lunedì 21 ottobre 2019 Sentenza Strasburgo: Riflessione di Compatibilità tra Ergastolo e Principio Rieducativo del prof.Palmieri dell’Unifortunato | infosannionews.it lunedì 21 ottobre 2019
In evidenza

“Due passi e mezzo nella storia”. Il Club Ruote Storiche di Benevento proietterà il documentario mercoledi 23 Ottobre

In prosecuzione dell’ attività di conoscenza, scoperta e valorizzazione del ...

Sismabonus ed Ecobonus, giovedì 24 ottobre convegno al DEMM Unisannio

Giovedì 24 ottobre, alle ore 14:30, presso l'Aula Magna del ...

Piena Solidarietà ai lavoratori dello STIR di Casalduni dal gruppo consiliare “Democratici di Casalduni”

Piena Solidarietà ai lavoratori dello STIR di Casalduni dal gruppo consiliare Democratici di Casalduni

"Il gruppo politico di opposizione consiliare, «Democratici di Casalduni», esprime ...

Conclusa la convention Associazione Nazionale Città del Vino

Con la riunione dell’Assemblea dell’Associazione Nazionale Città del Vino presso ...

Benevento. Circa 500 turisti in visita alla Rocca dei Rettori

Quattro diverse comitive di turisti hanno visitato nella mattinata odierna ...

Valle Telesina. I Caabinieri denunciano una persona in stato di Libertà

Valle Telesina. I Caabinieri denunciano una persona in stato di Libertà

Foglio di via per altri due e due giovani segnalati ...

Sentenza Strasburgo: Riflessione di Compatibilità tra Ergastolo e Principio Rieducativo del prof.Palmieri dell’Unifortunato

09/10/2019
By

Il commento del Prof. Giuseppe Maria Palmieri dell’UniFortunato.

La decisione della Grande Camera della Corte Europea dei Diritti dell’Uomo, pronunciata il 7 Ottobre 2019 in occasione del “Caso Viola”, risulta di particolare interesse – ha commentato il prof. Giuseppe Maria Palmieri, docente di Diritto Penale dell’UniFortunato – in quanto afferma il principio secondo cui il, cosiddetto, ergastolo ostativo – previsto dall’art. 4 bis dell’o.p. italiano – risulta in contrasto con l’art. 3 della CEDU, che prevede che «nessuno può essere sottoposto a tortura né a pene o trattamenti inumani o degradanti».

In specie, dalla richiamata disposizione dell’ordinamento penitenziario viene preclusa, nei confronti dei condannati per determinate fattispecie delittuose, tra cui quelle in materia di criminalità organizzata, la possibilità di godere degli ordinari benefici previsti dalla legislazione italiana in materia di ergastolo, se non a condizione di divenire collaboratori di di giustizia.

Tale decisione – ha concluso il Prof. Palmieri – al di là di porre nuovamente l’attenzione sulla disparità di trattamento dei detenuti fondata sul possesso o meno della qualifica di “pentito”, si pone come nuova occasione di riflessione sulla più ampia questione, già più d’una volta sollevata innanzi alla Corte costituzionale, relativa alla dubbia compatibilità della pena dell’ergastolo, ex art. 22 c.p., con il principio rieducativo della pena affermato dall’art. 27 co. 3 della Costituzione italiana.

Tags:

             

Il Campionato del Benevento Calcio

Atelier Pantheon

SubitoCasa

Iesc Immobili e Servizi

Notizie dall’Italia

Previsioni del Tempo

archivio