lunedì 21 ottobre 2019 Vendemmia 2019. Si prospetta meno quantità ma migliore qualità | infosannionews.it lunedì 21 ottobre 2019
In evidenza

“Due passi e mezzo nella storia”. Il Club Ruote Storiche di Benevento proietterà il documentario mercoledi 23 Ottobre

In prosecuzione dell’ attività di conoscenza, scoperta e valorizzazione del ...

Sismabonus ed Ecobonus, giovedì 24 ottobre convegno al DEMM Unisannio

Giovedì 24 ottobre, alle ore 14:30, presso l'Aula Magna del ...

Piena Solidarietà ai lavoratori dello STIR di Casalduni dal gruppo consiliare “Democratici di Casalduni”

Piena Solidarietà ai lavoratori dello STIR di Casalduni dal gruppo consiliare Democratici di Casalduni

"Il gruppo politico di opposizione consiliare, «Democratici di Casalduni», esprime ...

Conclusa la convention Associazione Nazionale Città del Vino

Con la riunione dell’Assemblea dell’Associazione Nazionale Città del Vino presso ...

Benevento. Circa 500 turisti in visita alla Rocca dei Rettori

Quattro diverse comitive di turisti hanno visitato nella mattinata odierna ...

Valle Telesina. I Caabinieri denunciano una persona in stato di Libertà

Valle Telesina. I Caabinieri denunciano una persona in stato di Libertà

Foglio di via per altri due e due giovani segnalati ...

Vendemmia 2019. Si prospetta meno quantità ma migliore qualità

20/09/2019
By

Le stime presentate questa mattina indicano una diminuizione di produzione rispetto allo scorso anno, tra il 5 ed il 10%, ma con un prodotto di qualità superiore. Ed il prezzo ?

Camera di Commercio, Cia, Coldiretti, Assoenologi e Floriano Panza, sindaco di uno dei 5 comuni protagonisti che hanno fatto del Sannio la Capitale Europea del Vino nonchè coordinatore del progetto, hanno presentato questa mattina le proiezioni di questa campagna di raccolta delle uve che di qui a qualche giorno inizierà e terminerà all’incirca verso la metà del mese prossimo.

Tutti concordi sul fatto, e non poteva essere diversamente anche perchè sono dati tecnico-statistici, che quest’anno ci sarà un leggero calo della produzione, tra il 5% ed il 10%, range di sicurezza perchè è in proiezione sulle condizioni atmosferiche di qui ad un mese e sulla quantità di pigne d’uva esistenti nei vitigni, ma con una qualità maggiore. Partendo da questi dati sui quali sono tutti concordi resta da conoscere l’ultima variabile : e il prezzo ?

E qui è parso che qualche differenziazione possa esserci. C’è la posizione di Floriano Panza che senza mezzi termini ha detto che quantità inferiore con qualità superiore deve portare ad un aumento dei prezzi anche se non si è capito di quanto vorrebbe che si innalzasse, rischiando quindi di portare fuori mercato il prodotto. Molto più prudente la posizione di Raffaele Amore sul problema che prevede un prezzo ancora stazionario salvo poi, se la qualità dovesse restare la stessa, avere delle ripercussioni positive sul prezzo, ma tra qualche anno. Diversa ancora è parsa la posizione di Masiello, anche se non troppo, che ha predicato attenzione, attenzione alle speculazioni. Piuttosto bisogna approfittarne per fare promozione e marketing a favore del territorio non chiudendo la porta anche lui ad un aumento del prezzo ma … senza speculazioni !

 

 

 

 

 

 

Tags:

             

Il Campionato del Benevento Calcio

Atelier Pantheon

SubitoCasa

Iesc Immobili e Servizi

Notizie dall’Italia

Previsioni del Tempo

archivio