lunedì 21 ottobre 2019 Mercoledì 9 Valentina Farinaccio presenta l’ultimo libro “Quel giorno” | infosannionews.it lunedì 21 ottobre 2019
In evidenza

“Due passi e mezzo nella storia”. Il Club Ruote Storiche di Benevento proietterà il documentario mercoledi 23 Ottobre

In prosecuzione dell’ attività di conoscenza, scoperta e valorizzazione del ...

Sismabonus ed Ecobonus, giovedì 24 ottobre convegno al DEMM Unisannio

Giovedì 24 ottobre, alle ore 14:30, presso l'Aula Magna del ...

Piena Solidarietà ai lavoratori dello STIR di Casalduni dal gruppo consiliare “Democratici di Casalduni”

Piena Solidarietà ai lavoratori dello STIR di Casalduni dal gruppo consiliare Democratici di Casalduni

"Il gruppo politico di opposizione consiliare, «Democratici di Casalduni», esprime ...

Conclusa la convention Associazione Nazionale Città del Vino

Con la riunione dell’Assemblea dell’Associazione Nazionale Città del Vino presso ...

Benevento. Circa 500 turisti in visita alla Rocca dei Rettori

Quattro diverse comitive di turisti hanno visitato nella mattinata odierna ...

Valle Telesina. I Caabinieri denunciano una persona in stato di Libertà

Valle Telesina. I Caabinieri denunciano una persona in stato di Libertà

Foglio di via per altri due e due giovani segnalati ...

Mercoledì 9 Valentina Farinaccio presenta l’ultimo libro “Quel giorno”

07/10/2019
By

Mercoledì 9 ottobre alle 18:30. Al Caffè Orto di Casa Betania verrà presentato l’ultimo libro di Valentina Farinaccio “Quel giorno – Racconti dell’attimo che ha cambiato tutto” ( edizioni Utet).

All’incontro organizzato dall’associazione Culture e Letture parteciperanno oltre l’autrice, Elide Apice e Chiara Marcasciano.

Sinossi: Una sera di marzo a Princeton, un fotografo insistente, un ultimo scatto prima di andare – e la foto di Albert Einstein che fa la linguaccia diventa un’icona del Novecento, a ricordare a tutti che si può essere geni senza perdere l’impertinenza. Un freddo giorno islandese, una stretta di mano tra due uomini in paltò davanti al mondo intero – Ronald Reagan e Michail Gorbačëv avevano messo la parola fine alla Guerra fredda. Una festa parrocchiale, una chitarra da 15 sterline e quel momento di coraggio che permette a John di presentarsi a Paul – se non ci fosse stato quell’attimo, yesterday sarebbe rimasto un giorno come un altro.

La storia di tutti, e anche la Storia con la S maiuscola, spesso gira intorno a un istante, un incontro, un giorno preciso. Due persone si imbattono l’una nell’altra, una telefonata accende la notte, certi sentieri si incrociano in nodi invisibili e improvvisamente c’è un prima e un dopo. Così nascono le leggende, così iniziano i movimenti che cambiano il mondo, così si ridisegnano i contorni di un’esistenza, o di molte più di una.

Come sfogliando un album di Polaroid, Valentina Farinaccio ci racconta le storie di quei giorni speciali: da Marilyn Monroe a Greta Thunberg, da Battisti e Mogol a Steve Jobs, da Raymond Carver a Massimo Troisi, ritroviamo in ogni racconto la magia e l’emozione di quando tutto è cambiato e nessuno lo sapeva ancora, di quegli attimi straordinari che appartenevano a un giorno qualunque. Quel giorno.

Valentina Farinaccio è nata a Campobasso e da molti anni vive a Roma. Il suo primo romanzo, La strada del ritorno è sempre più corta (Mondadori, 2016), ha vinto il premio Rapallo Opera Prima, il premio Kihlgren, e Adotta un esordiente. Il suo secondo libro è “Le poche cose certe”.
Giornalista e critico musicale, scrive per “Il Venerdì di Repubblica”, e parla di musica su Radio Capital e Rai1.

Tags:

             

Il Campionato del Benevento Calcio

Atelier Pantheon

SubitoCasa

Iesc Immobili e Servizi

Notizie dall’Italia

Previsioni del Tempo

archivio