mercoledì 29 gennaio 2020 Arrivano gli ‘xenobot’ i primi robot viventi fatti di cellule fuse alle macchine. | infosannionews.it mercoledì 29 gennaio 2020
In evidenza
Puzio(Moderati): “Bando Consud è una boccata di ossigeno per artigiani e aziende”

Puzio(Moderati): Bando Consud è una boccata di ossigeno per artigiani e aziende

Benevento - “Tengo ad informare i nostri artigiani di un’importante ...

Gesesa – Benevento: domani interruzione idrica per lavori di manutenzione in contrada San Vitale

Gesesa - Benevento: domani interruzione idrica per lavori di manutenzione in contrada San Vitale

Comunichiamo che a causa di un intervento di manutenzione sulla ...

Femminicidi, De Lucia (M5S): lodevole l'iniziativa di Canfora per richiamare attenzione sul tema della violenza.

"«Ho molto apprezzato l'iniziativa del rettore dell’Università del Sannio, Gerardo ...

La Dante Alighieri celebra la Shoah

ll Comitato di Benevento della Società "Dante Alighieri" comunica che ...

Decadenza Cataudo – Asea: “Finalmente la Cassazione interviene a fare chiarezza”

Decadenza Cataudo - Asea: Finalmente la Cassazione interviene a fare chiarezza

Sulla vicenda Asea, dopo la pronuncia della Cassazione, è la ...

Arrivano gli ‘xenobot’ i primi robot viventi fatti di cellule fuse alle macchine.

14/01/2020
By

Si chiamano ‘xenobot’, i primi robot viventi fatti di cellule staminali raccolte da rane e possono spostarsi e autoripararsi e sono biodegradabili.

Gli scienziati che li hanno creati li definiscono i primi robot viventi. “Una nuova classe di artefatti: un organismo vivente, programmabile”, spiega Joshua Bongard, l’informatico ed esperto di robotica dell’University of Vermont (Usa) che ha co-guidato la ricerca pubblicata su ‘Pnas’.

Il team che li ha ‘generati’ ha preso delle cellule viventi da embrioni di rana e le ha assemblate. Il risultato sono xenobot millimetrici che possono spostarsi verso un bersaglio,forse anche raccogliere un carico utile (come una medicina che deve essere trasportata in un punto specifico all’interno di un paziente) e autoripararsi dopo un taglio. Possono camminare e nuotare, sopravvivere per settimane senza cibo e lavorare insieme in gruppo.

La promessa che li accompagna è quella di far progredire la capacità dei farmaci di arrivare a destinazione, ma non solo: ci sarebbe spazio per loro persino nella pulizia dei rifiuti tossici. Per far capire di cosa si sta parlando, gli esperti fanno qualche esempio. Un libro è fatto di legno, ma non è un albero, evidenziano. Così gli xenobot sono “nuove macchine viventi”, afferma Bongard. “Non sono né un robot tradizionale né una specie conosciuta di animali”. Sono 100% Dna di rana, ma non sono rane. Le nuove creature sono state progettate su un supercomputer nell’ateneo del Vermont e poi assemblate e testate da biologi della Tufts University.

 

Tags:

             

Il Campionato del Benevento Calcio

SubitoCasa

Iesc Immobili e Servizi

Atelier Pantheon

Notizie dall’Italia

Previsioni del Tempo

archivio