sabato 24 agosto 2019 Sannio Falanghina premia due artisti iraniani. I due fratelli Amir e Vishka Sabet Azar | infosannionews.it sabato 24 agosto 2019
In evidenza

Non convince il Benevento a Pisa. Lo salva Montipò al 94°. Pisa 0 Benevento 0

Giallorossi a fasi alterne ma con un centrocampo troppo macchinoso ...

Città Spettacolo, cambia l’ordinanza sugli alcolici.Vendita fino alle 3 come da normativa nazionale

Città Spettacolo, cambia l'ordinanza sugli alcolici.Vendita fino alle 3 come da normativa nazionale

Dopo la protesta dei commercianti del centro storico contro l’ordinanza ...

Geo-Paleontological Summer School: Quattordici studenti delle scuole per tre giorni al Paleolab di Pietraroja

Si  parte il 29 agosto Quattordici studenti dell’ultimo e penultimo anno delle ...

Città Spettacolo. Il Festival incontra la stampa ogni giorno alle ore 12,00

Città Spettacolo. Il Festival incontra la stampa ogni giorno alle ore 12,00

Nell'ambito della XL edizione di“Benevento Città Spettacolo” non mancherà “Il ...

Gestione Rifiuti: convocato il Consiglio Provinciale di Benevento

Gestione Rifiuti: convocato il Consiglio Provinciale di Benevento

Il Presidente della Provincia di Benevento, Antonio Di Maria, ha ...

I giovani del Summer Camp ELIS-ACEA progettano l’innovazione ecosostenibile.

Intelligenza artificiale al servizio di acqua, energia e ambiente.  “Dobbiamo iniziare ...

Sannio Falanghina premia due artisti iraniani. I due fratelli Amir e Vishka Sabet Azar

13/08/2019
By

La Capitale europea del Vino 2019, Sannio Falanghina, premia gli artisti Amir e Vishka Sabet Azar, i due fratelli iraniani che hanno scelto di denunciare nelle proprie opere ogni forma di violenza contro le donne. Sannio Falanghina, impegnata sul territorio a valorizzare e tutelare la bellezza del paesaggio, promuove il ruolo delle donne nel settore vitivinicolo con il supporto dell’Associazione Le Donne del Vino.

Amir e Vishka – già protagonisti nel Museo Arcos di Benevento – si sono trasferiti nel Sannio, vivendo in una residenza d’artista e preparando le opere per le nuove mostre nel loro studio beneventano: Amir rappresenta le donne figlie della guerra nei loro ricordi e nelle loro nostalgie, donne tristi che vivono nel passato e nella speranza del futuro; Vishka dipinge la denuncia, donne ombre nella strada, donne che hanno perso se stesse per cercare la felicità, donne che non esistono per la società, donne senza voce che, senza essere madri, hanno prestato il proprio corpo per procreare.

Lo scorso anno hanno esposto alla Fondazione Mazzullo, nella sede del Palazzo dei Duchi di Santo Stefano a Taormina, in occasione della mostra “I Grandi di Persia”, con la presentazione critica di Vittorio Sgarbi. E non solo. Nel 2016 hanno partecipato a Padova al Festival Babele a Nord-Est, sempre a cura di Vittorio Sgarbi, nell’ambito dell’evento “La condizione della donna in Iran e altrove”.

Tags:

             

Atelier Pantheon

SubitoCasa

Iesc Immobili e Servizi

Notizie dall’Italia

Previsioni del Tempo

archivio