giovedì 9 aprile 2020 Scuola, Decreto Ammazzaprecari: nella giornata di oggi indetto sciopero del comparto istruzione del Sannio | infosannionews.it giovedì 9 aprile 2020
Smooth Slider

Conclusa definitivamente la stagione 2019-2020

L'Accademia Volley si allinea completamente alle decisioni federaliLa Federazione Italiana ...

Emergenza covid-19: tamponi e test rapidi processati al San Pio

Emergenza covid-19: tamponi e test rapidi processati al San Pio

L'’A.O.R.N. “San Pio” oggi 8 Aprile ha processato nr. 12 ...

Premio Strega Giovani e Liceo Giannone di Benevento

La Fondazione Bellonci, in collaborazione con l’associazione Piccoli Maestri, ha ...

L’Ospedale S. Cuore di Gesù – Fatebenefratelli di Benevento ringrazia la CIEC S.r.l. per il dono di “pacchi viveri”

L’Ospedale S. Cuore di Gesù – Fatebenefratelli di Benevento, attraverso ...

Scuola, Decreto Ammazzaprecari: nella giornata di oggi indetto sciopero del comparto istruzione del Sannio

14/02/2020
By

“Per la giornata di oggi 14 febbraio 2020, è stato indetto uno sciopero del comparto istruzione. Uno dei motivi della protesta è la tanto attesa stabilizzazione dei precari che dovrebbe avvenire, secondo le intenzioni del ministro Azzolina, con una procedura concorsuale che non trova il placet dei sindacati, nonché dei diretti interessati, ovvero gli oltre 100mila precari con tre anni di servizio.

Con la procedura prevista (80 quiz in 80 domande da superare con almeno 7/10) che dovrebbe “accontentare” solo 24mila precari a fronte di un numero almeno tre volte tanto, – scrive in una nota la professoressa sannita Mariagrazia De Castro – l’esito disastroso consisterà proprio in decine di migliaia di precari esodati. E quando si parla di precari, si parla di persone che hanno superato abbondantemente i 40 anni e che hanno prestato anche per oltre dieci anni servizio a tempo determinato nelle scuole.

Un territorio come il Sannio, che già soffre la perdita di alunni per lo spopolamento demografico, non può correre il rischio ulteriore di vedere letteralmente spazzare via da un decreto “ammazzaprecari”  e relative famiglie, persone che vivono – se va bene – con 8-9 mensilità di stipendio e tre mesi di disoccupazione e che ogni giorno devono accollarsi centinaia di chilometri per raggiungere la propria scuola (naturalmente con la propria automobile visto che i trasporti pubblici sono sempre più remoti). Senza sapere se l’anno prossimo ci ritorneranno e senza garantire agli studenti continuità  didattica.

Dovrebbe essere preoccupazione anche dei rappresentanti politici locali se queste famiglie di futuri esodati dovranno essere costrette a emigrare al Nord per continuare la propria professione di docente, professione che svolgono con passione e competenza, pur vedendosi sempre più umiliati da scelte scellerate e poco lungimiranti. Sempre preoccupazione della politica, dovrebbe essere anche la perdita di docenti con esperienza che da anni prestano servizio dando prestigio e qualità all’istituzione scolastica che è sempre più presidio non solo di cultura ma anche di legalità e civiltà”.

Tags: