente della Provincia di Benevento, ha effettuato ...

San Pio, Covid 19. Situazione stazionaria con soli 2 pazienti

Al San Pio sono sempre due i ricoverati in pneumologia ...

I Commercialisti vicini alle Istituzioni e al Fianco di Imprese e Cittadini

Nel corso della trasmissione che “Che tempo che fa”, andata ...

Videoconferenza“Come affrontare il sovraindebitamento?”Acli attiva sportello informativo

Benevento - Come affrontare il sovraindebitamento? È questo il tema ...

Pietrelcina. Nascita di San Pio: quest’anno il 133° anniversario.

Appena 100 i fedeli presenti nella Chiesa conventuale, due per ...

Inizia oggi l'indagine per la lotta al Covid voluta dal Ministero della Salute.Otto i comuni interessati nel Sannio

Inizia oggi l’indagine di sieroprevalenza disposta dal Ministero della Salute ...

Aziende agro-alimentari Sannite: Emergenza COVID-19 e Decreto legge “Cura ITALIA”

01/04/2020
By

Covid-19 ha reso necessarie decisioni particolarmente drastiche per il contenimento della diffusione del virus, creando – purtroppo – grossi problemi al tessuto economico-sociale in specie nella nostra provincia già in una fase di notevoli sofferenze.
Le misure – scrive Alfonso Iannace Segretario Territoriale  FAI CISL IrpiniaSannio – hanno indotto la gran parte delle piccole e medie aziende sannite nei vari settori a modificare tempi e modalità di lavoro con l’obbligo di adottare tutte le precauzioni necessarie a tutelare le lavoratrici e i lavoratori nei luoghi di lavori. Ove non è stato possibile sono state costrette a interrompere l’attività lavorativa per l’estrema difficoltà di rispettare le norme introdotte, nonostante fossero nell’elenco dei codici ATECO esclusi dalla chiusura coatta.
Altrettante aziende, al fine di tutelare economicamente i loro dipendenti, stanno presentando le istanze tese al riconoscimento degli ammortizzatori sociali previsti dal Decreto legge “Cura Italia”, quali CIG in deroga, CIG ordinaria, Assegno fondo di Settore, ecc.
Una delle aziende sannite in attività, citata anche perché unica multinazionale del settore agroalimentare della nostra provincia, è la Nestlè, dove è stato sottoscritto, unitamente alle RSU aziendali, un accordo sindacale che prevede un riconoscimento di disagio anche psicologico alle lavoratrici e lavoratori che prestano la loro attività in questo delicatissimo momento.
L’accordo siglato il 25 marzo scorso prevede per il mese di marzo e aprile incrementi salariali aggiuntivi.
1. BONUS per un massimo di € 200,00 mensili, per tutti i lavoratori che presteranno la loro attività lavorativa per almeno 18 gg. lavorativi nel mese di marzo e per almeno 17 gg. lavorativi nel mese di aprile 2020, riparametrato sugli effettivi giorni secondo lo schema che riportiamo:

gg. lavorati nel mese Bonus marzo gg. lavorati nel mese bonus aprile
marzo 2020 2020 aprile 2020 2020
18 € 100 17 € 100
19 € 120 18 € 120
20 € 140 19 € 140
21 € 160 20 € 160
22 € 200 21 € 200

Il bonus di marzo 2020 sarà erogato sulla busta paga di aprile, il bonus di aprile sarà erogato sulla busta paga di maggio 2020.
2. BONUS di € 50 per lavoro in 6° giornata, per tutti i lavoratori che prestano la loro attività lavorativa di sabato o comunque in 6° giornata. Sarà erogato, in aggiunta al predetto precedente BONUS e sarà applicato a partire dal 23 marzo 2020.
Auspichiamo che questo grave ed indimenticabile momento causato da COVID-19, passi subito. Le norme economiche e sanitarie varate e sicuramente da integrare dal governo siano di concreto sostegno ed essere subito a disposizione delle lavoratrici e lavoratori abbreviando tutto l’iter per dare un sostegno alle famiglie in tempi brevi.
Il popolo italiano è sempre stato solidale con tutti, dimostrato in varie occasioni drammatiche. Basti vedere anche in questi giorni semplici cittadini che espongono un cartello su cesti e/o cassette con la nota e significativa frase “chi ha metta qualcosa – chi non ha prenda qualcosa”.
Solidarietà, questo ha bisogno l’Europa!

Tags: