martedì 13 Aprile 2021 La Fai Cisl affida a San Giovanni Gualberto tutti i forestali vittime di angosce e preoccupazioni | infosannionews.it martedì 13 Aprile 2021
Smooth Slider
Fernando Errico: “Officina di via Valfortore, garantire i livelli occupazionali”

Fernando Errico: “Officina di via Valfortore, garantire i livelli occupazionali”

“Condivido le preoccupazioni dei sindacati ed è giusto richiedere - ...

Pepe : “A Benevento una mera e fredda gestione del potere”

Pepe : A Benevento una mera e fredda gestione del potere

"L’ANAC ha annullato la nomina del Direttore Generale della Provincia ...

TPL,sulle preoccupazioni dei sindacati Mortaruolo chiede incontro con Cascone

TPL,sulle preoccupazioni dei sindacati Mortaruolo chiede incontro con Cascone

“A seguito delle preoccupazioni manifestate dalle organizzazioni sindacali del TPL, ...

Regione, Altrabenevento: parere negativo nuovo parcheggio Buonvento

Regione, Altrabenevento: parere negativo nuovo parcheggio Buonvento

"Nuovo parcheggio di 13.000 metri quadrati per ampliamento del Centro ...

Parità di genere nel contratto istituzionale di sviluppo della Provincia di Benevento

Parità di genere nel contratto istituzionale di sviluppo della Provincia di Benevento

Proseguono le consultazioni del Presidente della Provincia di Benevento Antonio ...

Tessere sanitarie: la Sen. Lonardo interroga i Ministri Franco e Speranza

Tessere sanitarie: la Sen. Lonardo interroga i Ministri Franco e Speranza

“Ho presentato in Senato una interrogazione al Ministro dell’Economia, Daniele ...

La Fai Cisl affida a San Giovanni Gualberto tutti i forestali vittime di angosce e preoccupazioni

12/07/2012
By

Oggi 12 luglio ricorre la Festa di San Giovanni Gualberto, Patrono dei lavoratori Forestali. «La Fai Cisl – dichiara il suo Segretario generale Augusto Cianfoni – affida al Santo fiorentino di Vallombrosa le tante preoccupazioni e tutte le angosce di cui sono vittime settantamila operai in tutta Italia, specie in Campania, Basilicata, Calabria, Sicilia e Sardegna.

Questa Festa non è soltanto del Corpo Forestale dello Stato, cioè delle Guardie in divisa, ma è la festa anche degli Operai forestali, quelli che lavorano ogni giorno con occupazione precaria e salari sempre più miseri nei cantieri montani e nelle attività antincendio alle dipendenze di Regioni, Comunità Montane, Consorzi forestali o di sedicenti Aziende o Enti regionali come Afor in Calabria o EFS in Sardegna. A questi lavoratori il Paese dovrebbe più considerazione e riconoscenza perchè sono gli avamposti di una presenza operosa in montagna, spesso nonostante le Amministrazioni da cui dipendono. Per essi i sindacati agroalimentari confederali tra cui la Fai Cisl chiedono occupazione più stabile e salari adeguati alla loro indiscussa professionalità. Ma sia l’occupazione che il salario abbiamo sempre voluto che discendessero dalla pianificazione di opere gestite secondo criteri imprenditoriali, purtroppo inascoltati da Regioni e Amministrazioni prevalentemente estranee ad una minima cultura dell’efficienza e degli investimenti. Oggi qualcosa pare muoversi nel museo delle cere! Al Convegno nazionale del 9 luglio scorso abbiamo ribadito questi concetti e abbiamo raccolto la convinta adesione del Ministro Catania, dei Ministeri per la Coesione Territoriale e dell’Ambiente come pure dell’ANCI. Non abbiamo potuto rilevare il pensiero delle Regioni la cui assenza non abbiamo apprezzato. Vuol dire che, a prescindere dalla sovrastruttura di sedicente coordinamento nazionale, discuteremo di queste cose con le singole Regioni alcune delle quali già apprezziamo per lungimiranza e consapevolezza sui complessi problemi della cura del territorio e nello specifico di una Forestazione produttiva. Per quanto riguarda specificamente gli operai dipendenti dal Corpo Forestale dello Stato preghiamo San Giovanni Gualberto affinchè il Ministro Catania riesca a disboscare quel sottobosco di burocrazie che fino ad oggi hanno costruito anche nel CFS un sistema duale in cui ai principi sono riservati i diritti e ai cafoni soltanto i doveri».

Print This Post Print This Post