sabato 14 dicembre 2019 Sannio Falanghina premia due artisti iraniani. I due fratelli Amir e Vishka Sabet Azar | infosannionews.it sabato 14 dicembre 2019
In evidenza
Diocesi Cerreto Sannita. Natale 2019, la gioia dell’incontro con l’altro

Diocesi Cerreto Sannita. Natale 2019, la gioia dell’incontro con l’altro

Natale 2019, la gioia dell’incontro con l’altro, a partire da ...

Interno Notte, il cinema e il teatro come mezzi per ricreare mondi.

Gli eventi del neonato gruppo "Interno Notte" presso il Cinema ...

V Giornata dedicata al malato oncologico, domani 15 Dicembre a Telese Terme

Si svolgerà domani mattina, Domenica 15 Dicembre, presso la “Sala ...

Dugenta. L'amministrazione aderisce al progetto Io ho un sogno

Ufficializzata l’adesione al progetto promosso dalla Regione Campania e dall’Agenzia ...

Incontri filosofici al Giannone: Massimo Squillante, Gerarda Fattoruso e Maria Grazie Olivieri

Il ciclo di incontri filosofici “Γνῶθι σεαυτόν” (Conosci te stesso), ...

“Io ho un sogno. Il futuro è donna

Voucher per la formazione delle donne in età lavorativa. La Regione ...

Sannio Falanghina premia due artisti iraniani. I due fratelli Amir e Vishka Sabet Azar

13/08/2019
By

La Capitale europea del Vino 2019, Sannio Falanghina, premia gli artisti Amir e Vishka Sabet Azar, i due fratelli iraniani che hanno scelto di denunciare nelle proprie opere ogni forma di violenza contro le donne. Sannio Falanghina, impegnata sul territorio a valorizzare e tutelare la bellezza del paesaggio, promuove il ruolo delle donne nel settore vitivinicolo con il supporto dell’Associazione Le Donne del Vino.

Amir e Vishka – già protagonisti nel Museo Arcos di Benevento – si sono trasferiti nel Sannio, vivendo in una residenza d’artista e preparando le opere per le nuove mostre nel loro studio beneventano: Amir rappresenta le donne figlie della guerra nei loro ricordi e nelle loro nostalgie, donne tristi che vivono nel passato e nella speranza del futuro; Vishka dipinge la denuncia, donne ombre nella strada, donne che hanno perso se stesse per cercare la felicità, donne che non esistono per la società, donne senza voce che, senza essere madri, hanno prestato il proprio corpo per procreare.

Lo scorso anno hanno esposto alla Fondazione Mazzullo, nella sede del Palazzo dei Duchi di Santo Stefano a Taormina, in occasione della mostra “I Grandi di Persia”, con la presentazione critica di Vittorio Sgarbi. E non solo. Nel 2016 hanno partecipato a Padova al Festival Babele a Nord-Est, sempre a cura di Vittorio Sgarbi, nell’ambito dell’evento “La condizione della donna in Iran e altrove”.

Tags:

             

Il Campionato del Benevento Calcio

Atelier Pantheon

SubitoCasa

Iesc Immobili e Servizi

Notizie dall’Italia

Previsioni del Tempo

archivio