giovedì 1 Ottobre 2020 Pagamento fitti di case e negozi Mastella ai cittadini: “Non pagate”.Poi rettifica. | infosannionews.it giovedì 1 Ottobre 2020
Smooth Slider
Rapina in una sala slot e scommesse in via Nuova Calore.Bottino: mille euro

Rapina in una sala slot e scommesse in via Nuova Calore.Bottino: mille euro

Si tratta della seconda rapina in sole 24 ore.Nel mirino ...

Report Tamponi al San Pio:accertata una nuova positività nel Sannio

Benevento – L’azienda ospedaliera “San Pio” ha comunicato di aver processato ...

Giovanni Carpinone (FI): “Assessorato a Morcone, brutto segnale per il Sannio”

Giovanni Carpinone (FI): Assessorato a Morcone, brutto segnale per il Sannio

“Se il buongiorno della consiliatura si vede dal suo principio, ...

Tamponi, il Comune di Moiano si “appella” all’Asl

Tamponi, il Comune di Moiano si appella all'Asl

“Siamo consapevoli del momento di difficoltà ma, in questo modo, ...

Lo Chef puglianellese Emanuele Mongillo premiato a Mosca dall'accademia italiana della cucina

Puglianello ancora una volta è rappresentata nelle location più prestigiose ...

Pietrelcina. Al via il I° Premio “Pasquale Mandato”

Sabato 3 ottobre ore 10,30 presso il Palavetro.  La cerimonia ...

Pagamento fitti di case e negozi Mastella ai cittadini: “Non pagate”.Poi rettifica.

25/03/2020
By

Benevento – Il primo cittadino Clemente Mastella attraverso il suo profilo facebook si rivolge ai commercianti e ai cittadini che a causa  dei decreti varati per contenere la pandemia del coronavirus sono stati costretti a chiudere le attività e di conseguenza i guadagni sono fermi. Il primo cittadino risponde a chi gli chiede come fare a pagare l’affitto:

“Mi scrivono: come facciamo a pagare il fitto dei negozi o delle case se non lavoriamo? Il Comune, ad ora non ve lo richiede e credo non lo farà. Agli altri dico: non pagate nessun fitto ai vostri affittuari e chiamatemi come vostro testimone. Non ci sarà nessun giudice onesto che vi condannerà. Va sospesa – spiega Mastella – ogni cosa che faccia a cazzotti con questi giorni terribili”.

In un successivo messaggio, il primo cittadino ha corretto il tiro,chiarendo e  rettificando quanto scritto in precedenza:

“Chiarisco per quanti mi hanno scritto piangendo, che non sono in grado di pagare il fitto di questo mese, che è giusto , a mio parere soprassedere possibilmente nei confronti di chi ora è disoccupato, di chi ha il negozio chiuso. Insomma di chi ora non ce la fa. Una mia moral suasion allora, agli affittuari ad essere generosi. Fino a quando la bufera non cesserà.

E’ ovvio – sottolinea Mastella – che chi invece ha reddito, deve continuare a pagare. Ed è evidente che se qualcuno degli affittuari, manderà lo sfratto a chi non è in condizioni ora di pagare per oggettiva necessità, sarò nella casa dello sfrattato a sostenerne le oggettive ragioni. Poi tornati alla normalità sarà diverso. Si rischiano al sud conflitti sociali, questo è l’altro virus. E ne sono preoccupato. Sia chiaro non invito alla disobbedienza civile, ognuno deve rispettare la legge. E proceda secondo legge. Io chiedo a tutti di rispettarla. Nessuno però mi potrà vietare di esprimere nei modi della legge e della mia coscienza, a chi dovesse essere sfrattato e che, ripeto, oggettivamente e non furbescamente, non ce la fa a pagare perché non ha risorse, a trovare con un gruppo di avvocati i modi nella legge di difenderli. Spero – conclude – nella generosa comprensione e nella carità di chi vive drammi più modesti ad essere solidali con chi sta peggio”.

Tags: ,