mercoledì 14 Aprile 2021 Con il coro “La capolista se ne va” il Benevento saluta il 2019 strapazzando l’Ascoli | infosannionews.it mercoledì 14 Aprile 2021
Smooth Slider
Fernando Errico: “Officina di via Valfortore, garantire i livelli occupazionali”

Fernando Errico: “Officina di via Valfortore, garantire i livelli occupazionali”

“Condivido le preoccupazioni dei sindacati ed è giusto richiedere - ...

Pepe : “A Benevento una mera e fredda gestione del potere”

Pepe : A Benevento una mera e fredda gestione del potere

"L’ANAC ha annullato la nomina del Direttore Generale della Provincia ...

TPL,sulle preoccupazioni dei sindacati Mortaruolo chiede incontro con Cascone

TPL,sulle preoccupazioni dei sindacati Mortaruolo chiede incontro con Cascone

“A seguito delle preoccupazioni manifestate dalle organizzazioni sindacali del TPL, ...

Regione, Altrabenevento: parere negativo nuovo parcheggio Buonvento

Regione, Altrabenevento: parere negativo nuovo parcheggio Buonvento

"Nuovo parcheggio di 13.000 metri quadrati per ampliamento del Centro ...

Parità di genere nel contratto istituzionale di sviluppo della Provincia di Benevento

Parità di genere nel contratto istituzionale di sviluppo della Provincia di Benevento

Proseguono le consultazioni del Presidente della Provincia di Benevento Antonio ...

Tessere sanitarie: la Sen. Lonardo interroga i Ministri Franco e Speranza

Tessere sanitarie: la Sen. Lonardo interroga i Ministri Franco e Speranza

“Ho presentato in Senato una interrogazione al Ministro dell’Economia, Daniele ...

Con il coro “La capolista se ne va” il Benevento saluta il 2019 strapazzando l’Ascoli

29/12/2019
By

Match senza storia, troppo forte il Benevento di questi tempi per questa serie B.

Foto di Mario Pietronigro

Ancora una partita senza storia con il Benevento che continua ad affrontare i suoi avversari con la consapevolezza di esserne superiore cosa che puntualmente si verifica in campo. Anche oggi, a dispetto delle dichiarazioni pre partita dell’allenatore Zanetti, che forse voleva cosi’ esorcizzare la paura, i giallorossi hanno espresso una superiorita’ tecnico-tattica-atletica che li ha portati ad incasellare l’ennesima vittoria portando a 15 punti di vantaggio il distacco sulla terza in classifica battendo anche il record che deteneva la Juventus.

Queste le formazioni in campo:

Benevento Calcio: Montipo’, Antei, Tuia, Caldirola, Letizia, Kragl, Schiattarella, Viola, Tello, Coda, Sau. A disposizione : Manfredini, Gori, Del Pinto, Maggio, Volta, Improta, Basit, Gyamfi, Insigne, Di Serio, Hetemaj, Vokic. All. Filippo Inzaghi.

Ascoli Calcio : Leali, Andreoni, Briosco, Gravillon, Padoin, Cavion, Petrucci, Gerbo, Brlek, Ardemagni, Da Cruz. A disposizione : Lanni, Novi, Valentin, D’Elia, Troiano, Scamacca, Rosseti, Scorza, Piccinocchi, Maurizio, Pinho Matos.

Arbitro : Sig. Ayroldi Giovanni di Molfetta.

In un clima glaciale Benevento e Ascoli danno il via al penultimo match dell’ultima giornata del girone di andata della serie B. Il calcio d’inizio e’ degli ospiti in campo con il tradizionale completo bianco-nero mentre il Benevento sfoggia anche lui il tradizionale completo giallorosso. Il primo spunto degno di nota e’ al 6′ ed e’ del Benevento. Viola dalla tre quarti nella meta’ campo ascolana fa partire un fendente in area sul quale interviene Coda in deviazione volante e Leali e’ costretto ad allungarsi a terra per parare ed evitare che la palla entri in porta. Al 10′ cross in area di Letizia e la difesa ospite anticipa per un soffio Kragl sul secondo palo pronto all’inzuccata. Spunto di Coda al 14′ che prova il tiro l’entrata dell’area ma viene respinto da un difensore. Al 17′ gol dell’Ascoli viziato da un evidente fallo di mano non segnalato dal guardalinee ma visto pero’ dall’arbitro che annulla ed ammonisce Da Cruz. Al 20′ angolo per gli ospiti, batte Brlek, sulla parabola si infila Ardemagni che colpisce di testa e Viola sulla linea anticipa anche Montipo’ e libera. Al 25′ Coda riprende dai 20 metri una respinta della difesa e fa partire un tiro sporco che rimbalza a terra e schizza verso l’angolo sinistro di Leali che deve tuffarsi per deviare in corner. AL 27′ e’ Ardemagni che entra di testa su un cross dalla trequarti, Montipo’ ferma la palla che resta davanti a lui nell’area piccola ma Tuia libera in angolo. Schiattarella si fa rubare palla a centrocampo al 30′ e l’Ascoli si invola in contropiede, entra in area ma rinviene Caldirola che complice un tocco corto degli avanti bianconeri, consegna palla a Montipo’. Al 32′ viene ammonito Andreoni pe un fallo quasi al vertice della sua area di rigore. Batte la punizione Kragl e Tuia in area di rigore svetta ed infila Leali. Benevento 1 Ascoli 0. Ruba palla Schiattarella al 39′ e lancia subito in area dove Viola batte al volo e Leali blocca i due tempi. Si giunge cosi’ al 45′ con l’arbitro che manda le squadre negli spogliatoi senza recupero.

Rientrano in campo le squadre e subito al 2′ e’ Letizia che mette un traversone in area sul quale per poco sul secondo palo non arriva Antei per la battuta vincente. Passa un altro minuto e Kragl scende imperiosamente  giunge al limite, apre sulla destra per Coda che sterza verso il centro e fa partire una parabola a giro che esce di poco dall’incrocio dei pali. Al 5′ anche Gerbo finisce sul taccuino dei cattivi per aver atterrato Coda che stava avviandosi verso l’area avversaria. Al 6′ prima sostituzione della partita, la effettua l’Ascoli che manda in campo Scamacca per Brlek. Prima ammonizione anche nel Benevento, ne fa le spese Coda per un fallo su un avversario sulla propria tre quarti. Al 16′ anche Caldirola viene ammonito per un fallo su Ardemagni proprio mentre entra Hetemaj per Tello. Raddoppio del Benevento al 20′. Anticipo di Antei a centrocampo che si infortuna, palla in avanti a Hetemaj che da a Coda in area che batte a rete, Leali respinge e Sau entra sotto misura e di tacco infila la porta avversaria.  Benevento 2 Ascoli 0. Intanto Maggio entra al posto del l’infortunato Antei. Azione di Kragl sulla sinistra al 23′ che ubriaca piu’ avversari poi batte a rete ma la palla esce senza che nessuno la tocchi. Al 25′ negli ospiti esce Petrucci ed entra Troiano. Brutta entrata di Gravillon su Maggio al 29′ da punire con il rosso ma un mediocre arbitro come Ayroldi lo ammonisce soltanto. Al 38′ ultima sostituzione nell’Ascoli esce Da Cruz ed entra Rosseti. Al 39′ palla in area per Coda che da posizione impossibile prova il diagonale che esce attraversando tutta l’area bianconera. Al 43′ ci prova Scamacca dal limite ma la palla sorvola di poco la traversa. Nel frattempo nel Benevento ntra Volta ed esce Kragl. Al 44′ fallo su Letizia all’entrata dell’area sulla linea di fondo di Andreoni. Seconda ammonizione e cartellino rosso per il giocatore bianconero. L’arbitro concede 5 minuti di recupero e proprio al 1′ dell’extra time cross di Letizia per Sau che stoppa ed in diagonale batte Leali per la terza volta. Prima della fine della partita c’e’ tempo per la quarta rete. La sigla ancora Sau dopo un batte ribatti in area. Finisce 4 a 0 per il Benevento ed e’ un trionfo.

Negli spogliatoi mister Zanetti ha dichiarato : ” Mi viene difficile commentare un 4 a 0 anche se ci sono state cose positive. Siamo venuti qui per cercare di mettere in difficolta’ uno squadrone ma non siamo riusciti ad essere concreti. Il risultato e’ cosi’ rotondo che provo vergogna a commentarlo. Abbiamo preso il secondo gol in uscita e siamo stati ingenui. Al Benevento non puo’ lasciare nulla perche’ ti punisce subito. Nel calcio conta solo il risultato e difendere un quattro zero e’ impossibile ed io non voglio farlo. Al di là dei meriti del Benevento che sono assoluti. Questa partita deve farci capire il gap che c’e’ tra noi e chi e’ stato costruito per vincere. Al Benevento e’ quasi impossibile fare gol e  stasera ha anche  battuto il record della Juventus”.

Gerbo, uno dei protagonisti dell’Ascoli ha dichiarato : ” Il risultato e’ bugiardo perche’ se avessimo prestato piu’ attenzione non avremmo preso i primi due gol e staremmo qui a parlare in maniera diversa. Gli ultimi due gol forse sono avvenuti perche’ qualcuno aveva staccato la spina. In campo avevo l’impressione che ci eravamo”.

Sulla sponda giallorossa soddisfazione ed euforia. Mister Inzaghi ha cosi’ fotografato la partita ed il torneo fino ad oggi :” Bisogna fare i complimenti  a questi ragazzi ma come ho detto loro, questo deve essere solo l’inizio. C’e’ amarezza per Antei perche’ e’ un ragazzo eccezionale ed e’ l’unico neo di una serata fantastica. Questo infortunio lo frena un po’ ma noi lo aspetteremo. L’infortunio sembra grave ma dobbiamo aspettare gli esiti degli esami. Speriamo che il nostro medico si sbagli. Sulla partita devo dire che ero abbastanza tranquillo in panchina anche se l’Ascoli non si meritava una sconfitta cosi’ rotonda. Sono contento per Sau che abbiamo coccolato mentre lui si metteva sotto a lavorare perche’ erano due anni che non giocava. Ma parlare di singoli non e’ giusto  perche’ so che quando avro’ bisogno tutti saranno pronti. Sul mercato di Gennaio io sono in sintonia con la societa’ anche se ora dobbiamo vedere l’infortunio di Antei di che entita’ sara’”

Tags: