giovedì 6 Ottobre 2022 Progetto di Autonomia Differenziata delle Regioni. Del Basso De Caro: “Un netto No!” | infosannionews.it giovedì 6 Ottobre 2022
  • Ucraina, De Luca annuncia: "Una grande manifestazione per la pace a Napoli sabato 29 ottobre".
Smooth Slider

Apollosa, la maggioranza: Dalla minoranza solo polemiche pretestuose!

"Il Consiglio Comunale di Apollosa, in data 4 ottobre, al ...

Benevento la città con più contagiati nel periodo dal 28 settembre al 4 Ottobre

Maglia nera della Campania Benevento con 391 contagiati nel periodo ...

Maglione: «Minacce a Volpe provano che Sannio non è un’oasi felice».

Maglione: «Minacce a Volpe provano che Sannio non è un’oasi felice».

«Nell’esprimere la mia solidarietà al direttore dell’Asl Gennaro Volpe, invito ...

Pubblicato il bando della decima edizione di Cinefrutta riservato alle scuole medie e superiori

È online il bando della decima edizione di Cinefrutta, il ...

Telese Terme e Viterbo, “gemellate” grazie alle terme e al telesino Antonio Di Pietro

L’evento di presentazione del libro di Antonio Di Pietro è ...

Imprese: “boom” di adesioni a Limatola per sos a governo contro cartelle esattoriali.

“E’ stato un vero e proprio successo l’avvio della raccolta ...

Stampa articolo Stampa articolo

Progetto di Autonomia Differenziata delle Regioni. Del Basso De Caro: “Un netto No!”

09/07/2019
By

on.le Umberto Del Basso De Caro PD

“Il «No» a questo progetto di «Autonomia differenziata» deve essere chiaro, senza se e senza ma. Si tratta  – commenta l’on.Umberto Del Basso De Caro PD – di un progetto che non c’entra nulla con l’autonomia e che di fatto rompe l’equilibrio di unità del Paese generando rischi potenziali che cambieranno la storia delle future generazioni.

Va contrastata in modo netto una deriva che rischia di realizzare, postumo, il progetto originario della Lega. C’è molto di più di un processo di autonomia delle Regioni nella proposta che il Governo sta analizzando: ci sono due scuole, due welfare, due velocità e nessuna perequazione. Ciò che manca invece è un reale e serio progetto di autonomia che rientri in un virtuoso processo riformista regionalista e federale.
Nessuno, infatti, può pensare di avviare un processo di questa portata senza che contemporaneamente e preventivamente lo Stato stabilisca i fabbisogni standard, i suoi costi e un fondo perequativo che compensi le distanze storiche fra nord e sud. Ciò che, invece, viene proposto è in realtà un cocktail micidiale di egoismo istituzionale che incide direttamente sulle minori risorse che saranno destinate al sud a vantaggio del nord e stabilirà per sempre una differenza di cittadinanza fra gli italiani”.

Tags: ,