lunedì 21 ottobre 2019 Qualità dell’acqua. Il M5S chiede la Chiusura dei Pozzi ormai ai Limiti di Potabilità | infosannionews.it lunedì 21 ottobre 2019
In evidenza

“Due passi e mezzo nella storia”. Il Club Ruote Storiche di Benevento proietterà il documentario mercoledi 23 Ottobre

In prosecuzione dell’ attività di conoscenza, scoperta e valorizzazione del ...

Sismabonus ed Ecobonus, giovedì 24 ottobre convegno al DEMM Unisannio

Giovedì 24 ottobre, alle ore 14:30, presso l'Aula Magna del ...

Piena Solidarietà ai lavoratori dello STIR di Casalduni dal gruppo consiliare “Democratici di Casalduni”

Piena Solidarietà ai lavoratori dello STIR di Casalduni dal gruppo consiliare Democratici di Casalduni

"Il gruppo politico di opposizione consiliare, «Democratici di Casalduni», esprime ...

Conclusa la convention Associazione Nazionale Città del Vino

Con la riunione dell’Assemblea dell’Associazione Nazionale Città del Vino presso ...

Benevento. Circa 500 turisti in visita alla Rocca dei Rettori

Quattro diverse comitive di turisti hanno visitato nella mattinata odierna ...

Valle Telesina. I Caabinieri denunciano una persona in stato di Libertà

Valle Telesina. I Caabinieri denunciano una persona in stato di Libertà

Foglio di via per altri due e due giovani segnalati ...

Qualità dell’acqua. Il M5S chiede la Chiusura dei Pozzi ormai ai Limiti di Potabilità

19/09/2019
By

Benevento – “La seconda conferenza dei servizi, – commentano le Consigliere del M5S al Comune di Benevento Marianna Farese Anna Maria Mollica –  tenutasi il 18 settembre scorso, per l’accertamento della contaminazione dei siti nell’area dei pozzi di Campo Mazzone e Pezzapiana, ha rimandato ulteriormente l’adozione di provvedimenti certi a tutela dell’ambiente e della salute della cittadinanza, pur trovandosi in presenza di un preoccupante superamento dei valori di concentrazione del tetracloroetilene rilevato nella piana della falda.

Le Consigliere del M5S Farese e Mollica 

Dopo diversi mesi inutilmente trascorsi,  – continua la nota – si è deciso di riconvocare la conferenza fra altri trenta giorni, in attesa della definizione di un dettagliato Piano di Caratterizzazione per individuare i responsabili delle contaminazioni!

Ricordiamo che il Piano di Caratterizzazione, contemplato dal titolo V del decreto legislativo 152/2006 (Codice dell’Ambiente), è la prima fase di una caratterizzazione ambientale che si identifica nell’insieme delle attività che permettono di ricostruire fenomeni di contaminazione a carico delle matrici ambientali, in modo da ottenere le informazioni di base a supporto delle decisioni realizzabili e sostenibili per la eventuale messa in sicurezza e/o bonifica definitiva.

Intervenendo il 18 febbraio scorso, il MoVimento 5 Stelle, per il quale fare opposizione non significa solo denunciare gli errori e le omissioni della maggioranza, proponeva al Sindaco, per il benessere della collettività amministrata, di affidare all’Università del Sannio l’incarico di redigere il Piano di Caratterizzazione delle zone dei pozzi Campo Mazzone e Pezzapiana, richiedendo apposito contributo economico alla Regione Campania, che lo aveva già concesso per analogo problema al comprensorio Solofra-Montoro, per il quale era prevista una messa in sicurezza di emergenza di alcuni pozzi tramite impianti con filtri a carboni attivi.

La nostra proposta  – spiegano le consigliere pentastellate – è caduta nel vuoto e si sono persi preziosi mesi di tempo nella sterile contrapposizione di dati sulla persistente potabilità e sulla contaminazione dei pozzi, attestata storicamente dall’Arpac dal lontanissimo 2003.

Nel frattempo, è rimasto inalterato l’allarme tetracloroetilene, le cui drammatiche concentrazioni di queste ore potrebbero portare alla dichiarazione di non potabilità dell’acqua fornita ad oltre mezza città: Rione Ferrovia, Centro Storico e Rione Libertà

A questo punto, per evitare un’ulteriore perdita di tempo, – concludono Farese e Mollica –  che continuerebbe ad esporre a rischio la popolazione, occorre chiudere i pozzi e richiedere altra acqua dal Biferno.

Se tale soluzione ottimale non fosse possibile nell’immediato, per evitare la completa interruzione dell’erogazione idrica chiediamo che in via temporanea si effettui la messa in sicurezza dei predetti pozzi tramite filtri a carboni attivi”.

 

Tags: , ,

             

Il Campionato del Benevento Calcio

Atelier Pantheon

SubitoCasa

Iesc Immobili e Servizi

Notizie dall’Italia

Previsioni del Tempo

archivio