giovedì 9 aprile 2020 Distretti Agroalimentari di qualità e Distretti rurali, Confagricoltura Campania “Un’occasione colta a metà” | infosannionews.it giovedì 9 aprile 2020
Smooth Slider

Conclusa definitivamente la stagione 2019-2020

L'Accademia Volley si allinea completamente alle decisioni federaliLa Federazione Italiana ...

Emergenza covid-19: tamponi e test rapidi processati al San Pio

Emergenza covid-19: tamponi e test rapidi processati al San Pio

L'’A.O.R.N. “San Pio” oggi 8 Aprile ha processato nr. 12 ...

Premio Strega Giovani e Liceo Giannone di Benevento

La Fondazione Bellonci, in collaborazione con l’associazione Piccoli Maestri, ha ...

L’Ospedale S. Cuore di Gesù – Fatebenefratelli di Benevento ringrazia la CIEC S.r.l. per il dono di “pacchi viveri”

L’Ospedale S. Cuore di Gesù – Fatebenefratelli di Benevento, attraverso ...

Distretti Agroalimentari di qualità e Distretti rurali, Confagricoltura Campania “Un’occasione colta a metà”

14/02/2020
By

“L’identificazione di ben 24 tra Distretti agroalimentari di qualità e Distretti rurali da parte della Regione Campania, ci consegna un sistema economico agricolo regionale frammentato e sicuramente non competitivo rispetto alla globalizzazione, con la quale il sistema agroalimentare campano si confronta”. Così Fabrizio Marzano, presidente di Confagricoltura Campania, commenta il Decreto dirigenziale regionale n. 31 del 7 febbraio 2020 con il quale l’ente territoriale, ai sensi della Legge Regionale n. 20/2014 e degli atti regolamentari conseguenti ha disposto l’approvazione degli elenchi dei Distretti agroalimentari di qualità e dei Distretti rurali.

“Per sostenere la competitività del settore primario si rende necessaria l’adozione di strumenti di programmazione economica chiari ed efficaci a livello di filiera –sottolinea Marzano – ma occorreva avere una visione strategica di più ampio respiro sul piano territoriale”.

“Paradossalmente ci ritroviamo, ad oggi, un elenco corposo di distretti agroalimentari di qualità fondato su prodotti a denominazione di origine non in chiave di filiera, ma nella logica di aggregazione territoriale, con il rischio che l’impatto delle politiche settoriali – nel caso dei contratti di filiera – e di quelle territoriali – nel caso dei prodotti di qualità e dei Gruppi di azione locale nell’ambito delle Strategie di sviluppo locale di tipo partecipativo – risulti in taluni casi contradditorio – conclude il presidente di Confagricoltura Campania.

Tags: