venerdì 5 Giugno 2020 Pietrelcina. Frati cappuccini: “attenzione alle presunte profezie di sedicenti figli spirituali di Padre Pio” | infosannionews.it venerdì 5 Giugno 2020
Smooth Slider
Domani riaprirà il tradizionale mercato regionale di Santa Colomba

Domani riaprirà il tradizionale mercato regionale di Santa Colomba

Lo rende noto l’assessore ai Mercati, Oberdan PicucciBenevento – L’assessore ...

Covid-19, report ASL, 7 i positivi

Di seguito il report ASL relativo ai pazienti positivi al ...

Covid - 19 per la prima volta in Campania zero nuovi contagi.De Luca: Passo importante ma tenere alta la guardia

Dall’inizio dell'epidemia ieri tutti i tamponi analizzati sono risultati negativi ...

Allerta meteo: disposta chiusura strutture, cimitero e parchi publici, nella giornata del 5 giugno

Allerta meteo: disposta chiusura strutture, cimitero e parchi publici, nella giornata del 5 giugno

Benevento - In seguito al dispositivo di avverse previsioni  meteo, diramato ...

Centro Democratico: Giuseppe Puzio nomina Gerarda Caputo delegata al sostegno alle imprese del Partito

“Con la quinta nuova nomina di Gerarda Caputo come delegata ...

Pietrelcina. Frati cappuccini: “attenzione alle presunte profezie di sedicenti figli spirituali di Padre Pio”

28/03/2020
By

Per il coronavirus-19 dichiarazioni poco attendibili di due persone che hanno tirato in ballo il frate stigmatizzato. La reazione dei vertici della Provincia religiosa di “Sant’Angelo e Padre Pio”
di Lino Santillo

L’Italia tutta, come il mondo intero sono sconvolti per questo micidiale Coronavirus – 19 che sta mietendo vittime in ogni angolo del pianeta. Intanto, ovunque sofferenza, apprensione e tanta speranza per cercare di uscire nel migliore dei e quanto prima dal “tunnel” che sta attanagliando ogni essere umano. Alla speranza, alla fede e alle parole del Sommo Pontefice per lenire tali sofferenze, vi sono delle persone che trovano il tempo di attribuirsi false visioni e messaggi ricevuti da Padre Pio. Ovviamente, in ogni situazione di sofferenza e di aiuto si “tira in ballo” il frate stigmatizzato. Ecco allora, l’intervento repentini dei frati cappuccini della Provincia religiosa di “Sant’Angelo e Padre Pio”.
“In questo periodo di ansia e di preoccupazione dilaganti, – dichiara Stefano Campanella direttore Tele Radio Padre Pio e Padre Pio Tv – sono state diffuse nuovamente alcune profezie apocalittiche attribuite a san Pio da Pietrelcina, che sarebbero state rivelate ad alcuni sedicenti figli spirituali quando il Santo era in vita o, successivamente, durante presunte visioni. Per rispetto alla verità, i Frati Minori Cappuccini della Provincia religiosa di Sant’Angelo e Padre Pio dichiarano di non poter garantire che tali messaggi siano autentici né l’asserita
figliolanza spirituale delle due persone che se la sono attribuita.
Certamente tali profezie non sono contenute in nessuno degli scritti del Santo (tutti già pubblicati). Inoltre le affermazioni dei due presunti figli spirituali non trovano riscontro in nessun documento o prova testimoniale contenuti nella pur poderosa documentazione (104 volumi) della Causa di beatificazione e canonizzazione di Padre Pio da Pietrelcina.
Sulla base di quanto esposto, i Frati Minori Cappuccini invitano i fedeli a vagliare ogni notizia con spirito critico e a verificare l’attendibilità delle fonti, raccomandano un atteggiamento di prudenza nei confronti di profezie, visioni e messaggi, che non devono essere considerati degni di fede se non sono avallati dalla conferma della competente
autorità ecclesiastica”.

Supplica a san Pio da Pietrelcina
in tempo di “coronavirus”

Gli aderenti ai «Gruppi di preghiera di Padre Pio» e «tutti i devoti del Santo» potranno ricorrere alla sua intercessione, in questo periodo di emergenza, per ottenere la fine del flagello del coronavirus, con le parole di una specifica supplica, appositamente scritta dall’arcivescovo di Manfredonia – Vieste – San Giovanni Rotondo, padre Franco Moscone, che è anche presidente di Casa Sollievo della Sofferenza e direttore generale dei Gruppi di preghiera.
Il Presule l’ha letta per la prima volta al termine dell’omelia, durante la Celebrazione Eucaristica vespertina da lui presieduta nella cripta del santuario di Santa Maria delle Grazie. La Messa si è svolta a porte chiuse, concelebrata dai frati minori cappuccini del convento di San Giovanni Rotondo. Ma nei giorni precedenti l’Arcivescovo aveva diffuso un appello ai Gruppi di preghiera e ai devoti del Santo, chiedendo di «unirsi spiritualmente» a lui in questa Celebrazione attraverso la diretta effettuata da Padre Pio Tv.
Padre Franco ha iniziato la sua riflessione, visibilmente emozionato, con «una confidenza: non è facile, nella situazione in cui stiamo vivendo, neppure per un vescovo, commentare la parola di Dio e tenere l’omelia, perché ci si aspetta sicurezza, ci si aspetta conforto. Ma vi assicuro che non sono facili da trasmettere». «La forza – ha spiegato – viene dalla Parola del Signore e sta, per noi, anche in questo luogo che conserva le reliquie di san Pio da Pietrelcina e dove è stato collocato il Crocifisso, dinanzi al quale ricevette le stimmate». Tuttavia, prima di addentrarsi nel commento delle letture proposte dalla liturgia della IV Domenica di Quaresima, il Pastore ha invitato ad «allontanare da noi certe immagini di un Dio castigatore, che giudica e condanna», ricordando che, invece, Egli «vive di misericordia e perdono».

Riportiamo, di seguito, il testo della supplica per permettere a ciascuno di ripeterla nell’orazione personale o familiare.

O glorioso Padre Pio,
quando ci hai costituiti Gruppi di Preghiera ci hai «affiancati a Casa Sollievo, come posizioni avanzate di questa Cittadella della carità», e ci hai assicurato che la nostra vocazione è essere «vivai di fede e focolai d’amore, nei quali Cristo stesso è presente».
In questo tempo di pandemia diventa impossibile riunirci fisicamente come Gruppi di Preghiera, ma ognuno di noi sa di essere persona di preghiera in comunione con tantissime altre e di molte ne conosce i nomi ed i volti. In questo tempo tragico, o glorioso P. Pio, facci sentire che siamo veramente uniti in un solo grande Gruppo che abbraccia tutto il mondo e che si fa voce di tutte le Cittadelle di carità che lottano, soffrono e pagano con la loro professionalità per sconfiggere il male del coronavirus.

O glorioso Padre Pio, fatti mediatore della nostra preghiera presso il Cristo Crocifisso, da cui sei stato costituito cireneo dell’umanità.
Attraverso la tua mediazione vogliamo intercedere:
·per le persone colpite dal virus e per quelle che per questo flagello hanno lasciato questo mondo: “feriti e caduti” di una guerra giunta improvvisa e senza essere dichiarata;
· per le famiglie dei defunti e dei malati, segnate nei legami più cari e in apprensione: “vittime inermi” di un nemico giunto come un ladro a modificare gli affetti e le relazioni;
· per chi è costretto all’isolamento in quarantena: esperienza quasi di “arresti domiciliari”, non per una colpa commessa, ma toccato da un avvenimento incomprensibile, magari infettato mentre compiva il proprio dovere professionale;
· per i medici di famiglia e gli operatori del primo soccorso: in “trincea”, con poche sicurezze e, a volte, senza mezzi a combattere un nemico invisibile;
· per i medici, gli infermieri, gli operatori sanitari e i lavoratori tutti dei presidi ospedalieri: “campi di battaglia” senza orari, turni e con forze che sembrano diminuire;
·per i responsabili della vita civile, governanti ed amministratori: leaders in tempi calamitosi, obbligati ad assumere decisioni che appaiono amare e impopolari;
· per il mondo dell’economia, per i lavoratori, gli operai e gli imprenditori di tutte le categorie, che vedono indebolita la loro attività e temono per la resistenza delle loro imprese: toccherà a loro la ricostruzione al termine di questa “guerra”; che si rafforzi in loro la creatività ed il senso del bene comune;
· per i dimenticati: anziani e persone che vivono sole, mendicanti e homeless, tutte categorie rimaste come “escluse” dai circoli relazionali, che già erano in difetto e labili nei loro confronti;
· per gli ultimi che non appaiono più nell’informazione giornalistica e televisiva: gli emigranti, i rifugiati, chi rischia la vita attraversando sui barconi il “nostro mare”: tutti questi esistono ancora, come prima, e continuano il loro Calvario;
· per ognuno di noi, che vive questo tempo col cuore ferito, ma sa che soprattutto in una situazione come questa deve essere ancora di più vivaio di fede e focolaio d’amore.
Aiutaci, o glorioso Padre Pio, a intercedere per tutte queste persone: sono la carne di Cristo, sono l’Eucaristia, che in questi giorni non possiamo ricevere; sono l’Eucaristia vivente, fatta persona debole e sofferente … sul loro volto risplende il Volto del Figlio di Dio, il dolcissimo Gesù Crocifisso e Risorto. Amen!

Tags: