domenica 7 Giugno 2020 Cadute di Stile del Presidente Iacovella.Netta Condanna del PD Sannita | infosannionews.it domenica 7 Giugno 2020
Smooth Slider

We can't breathe, la protesta per la morte di George Floyd anche a Benevento

Questo pomeriggio, organizzata da L@pAsilo 31 e da il Coordinamento ...

Azienda Sanitaria San Pio, tutti negativi i tamponi processati oggi

Azienda Sanitaria San Pio, tutti negativi i tamponi processati oggi

L’A.O.R.N. “San Pio” ha processato in data odierna nr. 79 ...

Conferenza ASL: per il M5S Mastella è in costante crisi d’identità

Conferenza ASL: per il M5S Mastella è in costante crisi d’identità

Il sindaco di Benevento gioca a confondere le carte e ...

AltraBenevento : “Abbattimenti e ricostruzioni a Benevento, un affare da 83 a 320 milioni di euro”

AltraBenevento : Abbattimenti e ricostruzioni a Benevento, un affare da 83 a 320 milioni di euro

L'assessore Pasquariello si lamenta per la "caccia alle streghe" ma ...

Pd. Questi i componenti della squadra dei Responsabili Tematici della Provincia di Benevento

Pd. Questi i componenti della squadra dei Responsabili Tematici della Provincia di Benevento

In queste settimane di confinamento sociale a causa del Coronavirus, ...

Da domani sarà attivo il blog di promozione territorialeMangiaSannio

Sarà attivo da domani il blog di promozione territoriale “MangiaSannio”. ...

Cadute di Stile del Presidente Iacovella.Netta Condanna del PD Sannita

14/09/2019
By

Benevento – Riceviamo e pubblichiamo la nota stampa a firma della segreteria provinciale del Partito Democratico.

“È nostro precipuo dovere condannare, nettamente, le parole e lo stile di Pasquale Iacovella, Sindaco di Casalduni e Presidente dell’ATO Rifiuti.
Parole offensive e volgari rivolte nei confronti di una giovane brillante amministratrice dei «Democratici di Casalduni». Gruppo da sempre caratterizzatosi, benché fuori dal clamore dei social, per la totale vicinanza ai lavoratori dello Stir. Lavoratori che purtroppo, come hanno più volte rimarcato le organizzazioni sindacali, sono stati abbandonati dalle istituzioni e dalla politica.
Definire «munnezza» una giovane donna per il solo fatto di interessarsi dei destini di 41 operai oggetto di licenziamento collettivo appartiene alla dimensione squallida della politica politicante cui da sempre rifuggiamo.
L’azione e il confronto pubblico possono essere anche aspri e crudi ma mai dovrebbero valicare i limiti dell’educazione dell’umano rispetto.
Non vi sono buone ragioni né motivi di contesto che possano giustificare, in alcun modo, tali comportamenti. Farebbe, pertanto, cosa molto apprezzabile il Presidente dell’Ato Rifiuti se, riconosciuta la propria caduta di stile, chiedesse scusa. Le persone perbene usano fare così”.

 

Tags: