venerdì 21 febbraio 2020 All’Unisannio la riunione annuale di HAEOLUS | infosannionews.it venerdì 21 febbraio 2020
In evidenza

Il 26 Febbraio parte il “Bus Talk” del Piccolo Festival della Politica

Il 26 Febbraio parte “Bus Talk” primo appuntamento della sezione ...

Cibo in Maschera Coldiretti: a Benevento torna Amatipico.Iniziativa di Campagna Amica su Corso Garibaldi

  Il Carnevale 2020 all'insegna del gusto autentico dei prodotti agroalimentari ...

Valle Caudina, controlli dei carabinieri: eseguiti arresti, denunce e sequestri di droga

Valle Caudina, controlli dei carabinieri: eseguiti arresti, denunce e sequestri di droga

Arresti, denunce e sequestri. E’ il bilancio dell’operazione di perlustrazione ...

“Io X Benevento” e Liceo Classico “P.Giannone”: al via i nuovi PCTO

“Io X Benevento” e Liceo Classico “P.Giannone”: al via i nuovi PCTO

L’’Associazione “IO X BENEVENTO” rende noto che, a partire dal ...

Lavoro, Rota (Fai Cisl): su CCNL Industria Alimentare un paradossale gioco al ribasso

“È paradossale che in un settore che è diventato motore ...

All’Unisannio la riunione annuale di HAEOLUS

17/01/2020
By

Nel 2020 al via la produzione di idrogeno nella cittadina norvegese di Berlevåg

Dal 15 al 17 gennaio si è tenuta all’Università del Sannio la riunione annuale del progetto europeo HAEOLUS (Hydrogen-Aeolic Energy with Optimised eLectrolysers Upstream of Substation), finanziato attraverso i programmi Horizon 2020 ed FCH2 JU per quasi 7 milioni di euro. Responsabile per l’ateneo sannita il prof. Luigi Glielmo, ordinario di Automatica, esperto di controllo di sistemi energetici. Il progetto mira a realizzare e ottimizzare il funzionamento di un elettrolizzatore e una cella a combustibile al servizio di una stazione eolica in una remota e gelida regione nel nord della Norvegia.  Si tratta di un passo in avanti nell’integrazione dell’energia eolica anche quando il vento non soffia: l’energia è infatti conservata in idrogeno, un elemento pulito ottenuto direttamente dall’acqua. Quando necessario, l’idrogeno viene riconvertito in elettricità (e acqua pulita) senza alcuna emissione di CO2 o inquinanti.
L’Università del Sannio si occupa del controllo e coordinamento di tutti i componenti dell’impianto e del controllo e ottimizzazione dei flussi di energia.

Il progetto è stato avviato nel gennaio 2018 e durerà 4 anni. Nel 2020 è previsto l’avvio della produzione di idrogeno nella cittadina norvegese di Berlevåg.  Alla riunione erano presenti tutti i partner: Sintef (Norvegia), Université Bourgogne Franche-Comté (Francia), Hydrogenics (Belgio), Verangen Kraft (Norvegia), Tecnalia (Spagna), KES Knoeldge Environment Security (Italia), oltre che Unisannio.

Tags:

             

Il Campionato del Benevento Calcio

SubitoCasa

Iesc Immobili e Servizi

Atelier Pantheon

Notizie dall’Italia

Previsioni del Tempo

archivio