venerdì 13 dicembre 2019 300 Sardine in Piazza Federico Torre cantano “Bella Ciao” | infosannionews.it venerdì 13 dicembre 2019
In evidenza

Benevento Calcio. Inzaghi: Quelle come contro il Livorno sono le gare più difficili da giocare

Ecco alcune dichiarazioni rilasciate dal tecnico del Benevento, Pippo Inzaghi, ...

SSML Internazionale da oggi tirocini presso la Prefettura ed il Comune di Benevento

Benevento - Hanno preso il via oggi due nuovi importanti percorsi di ...

Benevento. Nati liquidi, il libro di Bauman e Leoncini, presentato al Hotel President

Un folto pubblico attento, di adulti e di giovani, ha ...

Puglianello. Plastic Free, il Comune regala borracce agli studenti delle scuole cittadine

Anche il Comune di Puglianello sarà presto “plastic free”. E’ difatti ...

Dugenta: Acceso l’Albero di Natale, via al cartellone delle feste.

L’Accensione dell’Albero di Natale nella centralissima Piazza Unità d’Itali è ...

300 Sardine in Piazza Federico Torre cantano “Bella Ciao”

01/12/2019
By

Tante le storie raccontate questo pomeriggio dai partecipanti che si sono dati appuntamento per manifestare con lo slogan “Benevento non si lega”.

Circa 300 le “sardine” che si sono incontrate questo pomeriggio in Piazza Federico Torre. Bambini, giovani e anziani per dire no alla retorica dell’odio.  Ogni partecipante ha voluto raccontare una storia perchè ” la piazza è di tutti e chiunque vuole raccontare una storia  può farlo. Il pensiero è come l’oceano non può essere arginato”.

Presente anche l’ex Sindaco di Arpaise, Mena Laudato, che ha dichiarato : ““Le organizzazioni dei partiti sono vecchie e farraginose , occorre smuovere le coscienze. Noi vogliamo affrontare problemi seri come il Mezzogiorno, la disoccupazione e le aree interne. Dovrebbe essere all’ordine  del giorno ma c’è una sorta di addormentamento. Sono un’avversaria di Salvini, ma  i giovani devono capire che l’uguaglianza, la libertà e i valori antirazzisti devono essere prioritari. Occorre darsi una mossa darsi una mossa, altrimenti la Lega vincerà anche al Sud e in alcune città già lo fa”.

Presente anche Mino Mortaruolo, dirigenti dela Cgil,  Amerigo Ciervo e qualcun altro. Peccato però che, come hanno detto parecchi partecipanti,  Benevento non è città di sardine, “siamo troppo pochi”. Sintetizzando questo è stato il loro pensiero  : “Benevento è città di caminetti e stanze chiuse, non di piazze e sardine”.

 

Tags:

             

Il Campionato del Benevento Calcio

Atelier Pantheon

SubitoCasa

Iesc Immobili e Servizi

Notizie dall’Italia

Previsioni del Tempo

archivio