mercoledì 14 Aprile 2021 Inflazione:760 euro in meno su redditi familiari tra il 2011 e il 2012 | infosannionews.it mercoledì 14 Aprile 2021
Smooth Slider
Fernando Errico: “Officina di via Valfortore, garantire i livelli occupazionali”

Fernando Errico: “Officina di via Valfortore, garantire i livelli occupazionali”

“Condivido le preoccupazioni dei sindacati ed è giusto richiedere - ...

Pepe : “A Benevento una mera e fredda gestione del potere”

Pepe : A Benevento una mera e fredda gestione del potere

"L’ANAC ha annullato la nomina del Direttore Generale della Provincia ...

TPL,sulle preoccupazioni dei sindacati Mortaruolo chiede incontro con Cascone

TPL,sulle preoccupazioni dei sindacati Mortaruolo chiede incontro con Cascone

“A seguito delle preoccupazioni manifestate dalle organizzazioni sindacali del TPL, ...

Regione, Altrabenevento: parere negativo nuovo parcheggio Buonvento

Regione, Altrabenevento: parere negativo nuovo parcheggio Buonvento

"Nuovo parcheggio di 13.000 metri quadrati per ampliamento del Centro ...

Parità di genere nel contratto istituzionale di sviluppo della Provincia di Benevento

Parità di genere nel contratto istituzionale di sviluppo della Provincia di Benevento

Proseguono le consultazioni del Presidente della Provincia di Benevento Antonio ...

Tessere sanitarie: la Sen. Lonardo interroga i Ministri Franco e Speranza

Tessere sanitarie: la Sen. Lonardo interroga i Ministri Franco e Speranza

“Ho presentato in Senato una interrogazione al Ministro dell’Economia, Daniele ...

Inflazione:760 euro in meno su redditi familiari tra il 2011 e il 2012

13/07/2012
By

Pietro Giordano, Adiconsum: “In Italia rischio stagflazione” 760 euro in meno su redditi familiari tra il 2011 e il 2012. Basta tassazione indiretta. Si tassino i grandi patrimoni immobiliari e mobiliari.

I dati ISTAT sul tasso di inflazione e sull’aumento del carrello della spesa (+4,4%), in una situazione di recessione quale l’attuale, rischiano di creare una miscela esplosiva che può avviarci – dichiara Pietro Giordano, Segretario Generale Adiconsum nella nota – a un’inflazione pericolosissima per le famiglie e le imprese. Non a caso, purtroppo, i maggiori incrementi inflattivi si registrano su abbigliamento ecalzature (+2,4%), abitazione, acqua, elettricità e carburanti (+6,4%), prodotti alimentari (+2,7%) e trasporti (+5,9).
Queste voci sono dirompenti – prosegue Giordano – sul reddito delle famiglie e comporteranno una decurtazione del reddito familiare di circa 760 euro. Si riproponecosì il “raffreddamento” del costo dei carburanti che hanno un effetto domino sull’intero carrello della spesa e sulla bolletta energetica su cui gravano costi
pesantissimi non più sostenibili soprattutto dalle famiglie più numerose con consumi maggiori e con redditi minori.

Non è possibile – conclude Giordano – continuare a tassare i redditi dei consumatori più deboli con balzelli vari (accise, Iva, tassazione locale etc.). Si tassino i grandi patrimoni immobiliari e mobiliari troppo spesso frutto di evasione fiscale non certo operata da lavoratori dipendenti e pensionati”.
Print This Post Print This Post